7.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Tamponi rapidi gratuiti a Mestre, grande affluenza: posti esauriti in pochi attimi

Hometamponi e testTamponi rapidi gratuiti a Mestre, grande affluenza: posti esauriti in pochi attimi
la notizia dopo la pubblicità

Ha riscosso grande interesse da parte della cittadinanza l’iniziativa gratuita che ha coinvolto l’Ulss 3 “Serenissima”, l’assessorato regionale alla Sanità e l’Amministrazione comunale, nell’ambito del “Progetto di Screening per il contrasto alla diffusione di COVID-19 nei contesti di socializzazione”.
Dalle ore 16 in piazzale Donatori di Sangue, a Mestre, molte persone si sono messi in fila davanti al gazebo allestito dalla Protezione civile del Comune di Venezia in attesa di sottoporsi al tampone di terza generazione. Pochi minuti dopo l’apertura della struttura mobile, sono andati esauriti i 250 ticket consegnati per effettuare gli altrettanti test gratuiti messi a disposizione per lo screening.
Ideata in un’ottica di prevenzione e promozione della salute, l’attività di screening è servita a valutare la circolazione virale soprattutto nelle fasce di popolazione socialmente attive attraverso tamponi nasali rapidi di terza generazione. Nel team che ha eseguito i tamponi presenti medici specializzati, medici allievi della Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina preventiva e tecnici di laboratorio.
La Protezione civile del Comune di Venezia

oltre all’allestimento dei gazebo ha curato l’aspetto logistico dell’iniziativa: “Sono stati impegnati 15 volontari del Gruppo comunale di Protezione civile – ha confermato il responsabile Francesco Vascellari – che hanno provveduto a predisporre i percorsi di sicurezza attraverso i quali è stata garantita la distanza tra le persone in fila. E’ stata registrata un’affluenza superiore a quella prevista, alle 14:30 si è presentata la prima persona in attesa di poter effettuare il tampone. Pochi minuti dopo le 16 abbiamo consegnato i 250 ticket a disposizione per assegnare gli altrettanti tamponi messi a disposizione dalla struttura sanitaria”.
L’iniziativa è stata coordinata dalla Direzione Prevenzione, Sicurezza Alimentare, Veterinaria della Regione del Veneto con la collaborazione di Azienda Zero, le Aziende ULSS Regione del Veneto, l’Università degli Studi di Padova, l’Università degli Studi di Verona.
In rappresentanza dell’Amministrazione comunale il vicesindaco con delega alla Protezione civile, Andrea Tomaello, che ha espresso soddisfazione per la risposta della cittadinanza:

“Il Comune di Venezia collabora volentieri con l’iniziativa che vede tra gli altri attori coinvolti la Regione Veneto e l’Università degli Studi di Padova – ha detto – Il progetto di screening con i test rapidi è un’opportunità per chi frequenta il centro della città, ma soprattutto è utile al fine di promuovere i comportamenti corretti per contrastare il diffondersi dell’epidemia”.
“Voglio ringraziare gli addetti della Protezione Civile comunale che, nonostante il grande afflusso di persone
sono riusciti a gestire in maniera egregia la sicurezza di tutti. L’iniziativa di oggi sia da monito per far capire ai cittadini che l’emergenza non è ancora finita e dobbiamo mantenere alta l’attenzione”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. VIDEO

Moighea, a Venezia si canta una nuova canzone. In rima, con una melodia orecchiabile e quell'ironia tipica del dialetto veneziano. La cornice e lo sfondo sono proprio la città, in questa estate 2021: un anno e mezzo di emergenza sanitaria da...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva