1.9 C
Venezia
mercoledì 27 Gennaio 2021

Redentore di Venezia 2020, ecco com’è andata. E poi dimentichiamo

Home Redentore Redentore di Venezia 2020, ecco com'è andata. E poi dimentichiamo
sponsor

Redentore di Venezia 2020, ecco com'è andata. E poi archiviamolo

sponsor

Nuvole minacciose e un forte vento hanno avvisato i bagnanti del Lido già dal primo pomeriggio, quasi a dire: “Oggi niente festeggiamenti, oppure sì ma in tono dimesso” (dato che poi non ha piovuto). Così le spiagge hanno cominciato a svuotarsi lentamente dalle 16.

commercial

Ma a spingere verso il rincasare per cambiarsi, agghindarsi, docciarsi, c’era anche l’euforia per l’avvicinarsi di mezzanotte del terzo sabato di luglio: anche senza fuochi si è confermato un appuntamento molto sentito per i veneziani. Un po’ l’emozione per questo momento è nel nostro Dna. Come un’esperienza che rinforza la consuetudine, dato che ci ha accompagnato finora nella nostra esistenza sin da quando eravamo ragazzi.

L’immagine che resterà come una polaroid nell’album di Venezia 2020 alla pagina “Redentore”? Una a caso di quelle scattate a bordo della linea 1 che dalla Salute andava verso Lido subito dopo mezzanotte: Bacino San Marco completamente navigabile perché praticamente libero di barche. Al centro, a “ore 12” una pilotina della Polizia locale che con le sue intermittenti azzurre dava un po’ di movimento al panorama. Lontane apparivano alcune lucine colorate dalla Giudecca.

Ma la gente, le persone, non ha rinunciato completamente alla festa. Gli adulti percentualmente hanno preferito le cene nei locali, cene organizzate (a menù fisso o meno, a base di pesce ovviamente) cene a casa di amici o, per chi poteva, cena con la tavola in riva come tradizione.

I più giovani si sono invece riversati per le strade. La dorsale principale della Strada Nova è stata attraversata con una frequenza pari a quella citata della “Linea 1” da gruppi di giovani schiamazzanti. Piccoli-medi raggruppamenti di ragazzi, che potevano arrivare anche ad una trentina, che ridevano sonoramente agli spropositi che urlava il capogruppo sbracato vagando apparentemente senza una meta.

L’impressione è che quest’anno siano mancati loro i riferimenti, i contenuti. In Campo SS. Apostoli pochi minuti dopo la mezzanotte è anche riecheggiato un “Chi non salta rossonero è… Chi non salta rossonero è…”, seguito da un paio di : “Interista pezzo di m…”. Cori che con il Redentore c’entrano pochino, a dire il vero.

Tutto senza incidenti e disordini, comunque, per quanto è stato possibile vedere. Chi affiancava questi gruppi superandoli perché voleva solo rincasare ha potuto procedere indisturbato con passo spedito. L’eccesso, la trasgressione, c’erano, come no. Addirittura in qualche occasione abbiamo scoperto che sono le ragazze del gruppo a tenere le bottiglie che servono ad “alimentare la festa” nelle loro borse.

E qui una riflessione ci scatta spontanea, però: a divertirsi con gli amici, spesso con abbigliamento scelto dal catalogo delle cubiste, anche ragazzine apparentemente di 15 e forse 14 anni. Ma che fine hanno fatto i genitori che a noi ci tormentavano? “Dove vai”, “Con chi sei”, a casa entro…!”. Mah.

Lungo il Canal Grande qualche barca ormeggiata a riva con i palloncini colorati. A bordo adulti, famiglie e qualche amico a mangiare la tradizionale fetta di anguria e a bere qualche ombra. Gli irriducibili della festa.

Ma avvicinandosi a Rialto la vera sorpresa. Come quando da un deserto ci si avvicina ad un centro abitato, cominciamo a sentire rumori, voci, urla e un sottofondo di cassa ovattata che batte il ritmo “Tump… tump…tump…”.

Andiamo verso quella direzione ed… è bastato fare il Ponte di Rialto. Tutta la zona dietro l’ex tribunale, l’erbaria, la pescheria, fino al molo della gondola-traghetto, affollata di persone che ballava o che parlava con il bicchiere in mano dondolando la testa per la musica. Probabilmente non per voler ballare ma perché era impossibile tenerla ferma per il volume assordante.

Anche qui voglia di divertimento con una festa viva ma composta. Apparentemente nessun disordine. Certo qualche giovane si è “arreso” ed è tornato a casa portato a braccia degli amici, ma questo ci sta.

La morale del Redentore di Venezia 2020: il virus ha fermato i fuochi artificiali e probabilmente modificato abitudini della nostra vita. Come una spinta pulsionale, però, (scusa, Sigmund) eccezionalmente viene comunque fuori il “bisogno di vita”. Emerge la voglia di dare prova (anche a noi stessi) di essere vivi prelevandoci per qualche ora da una quotidianità di regole che ci incatena.

