Seno (Actv): a Venezia troppi turisti ma ai veneziani sta bene. Chi ha ragione?

579

Gestione flussi turistici: costituto gruppo di lavoro tecnico del Comune di Venezia

Ha detto ‘basta’, Giovanni Seno, Direttore Generale Avm che si occupa dei trasporti pubblici e subisce e patisce i problemi che ogni giorno aumentano accanto alle polemiche. E l’ha scritta, anche, la sua rabbia e il suo malessere, affidando a Facebook i motivi del risentimento.

Non ci sta, il direttore generale Actv a essere la vittima sacrificale delle cose che non vanno, mentre il Comune con le sue amministrazioni passate e presenti ha, a suo dire, tante responsabilità in più rispetto i disagi e le proteste, conseguenze dei mancati controlli e revisione dei flussi turistici, che ancora oggi attendono risposta e soluzione.

Comprensibilmente ‘provato’ dalle critiche che in questi giorni hanno riguardato la riduzione delle linee per l’inverno a fronte di visitatori sempre più presenti e pressanti anche nella stagione fredda, non sta a bocce ferme.

E gli da’ ragione il segretario della Confartigianato Gianni De Checchi asserendo che la situazione dei flussi turistici è problematica e finora irrisolta, nonostante i segnali fossero marcatamente evidenti.

Anche Claudio Scarpa, direttore dell’Associazione Venezia Albergatori concorda con Seno ed evidenzia la latitanza istituzionale sul piano dei provvedimenti migliorativi e ricorda il piano Benevolo – D’Agostino per la realizzazione di terminal alternativi a Fusina, San Giuliano e Tessera, mai realizzato, che avrebbe favorito l’accesso a piazzale Roma ai residenti e ai lavoratori e a chi pernotta.

Il Comune e il Governo devono agire, decidere sulle compatibilità possibili tra Venezia e il turismo, altrimenti, sembra suggerire Giovanni Seno, è come prendersela con l’ambulanza quando interviene su un incidente.

E ancora il dibattito politico, molto scottante tra i consiglieri comunali, che pur con le dovute cautele danno ragione a Seno ma insieme ricordano la complessità che il tema introduce, e che da solo non spiega. E il riferimento primo va a una città ridotta a 54mila abitanti in barba al proliferare di B&b, all’aumento incalcolabile oramai di turisti, ai vantaggi economici che ne derivano a commercianti, ristoratori e albergatori di ogni specie e categoria.

Chi resta con il cerino acceso in mano, sono coloro che più soffrono della disfunzione – Venezia, quelli che vivono responsabilmente la città e si immedesimano sempre nei suoi problemi.

Poi ci sono gli altri (veneziani e non che in questo caos ci vivono e prolificano). E poi c’è il mondo della cultura veneziano che sembra non riuscire a introdursi concretamente nelle politiche per la città, pur con l’Unesco che preme.

E come un ritornello stonato riemergono le note critiche di uno strumento civico che prima o poi dovrà essere accordato, altrimenti rivolgere un appello in face book, potrebbe essere l’ultima spiaggia.

Andreina Corso

Riproduzione Riservata.

 

Una persona ha commentato

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here