3.1 C
Venezia
sabato 04 Dicembre 2021

Rotary Venezia Mestre: case popolari, Ater e le risposte del presidente Speranzon

HomesocietàRotary Venezia Mestre: case popolari, Ater e le risposte del presidente Speranzon
la notizia dopo la pubblicità

Rotary Venezia Mestre: case popolari, Ater e le risposte del presidente Speranzon

L’emergenza povertà nella sua connotazione locale, tema a cui è stato dedicato l’anno sociale del Rotary Venezia Mestre, non è completo senza uno sguardo sulla residenzialità e nello specifico sul tema delle “case popolari”. Se ne è parlato nell’ultima conviviale, organizzata dal presidente Claudio Scarpa nella sede del Club, all’hotel Bologna.
Il problema della povertà, con le possibili soluzioni, ha come contraltare i “furbetti” degli alloggi Erp.

Ospite della serata, proprio il presidente dell’Ater Raffaele Speranzon che ha proposto ai rotariani una fotografia della situazione all’interno degli alloggi dell’azienda di cui ha da poco ereditato la guida. Dei 10.807 immobili, di cui 5200 nel Comune di Venezia, sono 113 gli appartamenti attualmente occupati. «Nel resto del Triveneto sono solo 70 – ha spiegato Speranzon ai soci del Club -. Ho aperto il dialogo con gli inquilini che lamentano di non aver ricevuto molta attenzione rispetto alle loro istanze. Non sempre hanno ragione, ma di certo la situazione delle relazioni negli anni è degenerata».

Nel caso di Mestre si è parlato dei casi più difficili. «Problemi di natura sociale – spiega il presidente Ater -. I più gravi sono ad Altobello, dove accanto a Campo dei sassi, con le nuove abitazioni Ater “intelligenti” e la domotica ad alta tecnologia da assegnare ad anziani e disabili, c’è la Nave 1, edificio che presenta situazioni di degrado strutturali e sociali». Si è parlato a lungo, nel corso della serata, dei terrazzamenti e delle “aperture” che rendono l’edificio un colabrodo e il luogo ideale per lo spaccio.

«Negli anni è aumentato il numero degli sfitti e delle occupazioni di persone che svolgono attività criminali – aggiunge -, mentre gli anziani non hanno più il coraggio di uscire di casa. Lì abbiamo installato telecamere e aiutato ad arrestare alcuni delinquenti. Stessa cosa che ora vogliamo ripetere anche al Pertini».

C’è poi il problema delle case vuote. Alcune saranno assegnate a breve (circa 200, si stima, nel Comune di Venezia delle quali 130 in terraferma) ma altre sono bloccate perché mancano i soldi per le manutenzioni e per metterle a norma.

Quindi le proposte: dalla riqualificazione della Nave 1 alla trattativa in corso tra Speranzon e l’assessore regionale Lanzarin “per derogare l’impostazione regionale che prevede di portare tutte le case Ater in Erp”. «Uscire dalla sola logica Erp – chiarisce Speranzon – e valutando affitti calmierati, ci consentirebbe, in questa situazione, così estrema e critica, di avere le risorse per pianificare le manutenzioni. E allo stesso tempo potremmo dare risposte al problema della residenzialità del centro storico, in cui ormai non si trovano più alloggi in affitto privato. Pochi sanno che lì c’è molto da mettere a norma, ci sono case addirittura senza impianto di riscaldamento».

Altro obiettivo dell’Ater è quello di stanare i furbetti. «Chi non ha più i titoli per le case popolari, deve uscirne. Presto avremo, con l’applicazione della legge regionale, la possibilità di procedere con gli sfratti per chi vive in alloggio popolare e magari ha centinaia di migliaia di euro nel conto, e possiede macchine o barche costose. Persone che potrebbero permettersi affitti privati. Incrociando i dati abbiamo scoperto cose impensabili, come una dozzina di inquilini Ater che in banca hanno più di un milione di euro. Ci sono poi anche nomi illustri, entrati nelle case molti anni fa, forse per “amicizie”».

Infine una battaglia sarà sugli alloggi delle Conterie a Murano: «Farò il possibile affinché venga dato la priorità su quelle case ai residenti dell’isola».

«Apprezzo l’opera del nuovo presidente dell’Ater, Raffaele Speranzon – commenta il presidente del Rotary Venezia Mestre, Claudio Scarpa -. Abbiamo potuto verificare il suo impegno e siamo certi che farà un’importante opera di riordino per consentire a chi ha veramente bisogno di utilizzare il patrimonio pubblico. Come Rotary Venezia Mestre abbiamo deciso di dedicare il nostro service annuale ad aiutare una particolare forma di povertà, quella dei padri separati, a volte con problemi di ludopatia o alcolismo, a cui spesso viene negata la possibilità di vedere i figli e non riescono a riprendere in mano la propria vita».

Il Rotary, nell’appuntamento del 4 aprile, ricorderà Stephen Hawking, fisico, matemarico, cosmologo e astrofisico, in occasione del primo anniversario della sua morte. Ospite della serata, Marina Cobal, fisico teorico e leader del team italiano per il progetto “Atlas” al CERN di Ginevra.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Escort: quello che i veneziani vogliono. I racconti di Silvia, escort di Venezia

Chi sono i clienti delle escort a Venezia? Lo racconta una delle prime escort in classifica del sito di Escort Advisor, il primo sito di recensioni di escort in Europa. Silvia di Venezia, che esercita la professione nella città lagunare da...

G 20 a Venezia: città indifferente o infastidita

G 20 a Venezia: città e cittadini indifferenti o infastiditi, altro che occasione internazionale per mettere in mostra la città. In linea generale l'umore è irritato, gli incassi non sono all'altezza delle aspettative, il continuo sorvolo degli elicotteri, necessari alla sicurezza,...

Il Comune contesta la cassettina per i libri gratis, Ticozzi: “Da premiare, non sanzionare”

Il Comune di Venezia contesta al bookcrossing l'occupazione di suolo pubblico. Ticozzi: "iniziativa da premiare non da sanzionare".

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott. Dina Sandon è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza

Venezia si spopola: contatore ormai a 50mila residenti

Lentamente, i veneziani sono costretti a lasciare la loro città. L’agonia silenziosa degli esiliati in terraferma, inesorabile come una malasorte, è registrata fin dal 2008 su iniziativa di Venessia.com, dalla Farmacia Morelli in campo San Bartolomeo che ha posto in vetrina un...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

Nata Cassa Mutuo Soccorso per sostenere operatori sanitari che resistono al vaccino

Riceviamo e pubblichiamo. E' NATA LA CASSA DI MUTUO SOCCORSO , per sostenere ECONOMICAMENTE UN OPERATORE SANITARIO IN LOTTA CONTRO UN SOPRUSO, la sperimentazione vaccinale del decreto legge 44 art 4, che impone un vaccino che vaccino fino al 2023...

Commessa veneziana perde 2.900 euro col ‘phishing’ e la banca non risponde: “Colpa sua”

Banca si rifiuta di riaccreditare le somme prelevate indebitamente a una commessa di Venezia, vittima del phishing: “colpa sua”.