spot_img
12.8 C
Venezia
sabato 23 Ottobre 2021

Sicurezza, carabinieri di Mestre fermano straniero con documenti falsi

HomeSicurezzaSicurezza, carabinieri di Mestre fermano straniero con documenti falsi

Sicurezza, carabinieri di Mestre fermano straniero con documenti falsi

I Carabinieri della Compagnia di Mestre, oltre ad assicurare gli ordinari
servizi di pattugliamento e quelli a carattere straordinario per il
contrasto dello spaccio di stupefacenti, hanno posto particolare attenzione
alla vigilanza degli obiettivi definiti “sensibili” (come scali ferroviari,
aeroportuali e marittimi e attività ricettive) nell’ambito di una campagna
all’insegna del contrasto al terrorismo, effettuando una serrata attività di
controllo su passeggeri e mezzi in arrivo e partenza verso gli altri Paesi
europei, in particolare bus e furgoni che effettuano tratte internazionali e
nei bed and breakfast disseminati in città.

In tale contesto di serrati controlli fatti di posti di blocco e controlli a
sorpresa sugli autobus e presso le attività ricettive, i Carabinieri del
Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mestre hanno tratto in
arresto per il reato di “possesso di documenti di identificazione falsi” un
soggetto di origine lettone JANKELS ELGARS classe ’88. L’uomo è stato
controllato mentre viaggiava a bordo di un’auto con targa francese, insieme
ad un soggetto georgiano, che si aggirava nei dintorni del parco di Villa
Querini con fare sospetto. Subito sono scattati i primi accertamenti da
parte dei militari dell’Arma: poiché trovato in possesso di una modesta dose
di eroina, l’uomo è stato condotto presso gli uffici del Comando di via
Miranese per completare gli atti di rito. Qui, i Carabinieri hanno potuto
appurare con certezza, attraverso sofisticati accertamenti che il documento
d’identità fornito dallo straniero era stato contraffatto, pertanto sono
scattate subito le manette. Successivamente è stato tradotto presso la
camera di sicurezza in attesa del rito direttissimo previsto per la
mattinata odierna. Intanto le indagini continuano per approfondire la
personalità del soggetto e comprende re meglio perché fosse in Italia e
perché guidasse l’auto con targa francese.

L’attività in parola rientra nella più ampia strategia antiterrorismo di
controllo del territorio disposta con finalità di prevenzione dall’Arma dei
Carabinieri e che viene eseguita con efficace continuità in tutta la
penisola. Nello specifico, essa è stata volutamente potenziata nel centro
della città, con il fine ultimo di prevenire eventuali eventi di carattere
“incontrollabile”, rassicurando la popolazione sulla costante attenzione
dell’Arma su questa tipologia di avvenimenti e garantendo così la piena
sicurezza nelle città.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements