8.4 C
Venezia
mercoledì 01 Dicembre 2021

Renzi firma con Brugnaro ‘Il Patto per Venezia’

HomeAltre NotizieRenzi firma con Brugnaro 'Il Patto per Venezia'
la notizia dopo la pubblicità

Renzi firma con Brugnaro 'Il Patto per Venezia'. Scarica dal nostro giornale il documento integrale

Una giornata storica per la città di Venezia, attesa da tempo, che segnerà l’inizio di un nuovo futuro, fatto di sviluppo, crescita e speranza. Il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, hanno siglato questa mattina a Ca’ Farsetti il “Patto per Venezia”, il documento con cui da subito il Governo si impegna a destinare 457 milioni di euro per la realizzazione di nuovi interventi sia nella città storica che in terraferma.

All’evento a cui hanno partecipato numerose autorità, tra cui il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti, il Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, Pierpaolo Baretta, il Viceministro Enrico Zanetti, il Prefetto Domenico Cuttaia e il Questore Angelo Sanna, sono intervenuti gli assessori comunali, molti consiglieri e direttori del Comune di Venezia oltre ai rappresentanti delle più prestigiose istituzioni cittadine.

“Inizio dicendo grazie – ha esordito il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro. Questo patto è frutto di un anno di lavoro intenso con molti Ministeri e funzionari ed è il risultato di una leale collaborazione tra dirigenti dello Stato e del Comune. Abbiamo lavorato su un’idea di progresso, di lavoro, di futuro per i bambini, abbiamo pensato di dare un disegno strutturato alla città. Con questo atto il Governo riconosce che Venezia è importante e non è un risultato da poco – ha sottolineato il primo cittadino – perché è da tanti anni che non si lavora a un progetto così sostanzioso ed è l’unico patto che viene firmato nel Nord Est. Oggi sono tante le Istituzioni presenti perché questo accordo viene fatto con tutta la città”.

“Venezia ha una tale forza che ogni aggettivo è sprecato – ha dichiarato poco dopo il Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Lo può capire chiunque si affacci su uno dei suoi canali o trascorra qualche ora in questo luogo che è cultura, fascino, suggestione, ma anche innovazione, ricerca, università, che rappresenta il futuro del mondo perché le grandi città della cultura, se riescono a rinnovarsi hanno una chance in più nella competizione globale. Ecco perché firmiamo questo patto. Ci sono i soldi, i progetti, c’è la cabina di regia, e finalmente si parte, non si tiene fermo un Paese, il Governo deve facilitare i progetti per la città. Per i cittadini di Venezia ci deve essere la consapevolezza che la nostalgia è bellissima – ha detto infine il Premier – ma la speranza di più”.

Riconoscendo il valore del patrimonio storico-artistico, la specificità della città e le peculiarità morfologiche di Venezia articolata tra terra e mare il Patto per Venezia prevede quindi lo stanziamento immediato di quasi 460 milioni di euro che nei prossimi anni verranno utilizzati per interventi volti a favorire lo sviluppo economico, la coesione sociale e territoriale della Città.

La cifra più consistente, 250 milioni di euro verrà stanziata per opere di completamento della rete di marginamento delle macroisole di Porto Marghera. 90 milioni saranno destinati all’ interramento dell’elettrodotto di Terna del Vallone Moranzani. Un’altra cifra importante pari a 45 milioni di euro verrà utilizzata per la manutenzione straordinaria del centro storico veneziano, con l’escavo dei rii, il restauro conservativo di immobili residenziali, attività produttive o per la sistemazione di ponti. Risorse per 10 milioni di euro saranno impegnate per la realizzazione di sistemi sperimentali di gestione del turismo a Venezia. 8 milioni andranno alla riqualificazione di Palazzo Ducale, altri tre all’Università. Per la progettazione di infrastrutture necessarie alla risoluzione del transito nel canale di San Marco e della Giudecca delle grandi navi saranno invece impegnati due milioni di euro. Fondi saranno però investiti anche sulla Terraferma Veneziana: 21 milioni di euro andranno alla riqualificazione di edifici e luoghi pubblici di rilevanza socio- economica e contrasto all’illegalità, mentre 3 milioni alla riqualificazione urbanistica ed edilizia della stazione di Mestre.

“Dopo un anno di lavoro e diplomazia, dopo l’appello corale di tutte le forze politiche al riconoscimento della specialità Veneziana di cui in tutte le occasioni mi sono fatto portavoce – ha concluso il sindaco – la città può finalmente tornare a costruire un futuro per le nuove generazioni”.

26/11/2016

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Questo turismo porta benessere e posti di lavoro a Venezia? No: solo povertà e schiavismo

Negli ultimi decenni abbiamo assistito ad una graduale quanto inarrestabile trasformazione di Venezia: da città a non-luogo in mano al turismo e alle sue regole. Nel 1988, davanti a una popolazione residente di 81.000 unità, Paolo Costa e Jan Van Der...

Dottoressa Maria Elena De Bellis sospesa per no al vaccino: 1500 assistiti devono cambiare medico

Dottoressa Maria Elena De Bellis, una professionista stimata alla quale i suoi 1500 assistiti si sono sempre affidati con fiducia. Sarà difficile per i suoi pazienti rinunciare a un rapporto solido e rassicurante, instaurato in un tempo di reciproco affidamento. Eppure quell’ambulatorio...

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Guide turistiche abusive a Venezia: giusto multarle, ma chi vuole essere in regola che possibilità ha?

In questi giorni sono state sanzionate molte guide turistiche abusive a Venezia, ma vediamo anche l’altra faccia della questione: per chi volesse lavorare in regola, dopo una laurea sudata e successivi studi, da anni ormai non ha alcuna possibilità di abilitarsi. Sono...

Weekend di sofferenze a Venezia. Alla Celestia visitatori della Biennale opprimono i residenti

L'ultimo weekend a Venezia ha portato un flusso eccezionale di persone. I numeri ufficiali si sapranno più avanti ma per chi abita in città non ce n'è bisogno: la prima settimana estiva ha visto la città assalita da turisti, vacanzieri e...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.

“Frecce tricolori su Venezia: io non le gradisco e il mio cane ha paura”. Lettere al giornale

Gentile cronista, la prego di pubblicare quanto segue. Le Frecce Tricolori a Venezia oggi (venerdì 28 maggio, ndr) sono passate ripetutamente con sorvoli verosimilmente bassi, tanto che mi tremavano i vetri della casa. Avevo letto che la loro esibizione è domani (sabato 29...

Chiede di indossare la mascherina: turista picchia marinaio Actv

Il marinaio Actv chiede di indossare la mascherina: preso a pugni. Arriva il capitano: picchiato anche lui. Cattivo segno dei tempi di un turismo asfissiante e stressante a Venezia che sono tali anche per loro, per i turisti. La città, la pandemia,...

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

Pensioni, novità in vista: Quota 41, Lavoratori fragili e Opzione donna

Pensioni: novità all'orizzonte in campo previdenziale. Tanta la carne al fuoco con una nuova "faccia" per l' Ape social e una nuova "Quota 41", ma non per tutti, e una certezza: si va verso la proroga per l' Opzione donna.