Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
5.2C
Venezia
giovedì 04 Marzo 2021
HomeCalcioScudetto Juventus: V consecutivo dopo partenza handicap

Scudetto Juventus: V consecutivo dopo partenza handicap

Scudetto Juventus: V consecutivo dopo partenza handicap

Il solo dato statistico è impressionante: quello conquistato oggi è il 32/o scudetto per la Juventus, il quinto di fila.
La Juventus nell’albo d’oro precede Inter e Milan, che hanno 18 scudetti a testa, poi più indietro il Genoa (9), Torino, Pro Vercelli e Bologna (7), Roma (3), Fiorentina, Napoli e Lazio (2), Casale, Novese, Verona, Sampdoria e Cagliari (81).

La Juventus però questa volta ha scritto un’altra storia per questa vittoria: non è stata una strada in discesa.
Il titolo è arrivato dopo una impressionante cavalcata causata da una partenza ad handicap La svolta è arrivata dopo 4/o ko e dopo la conseguente sfuriata di Agnelli: poi infilato un record di 15 vittorie di fila e un allungo che non ha mai vacillato.

Juventus significa pokerissimo di scudetti, come nel quinquennio tra il 1931 ed il ’35 (e come il Grande Torino dal 43′ al 49′). I bianconeri sono riusciti in un’altra impresa straordinaria, che ha un sapore diverso dai 4 precedenti titoli: questa volta partenza al rallentatore, poi rimonta irresistibile con 16 successi uno di dietro l’altro, il sorpasso al Napoli nel confronto diretto e, infine, l’allungo perentorio con vittoria per distacco.

Ma ad un certo punto della stagione il 3/o posto sembrava il massimo obiettivo da riacciuffare. All’assemblea degli azionisti – il 23 ottobre – la Juventus era 14/a. “Una posizione inaccettabile”, aveva tuonato il presidente Andrea Agnelli, pur confermando la fiducia ad Allegri.

La Juventus aveva messo in conto qualche difficoltà in più, dopo la strepitosa stagione con scudetto, Coppa Italia e finale di Champions. In un colpo solo aveva perso tre big, Tevez, Pirlo e Vidal, in rosa aveva 10 nuovi giocatori, Marotta e il suo staff non era riusciti a prendere il trequartista cercato. Ma la Juventus aveva pur sempre tenuto Pogba, soffiato Dybala alla concorrenza con grande tempismo, e con largo anticipo si era assicurata la classe e l’esperienza di Mandzukic e Khedira.

Un allarme era suonato nell’estate, dopo la sconfitta nell’amichevole con il Marsiglia. “C’è una brutta aria intorno alla Juve”, aveva detto Allegri. Ma poi era arrivato il successo, a Shangai nella Supercoppa con la Lazio.

Il campionato però, con Marchisio e Morata fuori per infortunio, era iniziato malissimo. Debutto choc, 0-1 con l’Udinese – il primo inizio con sconfitta in casa nella storia bianconera – squadra a zero punti anche dopo 180′, avendo perso contro la Roma. E solo un pareggio alla terza giornata, 1-1 con il Chievo, con fischi nell’intervallo e Buffon a rabbonire i tifosi arrabbiati, molti già con pollice verso nei confronti di Allegri.

Alla quarta giornata il primo successo, 2-0 sul Genoa, ma già prima i bianconeri avevano rialzato la testa, vincendo a Manchester in rimonta contro il City.
Tutto risolto? Sul piano dei risultati no, ed ecco un nuovo passo falso allo ‘Stadium’, l’1-1 con il Frosinone, e poi la sconfitta a Napoli. Alti e bassi fino alla 10/a giornata: Juve ko a Sassuolo, quarta sconfitta stagionale e in apparenza addio sogni di gloria.

