7.5 C
Venezia
giovedì 02 Dicembre 2021

Squid Game portata in una chiavetta in Corea del Nord: studente verrà fucilato

HomeDal MondoSquid Game portata in una chiavetta in Corea del Nord: studente verrà fucilato
la notizia dopo la pubblicità

Squid Game, la serie che sta battendo tutti i record di ascolti, è vietata in Corea Nord.
Condanne a morte, ergastoli e carcere duro per gli studenti, un futuro nelle miniere di carbone per i loro professori: la Corea del Nord schiaccia così senza pietà non una rivolta anti-regime ma il traffico della ‘famigerata’ serie Squid Game, che non solo è straniera ma ‘addirittura’ sudcoreana.

Tutto ha inizio la scorsa settimana, riferisce una fonte a Radio Free Asia: uno studente entra in possesso di una chiavetta usb che contiene la serie, che ha stracciato tutti i record di ascolto – e la mostra a un compagno di classe. In breve si scatena il tam-tam, con alcuni studenti disposti a pagare per i video. Ma in Corea del Nord nulla passa inosservato, qualcuno fa la spia e la cosa arriva sul tavolo dell’Unità 109, ufficio molto temuto che contrasta la diffusione dei video illegali.

Nella provincia di Hamgyong scoppia il putiferio: il giovane che avrebbe portato la chiavetta di rientro dalla Cina – dove Squid game non è visibile, ma dove girano molte copie pirata – viene condannato a morte, il suo compagno all’ergastolo.

Altri sei studenti ‘beccati’ a vedere la serie targata Netflix sono stati condannati a 5 anni di carcere duro.
E non solo: i professori e i dirigenti scolastici licenziati, ora “quasi sicuramente” saranno sbattuti a lavorare nelle miniere di carbone o nelle remote regioni rurali.

Ora nella regione “è caccia all’uomo, si cercano tutti i complici e la popolazione è preoccupata”, dice la fonte.
A dicembre dello scorso anno il regime ha approvato la ‘Legge per l’eliminazione del pensiero e della cultura reazionari’ che proibisce l’ingresso e la divulgazione nel Paese di materiale culturale straniero come film, musica e libri.

Il provvedimento ha lo scopo di impedire la diffusione di contenuti prodotti dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti.
Nelle settimane successive Pyongyang ha diramato un ‘invito’ affinché i cittadini avessero un ruolo ancora più attivo nel riferire i “comportamenti illegali” alle autorità, includendo un elenco di 20 ‘reati’ prioritari, tra cui appunto la diffusione di materiale straniero, sia digitale che cartaceo che in ogni altra forma.

Il primo a farne le spese, l’aprile scorso, è stato un certo “Lee” accusato di contrabbando di cd che contenevano film sudcoreani, oltretutto piratati: dopo una spiata è stato arrestato e in meno di 40 giorni portato davanti a un plotone di esecuzione in una piazza di Wonsan, con l’intera famiglia costretta ad assistere alla fucilazione.

Succede in Corea del Nord, nelle stesse ore in cui uno Youtuber americano mette in scena un “Real Life Squid Game”, 456 giocatori in carne e ossa che ‘giocano a uccidersi’ come nella serie. Video subito virale, costato un mese di lavoro e finanziato con tre milioni e mezzo di dollari da Brawl Stars, titolare del gioco per smart phone.
Qui con Squid Game si muore solo per finta, non come a Pyongyang.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

“Studenti con le gonne: i soliti per rappresentare un mondo alla rovescia”. Lettere

Gli studenti maschi del liceo classico Zucchi di Monza hanno indossato la gonna durante le lezioni per protestare contro il sessimo. A Parte il fatto che per rappresentare il sesso femminile avrebbero dovuto indossare dei maschilissimi jeans, il grottesco e ridicolo gesto...

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Psoriasi, nuova cura: Secukinumab risulta efficace e può arrivare presto

Psoriasi, c'è una nuova cura: Secukinumab. Finalmente, dopo tante speranze e dopo tanti falsi miti, arriva una buona notizia su una patologia della pelle che riguarda 125 milioni di persone nel mondo. Psoriasi, c'è una nuova cura che promette molto bene e, soprattutto,...

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Marinaio ‘sprezzante’, alterco in motoscafo Actv

E' ormai un quarto alle 8 e alla fermata di San Pietro di Castello non si vede ancora all'orizzonte il motoscafo Actv con direzione Fondamente Nove, quello che porta i dipendenti dell'Ospedale Civile a lavorare (7,39 sul tabellone). "Passano altri cinque, dieci,...

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....