9.1 C
Venezia
sabato 27 Novembre 2021

Robinù, docu-film sulla Camorra di Santoro, a Mestre

HomeUncategorizedRobinù, docu-film sulla Camorra di Santoro, a Mestre
la notizia dopo la pubblicità

Robinù, docu-film sulla Camorra di Santoro, a Mestre

Il 6 dicembre (ore 20.00) e il 7 dicembre (ore 16.45) IMG Cinemas Candiani di Mestre presenta Robinù, il docu-film di Michele Santoro sui baby boss della Camorra, tra le maggiori sorprese all’ultima Mostra del Cinema di Venezia.
E prima della proiezione del 6 dicembre, alle 19.30 Michele Santoro sarà in collegamento live da Napoli per introdurre il film.

Il viaggio giornalistico di Michele Santoro svela la criminalità dei baby-boss, chiamati ora barbudos ora paranza dei bambini.

Non c’è nessuna mediazione in Robinù: parlare sono i napoletani di alcuni dei quartieri più poveri e con il maggiore tasso di criminalità e di presenza camorristica. In particolare sono i baby criminali a esporsi in primo piano, raccontando il loro passato – che da adolescenti o poco più è già intenso come quello di una vita intera – o la naturale successione di eventi che li ha portati a impugnare la prima volta una pistola – all’età in cui la pubertà è appena arrivata -, a costruirsi un codice d’onore naturale per il quartiere, o la famiglia in cui sono cresciuti, ma con pochissimo a che fare con concetti come la legalità. Spesso vengono da contesti disagiati, cresciuti da uno solo dei genitori (quando sono fortunati), privi di figure di riferimento se non gli amici di strada, in qualche caso di qualche anno più grandi, e già “arruolati”, che diventano mentori.

Storie vere e facce vere, come quella del giovane infatuato del mitra, u kalà: “Con quello in mano non hai paura di niente, tiene 33 botte, è come camminare blindato”. Una scrollata di spalle: “È bellissimo, è come avere una macchina a benzina invece che a diesel. È come abbracciare Belén”.
O come Emanuele, il Robinù del titolo, che gestiva la sua zona con rigore, ma proteggendo i suoi giovani adepti, fino al punto di rimproverarli duramente se li vedeva seguire le sue orme. “Non dovete fare quello che faccio io”, diceva. Frasi che racchiudono l’intero orizzonte di quella malavita: armi, donne e motori.

30/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

La manifestazione di Venezia contro il vaccino: siringhe come carri armati

La difesa ferrea delle proprie convinzioni, ha scatenato gli oltre mille manifestanti contrari al vaccino e alla certificazione verde e li ha trasformati in oratori e attori impegnati a interpretare un copione pieno di riferimenti storici e di accenti letterari e...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Controluce di Venezia. Foto di Iginio Gianeselli

Controluce. Splendido effetto, se ben usato, che marchia i toni chiaroscuri. Venezia, come sempre, si presta come splendida modella e lo scatto non può che essere affascinante. Grazie a Iginio per la foto. didascalia: Controluce di Venezia autore: Iginio Gianeselli invia una foto torna all'archivio delle foto

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

La Venezia perduta. Addio a Testolini, la cartoleria dei veneziani. Storia e ricordi

Testolini chiude, dal 1911 la cartoleria dei Veneziani. Storia e ricordi di un altro pezzo di Venezia che scompare. Intervista a Stefano Bettio, assieme al fratello Alessandro, ultimi gestori.

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Operatori sanitari non vaccinati in Veneto: sono oltre 2.000 ed ora rischiano

Rieccola la Commissione di valutazione che sempre apre la porta e l’ascolto alle ragioni (e ai torti) dei conflitti. Ritorna il problema di chi ancora non si è vaccinato, o non si può o vuole vaccinare, o ha paura, o ha bisogno...