giovedì 27 Gennaio 2022
4.2 C
Venezia

Reddito di Cittadinanza: un mondo di abusi (c’è anche l’impiegato Inps)

HomefurbettiReddito di Cittadinanza: un mondo di abusi (c'è anche l'impiegato Inps)

Reddito di Cittadinanza: un mondo di abusi. Misura di sostegno cercata e voluta per le fasce più indigenti, troppo spesso si trasforma in percorso agevolato per furbi che indigenti non sono.
Gli ultimi casi resi noti questa mattina: 5 denunciati a Monza, tra cui anche un impiegato dell’Inps.
Le cinque persone sono state denunciate dai carabinieri per aver percepito illecitamente il reddito di cittadinanza e tra loro c’è anche anche un impiegato dell’Inps di Monza.
La moglie, insieme ad altri due familiari, ha falsificato la documentazione, omettendo proprietà immobiliari e anche quella di tredici veicoli e “dimenticandosi” di inserire nella richiesta i 25 mila euro percepiti dal marito quale impiegato pubblico, riuscendo così ad ottenere il sussidio.
Con loro denunciata anche un altra persona che, a sua volta, ha truffato lo Stato fornendo documenti falsi per poter accedere al reddito.
La Procura della Repubblica di Monza ha già avviato le procedure per il recupero del denaro.

I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno invece sequestrato 817 mila euro a 110 cittadini stranieri che avrebbero percepito il reddito di cittadinanza senza averne diritto.
Il provvedimento, emesso dal gip, su proposta della Procura della Repubblica guidata da Maurizio de Lucia, nasce dalle indagini delle Fiamme Gialle che hanno esaminato una platea di oltre 2000 stranieri, extracomunitari e comunitari, che avevano richiesto e percepito il beneficio: in maggioranza cittadini rumeni, nigeriani, marocchini, srilankesi, ma anche persone che provenivano dall’America latina e dai paesi arabi.

Il reddito di cittadinanza è riconosciuto ai nuclei familiari che, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, siano in possesso dei requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno e reddito previsti dalla legge.
Incrociando le informazioni segnalate dai beneficiari con quelle emerse dalle banche dati della Finanza, sono emerse discrasie in relazione al possesso dei requisiti in particolare quelli relativi alla residenza.
Il richiedente, al momento della presentazione della domanda, deve vivere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo.
Dalle indagini è emerso che 110 stranieri presentando la domanda avevano mentito sul punto.
Alcuni, tra il 2019 ed il 2021, avrebbero percepito somme superiori a 29 mila euro.
L’attività è stata preceduta dalla collaborazione con l’INPS di Messina, che ha messo a disposizione del Reparto tutti gli elementi necessari ad effettuare gli approfondimenti.

C’è invece anche un assessore attualmente in carica in un comune dell’alto Tirreno cosentino, tra i 170 furbetti del reddito di cittadinanza scovati dagli uomini della Tenenza della Guardia di Finanza di Scalea nell’ambito di un’indagine finalizzata al monitoraggio e al controllo dell’illecita percezione, grazie a vari escamotage, del beneficio economico.
L’importo complessivo delle somme indebitamente ottenute ammonta a oltre 1,3 milioni di euro.

L’attività investigativa, che ha riguardato un territorio comprendente 14 comuni, si è sviluppata attraverso l’analisi delle informazioni contenute nelle banche dati dell’Inps e ha consentito di individuare quanti continuavano a incassare il sussidio omettendo di comunicare variazioni occupazionali e di reddito, l’attività lavorativa in essere all’atto della presentazione dell’istanza per il riconoscimento del reddito e la sottoscrizione della “dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro”.

In altri casi, i finanzieri hanno rilevato che alcuni fruitori risultavano fiscalmente a carico di nuclei familiari differenti da quelli dichiarati e che erano state fornite “residenze di comodo” trasferite al solo fine di rappresentare, in fase di dichiarazione, un nucleo familiare che escludeva da esso il produttore di reddito.

