spot_img
spot_img
spot_img
16.8 C
Venezia
mercoledì 20 Ottobre 2021

Risveglio Agreste. Di Roberto Bellino

HomePoesiaRisveglio Agreste. Di Roberto Bellino

Risveglio Agreste. Di Roberto Bellino

…Cori, Mirella, verzi il balcone,
dì mò al popà che tenpo g’è fuori…
poi subito chi, a darmi un bacione
che co’ te me basi, mi passa i dolori.
…Fuori, popà, g’è la brosma sue sièse
ghiaggio intei fossi e bastansa caìgo,
xe sotozero un fià tuto il paese
ma perdo ‘a curiera se non mi destrigo.
E alora cori, vestiti in freta
sinò te rivi tardi a la scuola,
che a coriera te se che noa speta

e di matina ghe xe quea sola.
Va’ dire a la mama di bojare il latte
vestiti in freta e fai colassione
non stare scalsa meti ‘e savatte
sinò ti chiappi la costipassione.
Meti le sgalmare nere col pello
la siarpa e i guanti de lana merino
non ti desmentegare l’ombrello
e la bareta color ciclamino.

(foto da archivio)

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

Data prima pubblicazione della notizia:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements