Risveglio Agreste. Di Roberto Bellino

0
70
quadro agreste net 520

Risveglio Agreste. Di Roberto Bellino

…Cori, Mirella, verzi il balcone,
dì mò al popà che tenpo g’è fuori…
poi subito chi, a darmi un bacione
che co’ te me basi, mi passa i dolori.
…Fuori, popà, g’è la brosma sue sièse
ghiaggio intei fossi e bastansa caìgo,
xe sotozero un fià tuto il paese
ma perdo ‘a curiera se non mi destrigo.
E alora cori, vestiti in freta
sinò te rivi tardi a la scuola,
che a coriera te se che noa speta

e di matina ghe xe quea sola.
Va’ dire a la mama di bojare il latte
vestiti in freta e fai colassione
non stare scalsa meti ‘e savatte
sinò ti chiappi la costipassione.
Meti le sgalmare nere col pello
la siarpa e i guanti de lana merino
non ti desmentegare l’ombrello
e la bareta color ciclamino.

(foto da archivio)


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here