26.4 C
Venezia
venerdì 30 Luglio 2021

Scuola, Zaia: “In Veneto riapre l’1 febbraio al 50%. Dopo 3 settimane al 75%”

HomeZaiaScuola, Zaia: "In Veneto riapre l'1 febbraio al 50%. Dopo 3 settimane al 75%"

Luca Zaia: “Lunedì riapriamo le scuole. E’ partita la lettera per aprire per tre settimane al 50%”.
Il presidente del Veneto lo ha annunciato oggi in conferenza stampa.
“Spero – ha aggiunto – che non ci sia ancora qualcuno che ha da ridire, è previsto dalla legge. Spero anche che si rispetti il diritto di non chi può andare in presenza, non di chi non vuole”.
La scuola riapre al 50% dal primo febbraio e poi: “non si chiude più, come previsto dal Tavolo dei Prefetti, poi dopo tre settimane si va al 75%, ovviamente se non cambia lo scenario epidemiologico”.
“Io auspico – ha aggiunto – un rientro al 100%, il che vorrebbe dire che abbiamo risolto il problema. Ma non siamo noi che decidiamo, è il Governo che lo ha deciso, giustamente, su basi scientifiche. E finché non cambia il decreto si resta al 75%”, ha concluso.
In Veneto la tendenza, d’altro canto,

fa ben sperare, anche se vi sono sempre cifre ondivaghe: “Siamo alla ventisettesima giornata di calo dei dati dopo il picco del 31 dicembre. Da calcoli fatti in casa, sempre nel rispetto di ciò che farà l’Iss, il nostro Rt è 0,62”.
“Questa settimana – ha aggiunto – la nostra è la seconda regione in Italia con Rt più basso. Auguro a tutti i colleghi delle altre che scendano, ho ragionevoli speranze che si possa arrivare alla zona gialla. Ci siamo comunque sempre rimessi all’Iss, nel bene e nel male. Sappiamo di aver fatto tre settimane di arancione, che sono per convenzione il periodo normale. Questo ci dà un segnale di speranza da un lato, e di preoccupazione. Ricordo – ha concluso – che virus sta facendo fare altalena a numerose nazioni”.
Il presidente è anche d’accordo sul fatto che in questa fase è estremamente difficile fare previsioni:

“Le curve dell’infezione hanno un andamento strano” (nella seconda ondata del Coronavirus in Veneto).
“Le curve si impennano – ha spiegato ai giornalisti – poi ha un plateau in cui va un po’ su e un po’ giù, e poi scende improvvisamente. A marzo c’era stata invece una discesa lenta. Per questo l’Iss chiede di lavorare per catalogare e censire il virus. Nel momento in cui abbiamo la ‘carta d’identità’ della mutazione, l’abbiniamo ai sintomi clinici e poi si cercano correlazioni con altri casi e sintomi simili. Oggi sappiamo che il virus di marzo non c’è più, in Veneto abbiamo trovato otto mutazioni, cinque già nella banca dati nazionale, una è quella inglese, e l’abbiamo trovata per primi, poi le due tipicamente venete su cui stiamo lavorando”, ha concluso.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.