Simone Moreira condannata dalla Corte di Cassazione per la figlia annegata

195

Simone Moreira, la donna di nazionalità brasiliana inizialmente incriminata per la morte della figlia, Giuliana Favaro, di due anni, è stata condannata dalla Corte di Cassazione.
La Corte ha respinto i ricorsi dell’accusa e delle parti civili, ed ha confermato la condanna a due anni e mezzo di reclusione per il reato di omicidio colposo.

Il fatto risale alla sera del 2 settembre del 2009, quando la piccola, nel corso di una passeggiata a Oderzo, sparì alla vista della mamma e fu ritrovata oltre un’ora dopo, morente, nelle acque del fiume Monticano.
Accusata di omicidio volontario, Moreira fu condannata in primo grado a dieci anni di reclusione per abbandono di minore aggravato dalla morte della bambina. La pena fu ridotta in appello, nel maggio dello scorso anno, a due anni e sei mesi per il reato di omicidio colposo, pronunciamento rispetto al quale la Procura ed i legali dei congiunti della piccola presentarono ricorso alla Cassazione.
Ieri sera il pronunciamento dei magistrati romani che hanno ritenuto valida la sentenza di secondo grado.

Redazione

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here