Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
11.1C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021

SEGNALAZIONI

HomeAltre NotizieStudentesse morte per lo stesso batterio della meningite: di 'tipo C'

Studentesse morte per lo stesso batterio della meningite: di ‘tipo C’

Studentesse morte per lo stesso batterio della meningite di 'tipo C'

Le due studentesse di Milano uccise dalla meningite, una lo scorso luglio, l’altra lo scorso novembre, erano state infettate dallo stesso batterio. Lo ha confermato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Walter Ricciardi, dopo che all’ISS sono state effettuate le analisi specifiche sul ceppo di meningococco di tipo C individuato come causa della malattia.

La Regione Lombardia peraltro, sentite le autorità sanitarie, esclude che sia necessaria una vaccinazione generale, confermando che avranno inizio venerdì prossimo le 140 vaccinazioni previste per la profilassi.

Ricciardi, dopo le analisi effettuate oggi all’Istituto Superiore di Sanità, ha confermato che quello che ha ucciso a novembre la studentessa della Statale “è lo stesso batterio che ha provocato il caso di luglio. Si tratta di un batterio del ceppo di meningococco di tipo C, un batterio che sembra aggressivo. Per ora ci sono stati casi sporadici ma la scoperta incoraggia tutte le strategie per la prevenzione, che sono la profilassi già fatta sui contatti stretti (avuti dalle due studentesse) e una offerta attiva del vaccino alla popolazione”.

Secondo Ricciardi, proprio gli adulti sono tra le categorie più esposte al batterio. “Questi casi ci ricordano che da anni offriamo il vaccino per il meningococco C ai bambini e questo li protegge. La fascia più esposta è proprio quella degli adulti che non sono vaccinati, fermo restando che una copertura capillare dei bambini limita la circolazione del batterio e di fatto protegge anche gli adulti”.

La Regione Lombardia ha peraltro precisato che sui due casi di meningite accertati alla Statale di Milano “non è possibile determinare con certezza l’identità genetica con il ceppo di meningococco”. L’assessore regionale alla Sanità, Giulio Gallera, ha diffuso una nota per sottolineare che “dall’analisi richiesta ed eseguita dall’Istituto Superiore di Sanità sul materiale biologico disponibile l’ATS Milano ha comunicato che non e’ possibile determinare con certezza l’identità genetica
con il ceppo di meningococco del caso segnalato a luglio scorso”.

La Regione Lombardia e l’ATS della Citta’ Metropolitana “si e’ comunque mossa immediatamente e in maniera preventiva proponendo la profilassi, contemplando anche la possibilità che i due casi potessero essere correlati. La profilassi proposta e le vaccinazioni sono dunque un intervento adeguato anche nell’ ipotesi di collegamento dei due casi”.

Le vaccinazioni delle 140 persone per le quali l’ATS ha previsto la somministrazione di vaccino cominciano venerdì prossimo “ma – ha sottolineato Gallera – non vi è alcuna necessita’ di una vaccinazione generale.

08/12/2016

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.