Renzi: 80 euro restano e tfr in busta paga per chi lo vorra’ come libera scelta

124

Renzi: 80 euro restano e tfr in busta paga per chi lo vorra'

«Togliamo articolo 18 e parte del peso fiscale. Dal 2015 chi assumerà dipendenti a tempo indeterminato per un triennio eviterà i contributi».
Come dire: vi lasciamo libertà di assumere e poi di licenziare.
Matteo Renzi sceglie all’assemblea di Confindustria Bergamo annuncia «la più grande riduzione delle tasse di sempre».

Il premier si scatena al microfono: «Tutti parlano dell’articolo 18 — attacca Renzi — io dico che 18 sono i miliardi che taglieremo come tasse tra la legge di Stabilità per il 2014 e quella per il 2015».
«Di questi 18 miliardi, 10 finanzieranno in modo stabile il bonus degli 80 euro, mezzo miliardo le detrazioni fiscali per le famiglie. Il resto? Incentivi che permetteranno per un triennio di non pagare contributi per chi assume a tempo indeterminato e la riduzione di una tassa capace di mandar fuori di testa, ovvero l’Irap componente lavoro».

Per quanto riguarda la svolta del Tfr in busta paga: «l’operazione verrà presentata nelle prossime ore. Grazie a un accordo con le banche — chiosa il premier — si garantirà liquidità alle piccole e medie imprese». La scelta sarà su base volontaria.

Redazione

14/10/2014

Riproduzione vietata

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here