Samira sparita: marito indagato per omicidio

ultimo aggiornamento: 19/12/2019 ore 08:23

163

Samira sparita: marito indagato per omicidio

Samira sparita, la donna scomparsa senza lasciare traccia a Padova: il marito è ora indagato per omicidio. Poi c’è il “mistero dello stivaletto”.

La svolta nel giallo della sparizione di Samira El Attar, la 43enne di origini marocchine svanita nel nulla il 21 ottobre scorso, da Stanghella (Padova), dopo essere uscita in bici per accompagnare la figlia all’asilo ed essersi incontrata con un’amica, arriva mercoledì.


La Procura ha iscritto nel registro degli indagati il marito della donna, Mohamed El Attar, accusato di omicidio e occultamento di cadavere.

Un atto che potrebbe precedere accertamenti irripetibili, dato che sul fronte delle ricerche di Samira non vi sono novità.

Di lei non c’è traccia, e i magistrati si sarebbero convinti che ormai si sta cercando solo un corpo.


Nei giorni scorsi proprio Mohamed El Attar aveva fatto sperare in uno spiraglio: l’uomo aveva detto di aver trovato – e aveva consegnato poi agli inquirenti – uno stivaletto della moglie, abbandonato sul bordo di un fossato vicino alla statale 16, un luogo piu’ volte “battuto” dagli investigatori, perché a pochi chilometri dalla casa della coppia, a Stanghella.

Un ritrovamento ‘casuale’ – di cui aveva dato notizia la trasmissione ‘Chi l’ha visto?’ – che però non avrebbe cambiato l’indirizzo delle indagini.

Oggi si è appreso che il marito è indagato dal sostituto procuratore di Rovigo Francesco D’Abrosca.

Samira, che lavorava come badante notturna, era solita spostarsi sempre in bicicletta, per brevi tragitti.

La mattina della sparizione aveva portato alla scuola materna la figlia di 4 anni poi, sempre in bici, si era recata a casa di un’amica, per svolgere alcune commissioni; infine si sarebbe diretta verso Solesino, un paese vicino, per un appuntamento legato ad una richiesta di lavoro.

Da quel momento in poi il suo cellulare ha smesso di mandare segnali.

L’allarme sulla sparizione della donna era scattato solo il giorno dopo. Il marito, infatti, non si sarebbe impensierito subito – era stata la spiegazione – perchè poteva capitare che l’attività di badante tenesse impegnata Samira nelle ore notturne.

La casa della coppia era stata passata al setaccio dai carabinieri del Ris di Parma, che avevano cercato tracce biologiche e riscontri nell’auto del marito e in altre parti dell’abitazione.

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here