mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Sciopero delle maestranze del Mose durante prossimo test

HomescioperoSciopero delle maestranze del Mose durante prossimo test

Quando non resta che lo sciopero per rivendicare i propri diritti e manifestare in città l’umiliazione delle promesse non mantenute, i nodi vengono al pettine.
I dipendenti del Mose, circa 260, si sono riuniti in Assemblea a Ca’ Marcello, per rivendicare il mancato stipendio di luglio e agosto, e per scongiurare la minaccia del perpetuarsi della cassa integrazione: hanno tentato di fare il punto della situazione. E di reagire.
Esigono chiarezza dal Consorzio Venezia Nuova, Comar e Thetis rispetto una situazione che giudicano inadeguata e lontana dalle promesse, tanto da far maturare l’idea di impedire l’alzata del Mose previsto per la prima settimana di settembre.
Con senso di responsabilità i lavoratori e i sindacati, che non vogliono creare problemi alla città, sciopereranno durante un test, senza la condizione di alta marea.
I dipendenti conoscono la fatica del loro lavoro, se le paratoie del Mose si alzano, è anche perché ci sono delle braccia che le sollevano e mani che intervengono su tutti i problemi che possono nascere durante l’operazione meccanica.

Gli elementi di crisi, rilevati durante l’Assemblea, sono tanti e a ricordarli, oltre le quattro ore di sciopero, ci sarà un presidio davanti alle sedi istituzionali, dove i lavoratori sperano di potersi confrontare con i responsabili dei settori.
L’autunno è alle porte e la minaccia di alta marea è sempre presente nella mente dei veneziani che con la completa realizzazione del Mose potrebbero dormire sonni più tranquilli.
S’intrecciano questioni economiche (il Consorzio Venezia Nuova in presumibile liquidazione) e organizzative che richiamano l’urgenza di una guida e dell’assunzione piena di responsabilità istituzionali sul futuro del Mose.

L’anno scorso è stata emanata una legge che ha istituito l’Autorità per la laguna e con essa molte rassicurazioni sul fronte economico che garantivano il superamento delle questioni economiche, ma nulla è successo da allora.
Lavori fermi e controversie economiche tra il Consorzio e le aziende hanno bloccato i lavori di perfezionamento del Mose.
L’Autorità ideata dal Governo Conte, è uscita dall’orizzonte.
L’Autorità per la laguna di Venezia avrebbe dovuto gestire l’ultima fase di costruzione dell’opera pensata per proteggere Venezia dall’acqua alta, e curare la gestione e manutenzione una volta a regime.
Non solo: al nuovo ente sono state attribuite anche le competenze per la tutela della laguna di Venezia.

L’anno scorso il Governo comunicava: «È prevista l’istituzione di un’Autorità per la laguna di Venezia, che assume le competenze riguardanti la salvaguardia della città di Venezia e della zona lagunare e al mantenimento del regime idraulico lagunare, tra cui la gestione e la manutenzione del MOSE, e quelle attribuite al Magistrato alle acque».

A questo punto, i segretari generali Ugo Agiollo (Cgil), Paolo Bizzotto (Cisl) e Igor Bonatesta (Uil), chiedono la convocazione di un tavolo permanente in Prefettura, esteso alla partecipazione di Comune e Regione al fine di riprendere i temi della salvaguardia della laguna e del destino dei lavoratori che stanno rischiando davvero troppo e che stanno pagando caro il prezzo dei ritardi e degli errori altrui.

È ingiusto e inaccettabile penalizzare i lavoratori che sono sempre stati estranei a tutte le forme d’illegalità che hanno caratterizzato la vicenda Mose.
Come pure è inaccettabile l’ignorare quel patrimonio di professionalità ed esperienze proprie dei lavoratori delle aziende.

Andreina Corso

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Porto off-shore: tempi lunghi e incertezza sulla crocieristica

Le 11 proposte per il concorso di idee del porto Off-shore di Venezia arrivate all’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico Settentrionale sono state accolte con ottimismo. C’è chi ha letto in questa nutrita partecipazione un inaspettato interesse per Venezia ma in...

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Carabinieri chiudono noto bar-ristorante di Venezia

I Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia, al termine di accertamenti eseguiti con l’ausilio della Compagnia Carabinieri di Venezia, di tecnici dell’Ufficio Salvaguardia del Provveditorato Provinciale alle Opere Pubbliche per il Veneto e della Polizia Locale, hanno posto sotto sequestro...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

“Mi sono trovata visitatori alle spalle in casa mia! Io grido e loro: ‘Ma non è tutto Biennale?’ “

L'articolo che avete pubblicato ieri sui turisti per la Biennale alla Celestia contiene un grande fondo di verità. Dopo averlo letto mi sono decisa a scrivervi per raccontarvi un fatto che mi è appena accaduto. Abito in una laterale di via Garibaldi,...

“Cucina veneziana? Bangladesh. Negozi? Cinesi. Ma quale nostra ‘economia fiorente’ del turismo?”. Lettere

In risposta alla lettera: “Nessun veneziano che conosco tornerebbe a vivere a Venezia”. Ristoranti con cucina veneziana? Cuochi e camerieri Bangladesh. Negozi souvenir? Ancora Bangladesh e/o cinesi. Commesse attività commerciali? Ragazze dell’est Europa, e per piacere non ditemi che i nostri...