giovedì 27 Gennaio 2022
1.6 C
Venezia

Redentore 2020: molte le pubblicità di feste sui barconi con musica e drink

HomeRedentoreRedentore 2020: molte le pubblicità di feste sui barconi con musica e drink
Redentore 2020: molte le pubblicità di feste sui barconi con musica e drink
Festa del Redentore Venezia 2020: foto del lancio di eventi sui social con promesse di dj set, open bar, ecc

“Saranno i fuochi d’artificio più belli di sempre – aveva dichiarato il sindaco Brugnaro – e ci saranno le barche dei veneziani addobbate a festa e illuminate come nelle migliori occasioni”. Gli aveva fatto eco il delegato alle tradizioni Giovanni Giusto evocando il parallelismo tra la fine della peste nel 1577 e quella del Coronavirus e dichiarando: “ne siamo fuori, ci siamo ripresi e dobbiamo assolutamente ripartire”.

Una festa per Venezia, un agognato segnale di normalità che la stampa aveva accolto dando per scontata un’unica ipotesi: il 18 e 19 luglio sarà un Redentore “in forma ridotta” vista l’improponibilità di ospitare le 100 mila persone che affollavano la città negli ultimi anni.

Ca’ Farsetti si è messa al lavoro per creare le condizioni affinché l’evento spossa svolgersi in totale sicurezza, anticipando un grande dispiego di forze dell’ordine e ventilando addirittura la possibilità di “rive solo su prenotazione”.

Pareva scontato non vedere nel 2020 i barconi-discoteca sui quali centinaia di sconosciuti ballano e bevono in spazi ristretti: la Conferenza Stato Regioni ha infatti autorizzato dal 15 giugno i soli locali che possano “garantire almeno un metro tra gli utenti e almeno due metri tra gli utenti che accedono alla pista da ballo”, e che “con riferimento all’attività del ballo, tale attività in questa fase può essere consentita esclusivamente negli spazi esterni (es: giardini, terrazze, etc)”.

Non solo: “gli utenti dovranno indossare la mascherina negli ambienti al chiuso e all’esterno tutte le volte che non è possibile rispettare la distanza interpersonale di un metro” e “nei guardaroba, gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti in appositi sacchetti porta-abiti”.

Condizioni ardue da rispettare su un’imbarcazione, soprattutto con le torride temperature di luglio; tant’è che tutti – stampa compresa – davano per scontata l’assenza di tali iniziative per questo Redentore post-coronavirus.

E invece, ecco spuntare come funghi i “Boat Party”, i “Redentore Night”, i “Lagoon Dance”: nomi fittizi per indicare degli eventi reali che in questi giorni stanno imperversando sui social a caccia di prenotazioni.

Per ingolosire i clienti il leitmotiv è sempre lo stesso: “torniamo a vivere”, “lasciamoci il coronavirus alle spalle”, “festeggiamo il pericolo scampato”.

I prezzi vanno dai 95 ai 160 euro e propongono “ricchi buffet”, “open bar”, “dancefloor con deejay” prima e dopo i fuochi. Gli annunci con foto ammiccanti rimbalzano di telefonino in telefonino con il tasto: “Acquista qui”, o “Prenota qui”.

E la cosa che lascia più perplessi sono proprio le immagini che accompagnano gli annunci: in alcune, per esempio, si vedono barche assiepate di giovani che si divertono con corone hawaiane e le mani alzate al cielo; in un’altra quattro ragazze bevono da altrettante cannucce piantate in un unico bicchiere.

Il tutto organizzato da tour operator, agenzie e gruppi legati all’intrattenimento: alla faccia delle “barche di veneziani” che evocavano invece scenari famigliari con piccoli nuclei naturalmente distanziati dall’acqua.

Il virus c’è e gira. Se il nostro Paese è riuscito a contenerlo è stato grazie alle misure applicate con fatica e sacrificio: è bastato un torneo di tennis con 20 mila spettatori e nessuna protezione tra gli atleti per riaccendere il contagio nelle vicine Serbia e Croazia. Considerando le norme ancora in vigore per le discoteche ma soprattutto i focolai recentemente riapparsi in Italia, si riuscirà a garantire la sicurezza?

