Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
9.8C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeLavoroStretta sui dipendenti pubblici: malattie, visite fiscali, permessi sul mirino

Stretta sui dipendenti pubblici: malattie, visite fiscali, permessi sul mirino

Aperta la strada sulla contrattazione che vedrà sul tavolo anche le regole su malattia e congedi. Si potrebbe intervenire su alcune modalità di fruizione dei permessi, come quelli della legge 104 del 1992

Dipendenti pubblici, niente rinnovo del contratto

Altro giro di vite sui dipendenti pubblici. Nuove misure sui furbetti del cartellino, su chi è indisposto il venerdì o il lunedì, su chi applica uno scarso rendimento in ufficio, ed è allo studio una revisione della famosa Legge 104. La novità di oggi riguarda le assenze per malattia dei dipendenti pubblici che verranno controllate non più dalle Asl, ma dall’Inps: sarà creato un polo unico della medicina fiscale che lavorerà sia per verificare i dipendenti del privato che del pubblico.

Inserito tra le deleghe della legge Madia, il testo Unico del pubblico impiego è ora pronto a essere operativo e rendere più severi i controlli. Il decreto attuativo della riforma della Pubblica amministrazione dovrebbe così arrivare in Consiglio dei ministri per metà febbraio. L’obiettivo è quello di massimizzare l’efficienza delle verifiche e scoprire chi truffa e specula. Si va verso fasce orarie di reperibilità, in cui farsi trovare a casa, armonizzate, con controlli più rigidi e mirati degli attuali. L’attività ispettiva sarà strettamente monitorata e guidata da un enorme cervellone informatico dell’Istituto di previdenza che gestisce i dati di 6,2 milioni di cittadini tra lavoratori e pensionati.

Sarà dunque l’Inps a sorvegliare sulle assenze per malattia nel pubblico impiego. Le Asl saranno quindi messe da parte, con la creazione di un polo unico della medicina fiscale, lo stesso sia per i dipendenti del privato che del
pubblico. Si va quindi verso fasce orarie di reperibilità, in cui farsi trovare a casa, armonizzate, con controlli che anche per gli statali potranno basarsi sul ‘cervellone’ informatico dell’Istituto di previdenza.

Ci si aspettano quindi visite ‘mirate’ e, da quanto si apprende, sarà possibile anche ripeterle se è il caso. Un cambiamento non da poco, trapelato subito dopo il capodanno dei vigili urbani di Roma (era l’inizio del 2015). Inserito tra le deleghe della legge Madia e ora pronto a diventare realtà, con una operazione che investe il pubblico impiego guardando a quello che già accade nel settore privato.

L’obiettivo è quello di andare, per così dire, a ‘colpo sicuro’, massimizzando l’efficienza dei controlli. D’altra parte l’Inps dispone di un sistema computerizzato, in grado di immagazzinare tutti i certificati medici e di riscoprire così le ‘storie’ di ciascuno. Competenze e risorse saranno così spostate dalle Asl all’Inps. Sarà inoltre rafforzata la posizione dei 1.300 medici presenti nelle liste speciali. Si tratta di personale sottoposto a un regime di incompatibilità, per evitare conflitti d’interesse tra controllore e controllato. Dovrebbe
essere assicurata loro continuità professionale, così da permettere una maggiore specializzazione e l’attività in via esclusiva.

Le formule con cui mettere a punto il nuovo sistema sono in via di definizione. Si sta anche studiando un modo per armonizzare le fasce orarie per la visita: se nel pubblico le ore giornaliere sono sette nel privato scendono a quattro. D’altra parte con accertamenti ‘intelligenti’ l’arco temporale di reperibilità potrebbe non essere così esteso. Quanto alla possibilità di ripetere il controllo, nel privato in teoria c’è già adesso, anche se in qualche modo il destinatario dovrebbe essere avvisato (si può fare il bis per verificare il risultato di un’analisi).

Il decreto sarà oggetto di un confronto ufficiale con i sindacati prima dell’approdo in Cdm, mentre già martedì prossimo, 7 febbraio, ci sarà un passaggio con le Regioni. E, dopo il via libera di palazzo Chigi, il provvedimento dovrà raccogliere i vari pareri, inclusi quelli parlamentari, per chiudere verso maggio. Intanto si dovrebbe riaprire la contrattazione, che vedrà sul tavolo anche le regole su malattia e congedi. Si potrebbe intervenire su alcune modalità di fruizione dei permessi, come quelli della legge 104 del 1992, rivedendo le procedure sui preavvisi. Insomma un doppio binario per riformare il pubblico impiego.

La Funzione pubblica della Cgil, via Facebook, ribadisce “l’auspicio” affinché “a breve ci sia un incontro”, in modo da avviare “il superamento della legge Brunetta”. Il sindacato mette in chiaro che ci sono punti imprescindibili, come anche “gli 80 euro per il comparto sicurezza” su cui “sembra che il governo stia smentendo gli impegni presi”. Tanto che, avverte: se non ci saranno i “provvedimenti giusti siamo pronti alla mobilitazione”.

Anche il segretario confederale della Cisl, Maurizio Bernava, spinge per un confronto il più presto possibile: “siamo davanti a una pagina delicata e se fallisce il lavoro pubblico fallisce anche il lavoratore pubblico. Dai dati sull’invecchiamento a quelli sulle assunzioni emerge come sia necessaria una svolta”.

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...