Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
13.2C
Venezia
mercoledì 03 Marzo 2021
HomeActvTagli agli stipendi per pandemia, dipendenti Actv sul piede di guerra

Tagli agli stipendi per pandemia, dipendenti Actv sul piede di guerra

Tagli agli stipendi Actv a causa della pandemia. In realtà, non veri e propri ‘tagli’, bensì voci integrative che non possono più essere assicurate.
Si tratta di indennità e maggiorazioni che normalmente compongono il salario dei dipendenti Actv che oggi non possono più essere garantite a causa della situazione provocata dalla pandemia.
“È una follia totale, non puo’ esistere una cosa del genere”.
Sono le parole del consigliere comunale veneziano di Fratelli d’Italia, Francesco Zingarlini, dipendente Actv, che commenta all’Agenzia ‘Dire’.
Il tema è la disdetta degli accordi integrativi della contrattazione di secondo livello decisa dal gruppo Avm.
“Ci e’ arrivata una comunicazione via Whatsapp

che ci avvisa che da marzo e’ tagliata la contrattazione di secondo livello su direttiva del direttore Avm Giovanni Seno”, spiega Zingarlini.
“Con i colleghi stiamo parlando da tre o quattro ore, lo stipendio passa da circa 1.600 euro a 1.100, per guidare un mezzo sette ore al giorno, sei giorni la settimana, con i turni e tutte le responsabilita’ che comporta”, continua il consigliere comunale.
“I sindacati si stanno organizzando, penso che ci sarà uno sciopero e spero che si manterrà la compattezza dei lavoratori”, conclude Zingarlini, anticipando l’intenzione di portare il tema all’attenzione del Consiglio comunale.
Contattato dalla ‘Dire’, il direttore Avm/Actv Giovanni Seno, non ha commentato.

(Rip.)
Tagli agli stipendi Actv a causa della pandemia. In realtà, non veri e propri ‘tagli’, bensì voci integrative che non possono più essere assicurate.
Si tratta di indennità e maggiorazioni che normalmente compongono il salario dei dipendenti Actv che oggi non possono più essere garantite a causa della situazione provocata dalla pandemia.
“È una follia totale, non puo’ esistere una cosa del genere”.
Sono le parole del consigliere comunale veneziano di Fratelli d’Italia, Francesco Zingarlini, dipendente Actv, che commenta all’Agenzia ‘Dire’.
Il tema è la disdetta degli accordi integrativi della contrattazione di secondo livello decisa dal gruppo Avm.
“Ci e’ arrivata una comunicazione via Whatsapp

che ci avvisa che da marzo e’ tagliata la contrattazione di secondo livello su direttiva del direttore Avm Giovanni Seno”, spiega Zingarlini.
“Con i colleghi stiamo parlando da tre o quattro ore, lo stipendio passa da circa 1.600 euro a 1.100, per guidare un mezzo sette ore al giorno, sei giorni la settimana, con i turni e tutte le responsabilita’ che comporta”, continua il consigliere comunale.
“I sindacati si stanno organizzando, penso che ci sarà uno sciopero e spero che si manterrà la compattezza dei lavoratori”, conclude Zingarlini, anticipando l’intenzione di portare il tema all’attenzione del Consiglio comunale.
Contattato dalla ‘Dire’, il direttore Avm/Actv Giovanni Seno, non ha commentato.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.