“Pazienza, bisogna avere pazienza”, aveva predicato Allegri, senza riuscire a convincere i critici più scettici. Ma proprio nel punto più basso – “primo tempo indegno, siamo stati indecorosi”, aveva ammesso Buffon con un’autocritica senza alibi – è scattata la molla.
Ritiro anticipato, “ci siamo guardati negli occhi, abbiamo discusso e abbiamo capito cosa avremmo dovuto fare, quali errori stavamo commettendo”, hanno poi spiegato molti giocatori bianconeri.

La svolta all’ultimo minuto del derby, giocato per la prima volta dopo tanti anni dietro al Torino in classifica. All’ultimo assalto, tocco in spaccata di Cuadrado e la palla è rotolata in rete.
E’ stato quello l’inizio della riscossa bianconera: 15 vittorie consecutive, contro grandi e piccole, l’esplosione di Dybala, il ritorno a buoni livelli di Pogba, la difesa di nuovo granitica.

La rincorsa è diventata esaltante, un sorpasso dietro l’altro. Davanti era rimasto soltanto il Napoli, ma l’equilibrio dello scontro diretto, giocato a Torino, è stato rotto da Zaza quando la partita sembrava incanalata verso lo 0-0. Napoli superato, Juve di nuovo regina. Dopo di allora un solo mezzo passo falso, lo 0-0 di Bologna, 24 vittorie in 25 partite, un nuovo allungo quando il Napoli è naufragato a Udine.

Questo ennesimo scudetto bianconero ha, tra gli altri, un artefice speciale. Dopo il Mondiale del 2018 in Russia dirà stop al calcio giocato. Ma se si pensa alla sua ennesima stagione superlativa sembra impossibile che si stia avvicinando il giorno dell’addio al calcio giocato di Gigi Buffon.

Buffon a 38 anni suonati è stato uno degli autori della colonna sonora della stagione bianconera. Per le grandi parate – poche, perché la Juve ha sempre un reparto di ferro, ma sempre decisive -, per l’esempio e le parole che hanno risvegliato la squadra assopita nelle difficoltà, qualche volta imperscrutabili, dell’inizio di stagione.

Per Buffon è arrivata quest’anno un’altra conquista, il record assoluto di imbattibilità in campionato: 974′, oltre 10 partite, senza prendere un solo gol, meglio di Zoff e Sebastiano Rossi. E sotto sotto Buffon, forse, ha pensato di rimangiarsi le parole pronunciate un paio di mesi prima: “Se riuscirò a spingere fino al Mondiale del 2018, – aveva detto – andrò avanti. Poi calerà il sipario”. Così, messo al sicuro il nuovo primato, la sua postilla aveva il sapore di una rettifica: “Continuerò finché gambe, cuore e testa reggeranno”.

In campionato, Buffon ha saltato una sola partita, Juve-Frosinone della 5/a giornata. Serata amara, quella contro i frusinati, mai però come la domenica di Reggio Emilia: bianconeri ko con il Sassuolo, con lo stesso Buffon sorpreso dalla punizione di Sansone. “Siamo stati indecorosi”, aveva ammesso.

La quarta sconfitta stagionale aveva fatto arretrare i bianconeri verso il fondo della classifica. Ma all’indomani di quella infelice domenica, Buffon e gli altri ‘saggi’ avevano chiamato a raccolta la squadra.

E come d’incanto c’è stata la metamorfosi, cominciata dopo un derby con il Torino sofferto, con Buffon decisivo nel deviare un colpo di testa di Glik. Un intervento che poi il portiere bianconero ha eletto tra i migliori della stagione.

La forza dell’intramontabile portiere ha dato sicurezza a tutto il reparto, che spesso si è trovato a fare i conti con gli infortuni. E la difesa della Juventus è stata ancora una volta
la meno battuta della serie A.

Buffon decisivo contro l’Empoli ed il Sassuolo, imbattuto contro l’attacco atomico del Napoli, con Higuain a secco, insuperabile anche con il Milan e con la Fiorentina: parate da urlo a S.Siro e al Franchi, dove para anche un rigore a Kalinic, in una delle ultime ‘trappole’ sul cammino tricolore dei bianconeri.

Mario Nascimbeni

26/04/2016

(cod buffoju)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...