Essenziale che la prova ci riconsegni sani a quella quotidianità dopo le eccezioni.
E proprio per questo non possiamo esimerci da un’osservazione: mascherine e distanze sociali molto spesso non erano invitate alla festa di stanotte.

Paolo Pradolin

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

Morte della donna dimessa a piedi dal pronto soccorso, partite le indagini

Ci saranno minuziose indagini conseguentemente al decesso di Fabiana Carone, la povera donna di 52 anni morta dopo aver fatto rientro al proprio domicilio...

Oltre 400 daspi a Venezia nel 2020, ritirate 83 patenti

Oltre 400 daspi urbani a Venezia nel 2020. Il Comando generale della Polizia locale di Venezia informa che, in occasione della festività di San Sebastiano,...

Coronavirus Venezia, curva rallenta. Addio al gestore della Latteria Popolare, 57 anni

Coronavirus Venezia con la curva che rallenta, finalmente. Si spera diventi presto possibile dimenticare i giorni in cui si superavano i 500 nuovi contagi in...

Crolla a terra a San Giovanni Grisostomo, malore fulminante

Verosimile malore fulminante a San Giovanni Grisostomo, a Venezia, ieri sera. Un uomo che stava passeggiando è improvvisamente crollato a terra probabilmente colto da un...

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. L’azienda : un errore

Fiala vuota riempita con fisiologica e usata per vaccinare ancora. Un mero "errore materiale" secondo la spiegazione. Uno scambio di fiale? Una cosa così. E' successo...
commercial

Hanging Challenge e i ragazzini su TikTok si stringono una cinta al collo. Morta bimba di 10 anni

Hanging Challenge è il nome di quest'ultima aberrazione. E' una 'sfida', le chiamano 'challenge', ed è l'ultima arrivata tra quelle lanciate sui social per provocare...

L’Isola dei Famosi 2021, i concorrenti: indiscrezioni su 47 possibili naufraghi

Il Grande Fratello VIP non è finito, anzi, ancora non è chiaro quando andrà in onda la finale. Nel frattempo già si parla del...

Veneto prossima settimana in zona arancione o gialla. Zaia: «Sicuramente non rossa»

Sono 1359 i positivi nelle ultime 24 ore in Veneto con l'incidenza dei contagi al 3%. Non avendo più con la nuova circolare la...

“Il Carnevale di Venezia 2021 si farà”: ma come? Tutti gli scenari della kermesse

Tra un paio di settimane avrà inizio il Carnevale di Venezia 2021 mentre aumentano le incognite sulla sua organizzazione. Nel Carnevale 2020 ci fu...

Incidente con lo scooter sul Ponte della Libertà: residente a Lido ricoverato in gravi condizioni

Incidente con lo scooter giovedì pomeriggio sul Ponte della Libertà. Un uomo di 57 è ricoverato in gravi condizioni a Mestre. Diverse le ipotesi della...
sponsor

Trovato morto nel letto d’ospedale dopo l’intervento al piede

Trovato morto nel suo letto d'ospedale dopo l'intervento al piede. E’ successo il 19 gennaio all'ospedale di Mirano: un uomo di 72 anni, Luigi Geretto,...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Coronavirus Venezia, la seconda ondata si sta ritirando

Coronavirus Venezia e provincia, la seconda ondata da segni di regressione. Il primo segno si può interpretare con il tasso di occupazione dei posti letto. I...

Giovane fermato alla guida, ma non ha mai preso la patente. In auto droga e Taser

Compagnia Carabinieri di Venezia Mestre attenta e presente nei controlli coordinati del centro città e periferia. Tra i vari reati accertati ieri la condotta grave...

Chi mi ha chiamato? Di chi è questo numero?

Chi mi ha chiamato con questo numero? Ecco le informazioni sul numero comunicate dagli altri utenti...
commercial

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Ancora Legge n. 104. Cosa posso fare e non posso fare durante i giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap. Quali...

Coronavirus Venezia, nuovi positivi con leggera ripresa

Coronavirus Venezia (e provincia) una giornata in chiaro-scuro quella che va dalle ore 17 di martedì alle ore 17 di mercoledì. In attesa che i...

Una famiglia distrutta. Tragedie del Covid, tragedie a cui manca un perché

Una famiglia distrutta dal Covid. Sterminati i genitori e il figlio. Una tragedia del Veneziano, della nostra provincia, al punto che ha fatto dire...

Covid: pazienti morti per colpa del medico? Dottore arrestato per improprio uso farmaci

Pazienti morti non per il Covid ma per colpa del medico? Un dottore è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari per questa ipotesi. Va...

Il virus si fa ancora sentire: +14 terapie intensive. Esperto: un altro stop sarebbe meglio

Andamento Covid oggi: il virus si fa ancora sentire. +11.629 casi e 299 i morti in 24 ore. +14 i ricoveri nelle terapie intensive. Gli...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.