3.8 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Spinea, quella casa in via Mion era una base per lo spaccio

HomeSicurezzaSpinea, quella casa in via Mion era una base per lo spaccio
la notizia dopo la pubblicità

Droga: Carabinieri scoprono altra casa dello spaccio a Spinea. Cinque stranieri arrestati

I Carabinieri di Spinea lo monitoravano da alcuni giorni quell’appartamento di via Mion dove era stato notato un sospetto andirivieni di persone.

Alle prime luci dell’alba di venerdì mattina sono scattate le manette per cinque cittadini extracomunitari, originari del Gambia, senza fissa dimora ed irregolari sul territorio nazionale, per detenzione di stupefacente ai fini di spaccio.

I cinque pusher, erano stati notati nei giorni scorsi anche in Via Piave e domiciliavano tutti all’interno dell’appartamento di Via Mion a Spinea, dove i carabinieri hanno rinvenuto decine di dosi di marijuana già pronte per la vendita e destinate al mercato mestrino.

Il primo pusher ad essere notato mentre sostava davanti all’ingresso del condominio di Via Mion, è stato M.A.K., 37 enne, trovato in possesso di alcune dosi di marijuana.

Durante il controllo in strada i carabinieri si accorgono anche di un secondo pusher, J.Y., 33enne, che temendo di essere scoperto tenta di disfarsi invano di ben 38 dosi della medesima droga lanciandola e cercando di occultarla sotto le autovettura parcheggiate lunga la via.

L’intervento repentino dei militari ha consentito di recuperare tutto lo stupefacente e di proseguire il controllo estendendolo all’appartamento di via Mion all’interno del quale vengono scoperti altri tre complici, C.M. classe 1987, F.L. classe 1986 e J.M. classe 2000.

In casa, disseminati in tutte le stanze, vengono rinvenute altre dosi di marijuana, il materiale di confezionamento, i bilancini di precisione, telefoni cellulari dedicati, un’agendina con nomi, numeri di telefono e diversi appunti relativi a somme di denaro e quasi 2000 euro in contanti suddivisi in banconote di vario taglio, ritenuto provento di una fiorente attività di spaccio.

Complessivamente sono oltre 300 i grammi di marijuana rinvenuta e sequestrata. A questo punto il quadro è inequivocabile: i cinque uomini vengono dichiarati in stato di arresto per concorso nella detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

Inoltre, all’interno del ripostiglio dell’appartamento, sono state rinvenute anche due baionette, un pugnale e un residuato bellico inerte.

Sono in corso gli accertamenti da parte dei carabinieri circa la loro provenienza. L’operazione si inserisce in una serie di controlli del territorio che proseguiranno nei prossimi giorni, intensificandoli soprattutto nelle aree di spaccio più segnalate.

Il problema della droga è di dimensioni tale che rappresenta allarme sociale ovunque. Anche Spinea non sfugge a questa logica tanto che, nel passato, sono stati individuati anche giovanissimi dediti allo spaccio.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

Bentornati turisti a Venezia. Tutti contenti ora. Lettere al giornale

Bentornati turisti. Mercoledì. Motoscafo 4.2 che alle 17.20 imbarca al pontile di San Pietro in direzione Fondamente Nuove. Primi posti, rigorosamente quelli riservati agli invalidi, una coppia nonostante tutta la cabina sia per metà libera. Evidente che sui quei posti c’è più spazio per...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...

“Venezia è tutta centro storico, ma vedo gente non residente a passeggio”. Lettere

Emergenza Covid: Ordinanza regionale 151: si può passeggiare solo "al di fuori delle strade, piazze del centro storico della città, delle località turistiche, e delle altre aree solitamente affollate". Venezia tutta centro storico, fatta di strade non certo rurali, è località turistica,...

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

“Venezia ‘Non è ecologica’, si può tranquillamente morire di smog”. Di Michele De Col (*)

Ancora una volta Venezia viene estromessa da qualunque provvedimento contro lo smog : natanti e navi possono continuare ad inquinare nonostante i valori ambientali siano spesso peggiori della terraferma! Chi tutela la salute di veneziani e ospiti in centro storico? Nessuno !

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 15 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente hai già letto nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del...