I “Boat Party” non sono rivolti solo ai veneziani ma ai giovani di ogni regione: come si farà ad assicurare che la festa di Redentore 2020 senza limitazioni di promiscuità per le disco-barche non porti ulteriori conseguenze per una città che sta ancora pagando gli effetti del lockdown e della situazione in generale?

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Aveva fermato la rapina in banca, guardia giurata condannata e deve risarcire il ladro

Lui una guardia giurata, Marco D. L'altro un rapinatore, Giorgio A., preso mentre fuggiva con il bottino dalla banca Unicredit di Cavallino Treporti che aveva appena assaltato con alcuni complici. Una storia che va avanti da 10 anni nei corridoi e nelle...

Impiegati d’albergo: “Non siamo noi il male di Venezia, non dimenticateci”. Lettere

  "Anch'io voglio tornare a lavorare ma..." Breve racconto di una receptionist di un hotel di lusso   Ormai sono mesi che, con l'albergo chiuso, vivo solo "grazie" alle briciole della cassa integrazione. Voglio tuttavia ricordare a tutti che prima non era la terra promessa come...

“Ma è normale che il marinaio Actv abbandoni una borsa trovata a bordo in un pontile deserto?”. Lettere

Mi piacerebbe capire se il seguente comportamento è normale: fatto avvenuto la sera del 12 dicembre, a bordo del motoscafo linea 4.1 delle ore 20,16 circa, partenza piazzale Roma, direzione Murano. Alla stazione una coppia scende e dimentica una borsa che il marinaio...

“Vaccini, tamponi e uno squarcio di verità”. Lettere

Questa mattina al Policlinico San Marco di Mestre Sono circa le otto del mattino di oggi, 17 gennaio, quando una donna di settantacinque anni, vaccinata tre volte e altrettante sottoposte al tampone, si reca al Policlinico San Marco di Mestre per un...

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Venezia: da oggi mascherine all’aperto in certe aree. Ecco dove

Venezia: allargamento dell’obbligo dell’uso di mascherine all'aperto alle aree della movida e nelle piazze. Dal 6 dicembre Green Pass obbligatorio fin dai pontili degli imbarcaderi per favorire i controlli a campione

Venezia: ecco le barche private per evitare il controllo della certificazione verde sui mezzi Actv

Laddove non si convince, si scatena la creatività e il far da sé. Barche private, iniziative dovunque, social scatenati, soprattutto tra chi vive nelle isole e deve recarsi al lavoro o accompagnare i figli a scuola: ognuno si organizza a modo...

Infarto durante corsa: tragedia a Treviso. Ha 12 anni

Momenti grande paura oggi per un ragazzo di 12 anni colpito da un arresto cardiaco mentre stava correndo una marcia campestre a Vittorio Veneto, nel trevigiano. Il giovane atleta, iscritto alle Fiamme Oro di Padova, è stato visto barcollare e poi...

Mauro da Mantova è morto. L’ospite della trasmissione ‘La Zanzara’ non ce l’ha fatta

Mauro da Mantova è morto ieri a Verona. Era ricoverato dal 10 dicembre, quasi subito era entrato in condizioni critiche e, alla fine, non c'è stato niente da fare. Mauro da Mantova, "ospite-incursore" della trasmissione radiofonica "La Zanzara" è spirato all’ospedale Borgo...

Vaporetti Actv Venezia: torna la Linea 2 fino a Lido

Actv implementa più corse: Linea 2 adesso arriva fino a Lido e ci sono corse supplementari 5.1 2 5.2.

Mostra del Cinema: non si riesce a vedere film, noi andiamo via. Lettere

Buongiorno, siamo un gruppo di accreditati che da anni vengono a Lido per la Mostra. Vogliamo portare a conoscenza e rendere pubblico che ce ne andiamo, siamo in partenza anche se mancano cinque giorni alla fine. A che pro stare qui se non...

“Venezia non è più in pericolo??” Decisione Unesco incredibile. Lettere

I TURISTI continuano a soffocare Venezia senza alcuna limitazione, specie quelli pendolari che sbarcano con barche “Gran Turismo” col benestare del sindaco che ad oggi non ha posto in essere alcun limite. Anzi, pare interessato a far “assaltare” la città da...