6.1 C
Venezia
domenica 05 Dicembre 2021

Tabaccheria di Santa Croce apre l’angolo del riuso solidale

HomeL'iniziativaTabaccheria di Santa Croce apre l'angolo del riuso solidale
la notizia dopo la pubblicità

ennio zane

Tabaccheria di Santa Croce apre l’angolo del riuso solidale.

C’è chi prende una maglietta e lascia un paio di scarpe, chi sceglie un libro in cambio di un orsacchiotto di peluche. All’interno di una tabaccheria tra campo San Giacomo da l’Orio e campo San Stin, a Santa Croce, c’è una stanza dedicata ad un progetto di solidarietà.

Si chiama “Angolo del Riuso solidale” e la sua mission, spiega il tabaccaio edicolante, Ennio Zane, è aiutare le persone in difficoltà in questo periodo: “Noi a casa abbiamo tante cose che non utilizziamo più, ma quelle stesse cose possono avere valore per una persona. Ad esempio chi non può permettersi di acquistare un cappotto e chi non può fare la spesa”.

Nulla si compra e nulla si vende, è infatti vietato il “transito” di denaro. La logica è un po’ quella del baratto ma non è determinante, nel senso che chi ha bisogno di qualcosa ma non ha nulla da lasciare, può comunque avere i prodotti.

E’ un progetto di volontariato nato a gennaio scorso, dopo l’acqua alta eccezionale che aveva messo in difficoltà attività e famiglie. L’attività ha ripreso un paio di settimane fa con l’aggravarsi dell’emergenza sanitaria che ha inferto un altro duro colpo alle attività, soprattutto coloro che lavorano nel settore turistico. “Grazie ad una signora che ha diffuso la notizia su gruppi whatsapp – spiega Zane – l’angolo del riuso solidale ha iniziato a riempirsi e oggi abbiamo in media tra le 15 e le 20 persone al giorno che vengono a prendere o lasciare qualcosa”.

Tra loro famiglie di residenti in difficoltà con figlie minori, che vivono grazie alla cassa integrazione di uno solo dei genitori e qualche ex lavoratrice che faceva le pulizie negli appartamenti turistici. Ex operatori a chiamata che oggi non hanno sussidi né contributi, i nuovi poveri di questo difficile periodo.

“Sono persone che fino a poco tempo fa lavoravano e che faticano a rivolgersi alla Caritas o alla parrocchia – continua il tabaccaio-edicolante – Spesso proprio chi ha più bisogno fa fatica a chiedere, e il messaggio che vogliamo dare è quello di un angolo di solidarietà “informale” all’interno di una qualsiasi tabaccheria e non di un’associazione o istituzione, crea meno imbarazzo”.

All’interno della stanza della solidarietà c’è un po’ di tutto: indumenti e giocattoli, scarpe e libri, prodotti alimentari a lunga conservazione e qualche igienizzante per la casa, scaldabiberon, una biciclettina per bambini, qualche zainetto per la scuola e marsupi. Non mancano cappotti e piumini per l’arrivo dell’inverno.

“Non vogliamo sostituirci alle associazioni di volontariato – conclude Zane – ma semplicemente dare una mano alle famiglie in difficoltà della zona. Una sorta di “solidarietà di quartiere” che sta iniziando a farsi conoscere e con la quale è iniziata una collaborazione con la parrocchia”.

Giorgia Pradolin

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Banchi souvenir in Piazza San Marco: più grandi e più ordinati

In arrivo nuove regole per i banchi di souvenir in piazza San Marco: stamani il sopralluogo sul posto  dell'assessore Costalonga. Il Comune è infatti al lavoro per riformare il vecchio regolamento per gli ambulanti del mercato di piazza San Marco, risalente al...

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Dove si buttano le batterie a Venezia? E un cellulare? Ecco luoghi e orari: è una “ecomobile”

Forse non tutti sanno che a Venezia esiste un' "Ecomobile" acquea itinerante, che raccoglie alcune tipologie di rifiuti urbani pericolosi. Utile, pertanto, ricordarne orari e luoghi, anche perché con l’ora solare, da martedì 9 novembre, sono cambiati gli orari. E’ stata inoltre istituita...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.