20.4 C
Venezia
giovedì 29 Luglio 2021

Suem 118 dell’Ulss 3, in un anno quasi 100 mila interventi: uno ogni 5 minuti

HomePronto soccorsoSuem 118 dell'Ulss 3, in un anno quasi 100 mila interventi: uno ogni 5 minuti

Continua a crescere l’attività del Suem 118 dell’Ulss 3: secondo i dati anticipati dalla centrale operativa di Mestre sono state gestite nel territorio provinciale nel 2020, 99.704 missioni di soccorso primario, pari a una ogni 5 minuti, in quantità stabile rispetto all’anno precedente.

«Si è verificata una riduzione delle missioni durante il lockdown della prima ondata epidemica – ha spiegato il direttore dell’Ulss 3 Giuseppe Dal Ben – che è stata poi però compensata dall’incremento dell’ultimo trimestre a seguito della seconda ondata». Delle quasi centomila missioni di soccorso primario effettuate, 49.300 hanno riguardato il Veneziano; 19.268 soccorsi si sono svolti nell’area di Dolo-Mirano; 7.586 interventi sono stati fatti nell’area di Chioggia e i restanti si sono svolti nel territorio del Veneto orientale.

Sono state classificate in codice rosso il 12% delle missioni, in codice giallo il 35%, in codice verde il 31% e in codice bianco il 22%. «Rispetto all’anno precedente – ha continuato Dal Ben – si è registrato un aumento del 15% delle chiamate alla centrale Suem 118, che sono passate dalle 305.777 dello scorso anno alle 352.851 del 2020, in media una ogni 90 secondi. Anche in questo caso si è registrato sul lavoro del Suem l’effetto della pandemia, e alla gestione della pandemia anche il 118 ha contribuito adattando il proprio lavoro alle esigenze del servizio e della popolazione. La centrale operativa di Mestre, a cui va il ringraziamento per l’impegno, ha infatti gestito quasi 100.000 chiamate con richieste di informazioni e di consigli relativi all’epidemia, parte delle quali gestite con l’intervento poi del medico di medicina generale, di continuità assistenziale o delle Unità speciali Covid-19 delle Usca». Oltre alle missioni di soccorso il Suem 118 ha svolto 20.450 missioni di trasporto “secondario” da ospedale ad ospedaleo da ospedale a strutture non ospedaliere, molte delle quali urgenti, in gran parte legate al trasferimento di pazienti affetti di Covid-19.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.