COMMENTA QUESTO FATTO
 

fedi nuziali matrimonio

Pur di sopravvivere, hanno venduto anche le fedi matrimoniali. Un momento atroce sia pur in un cammino di povertà che crisi e disoccupazione hanno riservato ad una coppia di Rovigo.
Fortunatamente in loro aiuto è venuto il loro parroco che si è attivato ed ha dato vita ad una colletta via Facebook che ha permesso di ricomprare gli anelli.

Protagonisti della vicenda, riportata dal Gazzettino, sono Diego, un rodigino di 48 anni, disoccupato da quattro, e la moglie, che lavora saltuariamente come domestica, insieme ai loro figli.

L’uomo ha raccontato del suo gesto estremo di vendere le fedi pur di racimolare quanto necessario, facendo scattare la gara di solidarietà.

A tirare le fila degli aiuti è stato don Gianni Vettorello, parroco di San Bortolo, che ha lanciato una campagna di donazioni su Facebook. “Non si tratta solamente di restituire le fedi nuziali a una coppia che ha dovuto privarsene per sopravvivere – ha scritto ai parrocchiani – ma di restituire dignità e autostima a una famiglia che rischiava di perderla”.

E a sottolineare quanto a volte è grande la dimensione della solidarietà umana, a partecipare alla colletta sono stati anche alcuni terremotati d’Abruzzo.

Alla fine il colpo di scena: quando la coppia si è recata a ricomprare gli anelli grazie agli aiuti ha scoperto che sfortunatamente erano già stati fusi ma don Vettorello non si è dato per vinto e ne ha comprati di nuovi che da sabato, lucidissimi e altrettanto benedetti, sono tornati a brillare al dito dei due sposi.

(foto di repertorio)

Riproduzione Riservata.

 
Luca Calloni
Luca Calloni
Regista di eventi e spettacoli, curatore di concerti, dee jay e conduttore radiofonico, indimenticabile amico e co-fondatore de 'La Voce di Venezia'. E' responsabile di aver fatto ballare migliaia di persone alle nostre feste, tra cui - indimenticabili - quelle del 'Carnevale di Venezia'. E' frequente incontrare la sua voce nelle frequenze delle migliori radio del Veneto.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here