San Basilio: vaga vicino all’Autorità portuale, aveva il divieto di dimora in Veneto. Denuciato 27enne afghano

ultimo aggiornamento: 26/03/2020 ore 19:02

284

san marco morto in casa 271219
San Basilio: vaga vicino alla sede dell’Autorità portuale senza motivo e viene controllato.

Nella giornata di ieri, durante i servizi di controllo del territorio in ambito portuale, finalizzati all’attuazione delle misure di contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, è stato sottoposto a controllo della Polizia un cittadino afghano residente ad Ascoli Piceno.

Il giovane si trovava in zona San Basilio, nel sestiere di Dorsoduro, nei pressi dello stabile dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale.


Lo straniero, identificato dagli operatori della polizia di frontiera marittima come H.S. di anni 27, è risultato sprovvisto di giustificato motivo per circolare, in violazione dei Dpcm in materia, oltre ad essere destinatario di un provvedimento cautelare di divieto di dimora nella Regione Veneto, emesso dalla competente Autorità giudiziaria di Treviso.

Pertanto il giovane straniero è stato denunciato in stato di libertà per il reato di cui all’art 650 C.P., con contestuale rapporto al magistrato competente per eventuali valutazioni sull’aggravamento del provvedimento cautelare.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here