Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
6.8C
Venezia
martedì 02 Marzo 2021
HomeAdolescentiSempre di più e sempre più giovani (11 anni) le tossicodipendenze dei Serd

Sempre di più e sempre più giovani (11 anni) le tossicodipendenze dei Serd

Tentato suicidio a scuola a Vicenza

Sono sempre più giovani, sempre più smarriti i ragazzini che si avvicinano a sostanze che minano la loro salute fisica e mentale. Sono sempre più disperati i genitori che all’improvviso si accorgono che il loro figlio è cambiato, che sembra vivere per conto suo, che a scuola va male, che comunica poco e che spesso ha reazioni forti, impreviste, alterna scatti di rabbia a lunghi silenzi, fino ad alzare il muro dell’incomunicabilità. E’ a questo punto che nasce l’esigenza di chiedere aiuto e la famiglia si rivolge ai Serd (Servizio Prevenzione Dipendenze), affinché le figure professionali che lo compongono li aiutino ad affrontare ‘il problema’.

Inquietante la giovane età, che mai era arrivata a 11 anni, poco più di bambini che si lasciano trasportare in esperienze più grandi di loro, spesso il sabato sera, provano quella o quell’altra sostanza, al momento sembra un gioco, una sfida, che con un buon sonno passa, ma spesso non è così, senza rendersene conto si trovano imbrigliati in una storia che loro stessi stentano a capire. Imitare i ragazzi più grandi, assomigliare a quelli che osano, provare, alcol, fumo, stordirsi, arrivare a provare qualche sostanza in più… diventa l’aspirazione prioritaria in una età adolescenziale che rivela tutta la fragilità e la difficoltà di crescere.

I dati sono allarmanti: nel 2015 il Serd del Veneto ha seguito oltre 24mila ragazzi, e una percentuale significativa interessa i giovanissimi. Medici, psicologi, infermieri, assistenti sociali, sono impegnati ad accogliere le famiglie, i ragazzi, a proporre loro un percorso da affrontare con pazienza e volontà, quando è possibile. Percorso che si concentra sulla vita stessa del giovane che viene preso ‘in carico’, ma anche e soprattutto sulle relazioni familiari, sulla rimozione di quei problemi che possono accentuare in una giovane vita il desiderio di evasione o di “rifugio” in uno stile di vita che alla lunga diventa autolesionista. Talvolta è difficile per l’adulto mettere a nudo i propri problemi, riconoscere difficoltà e responsabilità, rimettersi in gioco in quanto genitore, insegnante, cittadino, eppure è solo da questo percorso in rete che si può aiutare un ragazzo a ritrovare la sua forza di cambiare e a rinforzare l’autostima.

I medici e gli operatori insistono sulla prevenzione che abbraccia un campo vastissimo, multidisciplinare, che andrebbe analizzato con i giusti strumenti e i mezzi opportuni. Intervenire il più presto possibile, permette ad un giovane di riflettere, di scegliere di farsi aiutare, spesso ha bisogno di un approccio psicologico, per “ritrovarsi”, per affrontare la sua vulnerabilità, di interrogarsi e cercare di capire le criticità delle abitudini del gruppo che frequenta e di cui sente parte.

Le risorse che la Regione mette a disposizione dei servizi sono insufficienti rispetto la domanda: 25 milioni di euro l’anno per Serd e le 36 comunità terapeutiche riabilitative. Non ci sono finanziamenti per i progetti mirati alla persona e alla famiglia, eppure abbondano le liste d’attesa e quel tempo vuoto diventa davvero un terreno minaccioso per chi vive un disagio e più tardi si arriva, più problemi si creano.

Ne sono convinti per primi gli operatori, che come afferma il dottor Andrea Vendramin, che dirige il più grande Serd di Padova, fanno i salti mortali per corrispondere al bisogno, che purtroppo sembra crescere, anche a causa di nuove sostanze che circolano tra i ragazzini, che incoscientemente li assumono, per stordirsi e per imitazione.

Prevenire quindi, non solo è necessario, ma può evitare situazioni che per un ragazzino diventano devastanti, come l’essere fermato dalle Forze dell’Ordine, il contatto con il Tribunale dei minori, il sentirsi additato, giudicato: elementi che diventano ulteriori spinte alla fuga.

Andreina Corso

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.