Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
9.6C
Venezia
venerdì 05 Marzo 2021
HomeNotizie Venezia e MestreSanta Margherita, dopo ammonimenti e controlli, multe alla movida di Venezia

Santa Margherita, dopo ammonimenti e controlli, multe alla movida di Venezia

Santa Margherita, dopo ammonimenti e controlli, multe alla movida di Venezia

Regole trasgredite e multe corrispondenti. La filosofia del Comune di Venezia, che ha deciso di intervenire con fermezza sulle trasgressioni dei giovani che di sera e di notte sostano in campo bevendo, festeggiando e disturbando di fatto gli abitanti, è passata dalla teoria alla pratica e mercoledì notte sono volate le prime quattro multe di 50 euro ciascuna.

Variegata la presenza di giovani, molti ignari delle nuove regole, abituati a vivere la notte in libertà, a inventare “la festa”, con effetti qualche volta imprevedibili.

Ci sono ragazzi seduti per terra, sul pozzo, molti sono giovanissimi, altri, forse stranieri che si aggregano senza un preciso perché, così come Pinocchio inseguiva Lucignolo, senza una vera ragione, per cercare svago, il Paese delle meraviglie e perché no, amicizia. Non lo sanno, anche se gli esercenti nei bar hanno avvertito e ammonito: non si possono usare bicchieri di vetro fuori dei locali, non si possono portare da casa bottiglie di alcoolici, non si può far chiasso…

In realtà la vera ragione del provvedimento sembra essere la prevenzione allo spaccio di droga, gli abitanti si sono impegnati a presenziare il campo di notte, hanno organizzato incontri, è intervenuta la parrocchia… e infine il Sindaco Luigi Brugnaro, ha messo nel piatto l’ordinanza, il controllo della polizia, le multe e i divieti al fine di decongestionare la situazione e rendere Campo Santa Margherita, ma anche San Barnaba e zone vicine, posti tranquilli e vivibili.

Gioverebbe una diffusa e manifesta informazione su totem, che spiegasse l’Ordinanza e i suoi perché, necessiterebbe una preventiva comunicazione che invitasse tutti a collaborare, perché la realtà del campo è complessa e rimuoverne i problemi non è possibile da un giorno all’altro.

Le multe sono un segnale, una sanzione, ma da sole non cambieranno abitudini radicate. Forse la politica della persuasione potrebbe avere la sua efficacia, con questi giovani sarebbe bene parlare, mettersi in gioco, cercare una collaborazione, insomma, fare patti. Qualche dibattito all’aperto, organizzato e gestito dai giovani potrebbe essere utile, anche perché molti di loro (i più), vivono la notte del campo con gioia, senza esagerare con l’alcool, senza drogarsi. E’ probabile che oggi siano proprio loro a non trovarsi bene dentro questa generalizzazione che elimina ogni differenza e che fa di loro persone da vigilare.

Andreina Corso

22/04/2016

(cod santama)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...