Truffe agli anziani, Polizia: non siete soli, chiamateci sempre

Derubavano anziani con scusa vedere appartamento, tre arresti dei Carabinieri nell’operazione ‘Go away’, 21 colpi in sette regioni tra cui il Veneto.

Ti entrano in casa e ti rubano in casa. E quando se ne vanno è tragedia e disperazione, quasi sempre per anziani e persone sole che si trovano senza i soldi della pensione o senza i monili d’oro che avevano da una vita.

“Devo affittare un appartamento in questo palazzo, posso vedere com’è il suo?”. Con questa e altre richieste inventate quattro persone italiane di origine rom, due uomini e due donne, sarebbero riuscite a carpire la fiducia soprattutto di anziani e a mettere a segno almeno 21 colpi (20 furti e una rapina) in varie regioni italiane tra cui il Veneto.

Le donne affabulavano le vittime e gli altri si impadronivano di denaro e preziosi. Tre di loro – due uomini di 38 e 20 anni e una 20enne, residenti in provincia di Roma – sono stati arrestati dai carabinieri di Numana della Compagnia di Osimo con l’operazione ‘Go Away’ con le accuse di associazione a delinquere finalizzata a furti e rapina su ordine del gip di Ancona Antonella Marrone, su richiesta dal pm Rosario Lioniello.
Un’altra donna, 19 anni,è stata denunciata per gli stessi reati.

La banda, che commetteva anche furti con la classica effrazione, avrebbe racimolato un bottino di 95mila euro.L’operazione dei carabinieri, che ha preso spunto dalla rapina commessa il 29 marzo scorso a casa di un’anziana a Sirolo (Ancona), è stata illustrata dal comandante provinciale dell’Arma di Ancona, col. Cristian Carrozza e dal comandante della Compagnia di Osimo, magg. Luigi Ciccarelli.

Nel caso di Sirolo i malviventi vennero scoperti dalla figlia dell’anziana presa di mira: mentre cercava di bloccare la loro fuga, venne scaraventata contro il muro dai rapinatori.

Incrociando i tabulati telefonici in zona e i tragitti delle auto noleggiate a Roma che i componenti della gang utilizzavano per spostarsi nel Centro Nord Italia, i militari hanno scoperto che medesimi numeri di telefono (intestati a senegalesi) agganciavano celle telefoniche di luoghi dove si erano verificati furti compiuti quasi sempre con le stesse modalità.
A tali elementi si sono aggiunti riconoscimenti fotografici.

Dal 10 gennaio scorso (quattro furti in un giorno tra Senigallia e Marotta), la banda sarebbe entrata in azione ad Arezzo, Orvieto, Pratola Peligna, Sulmona, Faenza, Ancona, Riccione, Empoli, Savogna d’Isonzo, Udine e Treviso.


ultime notizie venezia

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here