Al termine dell’indagine sono state immediatamente avviate le operazioni di irrogazione delle sanzioni amministrative di revoca e/o decadenza del beneficio ed il recupero delle somme indebitamente percepite.

Infine una curiosità: sei dei fermati dalla Procura Europea nell’ambito di un maxi contrabbando di sigarette tra l’Africa e l’Europa percepivano direttamente o tramite il proprio nucleo familiare il “reddito di cittadinanza”, beneficio che ora verrà loro sospeso.
Questo quanto emerso dall’inchiesta della Finanza che martedì ha portato a 13 fermi.
Gli specialisti del Gico, attraverso l’esame, il confronto e l’incrocio di informazioni economico-finanziarie ottenute tramite le varie banche dati, hanno anche accertato la sproporzione tra i beni nella disponibilità degli indagati e i redditi dichiarati.

La Procura Europea ha disposto dunque anche il sequestro preventivo d’urgenza di un’imbarcazione, autoveicoli e motoveicoli riconducibili agli indagati per un valore complessivo di 150.000 euro.

Tutto quanto riportato solo nelle ultime 24 ore.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Mario Nascimbeni
Giornalista professionista, collabora ed ha collaborato con grandi testate nazionali. Ha base operativa a Roma, ma la sua professione lo porta in ogni parte del mondo come inviato o per reportage personali.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Venezia affollata: altri 50mila. Ancora trasporti in difficoltà

"Mamma ma Venezia è sempre così affollata...?". La mamma cerca una risposta che abbia una logica, ma la risposta la possiamo dare noi: "Sì tesoro, praticamente sempre e peggiora di sabato e domenica". La scena viene colta andando verso i Gesuiti tra...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Mauro da Mantova, no vax “untore”, non dà segni di miglioramento

Mauro da Mantova, no vax-"untore", noto per le sue partecipazioni radiofoniche al programma "La Zanzara", ricoverato ormai da 4 giorni in terapia intensiva, non dà segni di miglioramento, le sue condizioni permangono ancora gravissime a causa del Covid. Una decina di giorni...

Separazione Venezia – Mestre, che cosa ne pensate? Sondaggio in tre clic

Separazione Venezia - Mestre sì o no? Referendum sì, referendum no. Importanti autorità cittadine affermano che il momento storico della città lo vede necessario ed ora è opportuno. Il sindaco, Luigi Brugnaro, invita, invece, a non andare a votare per 'invalidarlo'...

Da lunedì niente mezzi senza Super green pass: la rabbia dei residenti delle isole

Cattive nuove per gli abitanti nelle isole della laguna sprovvisti di Super green pass: da lunedì non potranno salire sui mezzi di trasporto. Vivere in un’isola e non poter salire sui mezzi di trasporto per recarsi al lavoro, andare a scuola, o...

“La Venezia svenduta: uno, dieci, cento bar, bnb, uno attaccato all’altro…”. Lettere

In risposta alla lettera: “Non è che chi va fuori non ami più Venezia, è lei che non c’è più”. Rispondo alla Veneziana Doc. Non sono il Frank che ha risposto a Luca. Però devo dirti che hai ragione. Ho 75 anni...

Sciopero Comparto Sanità il 30 contro ‘Obbligo Vaccinale’ e ‘Green Pass’

Sciopero dei lavoratori della sanità (pubblico e privato) proclamato da Fed. Autonoma Italiana Lavoratori Sanità (FAILS) e Cobas Nordest.

Mose solo da bloccare, progetto scollegato dalla elementare realtà lagunare

Mose; non solo un progetto da bloccare, ma una riflessione tecnica sulle responsabilità concettuali di una operazione sviluppata da un team di eminenti studiosi, totalmente scollegati dalla elementare realtà lagunare. A chi conosce il fango lagunare,i problemi legati alla corrosione galvanica, all'agressività...

“Vaccini, tamponi e uno squarcio di verità”. Lettere

Questa mattina al Policlinico San Marco di Mestre Sono circa le otto del mattino di oggi, 17 gennaio, quando una donna di settantacinque anni, vaccinata tre volte e altrettante sottoposte al tampone, si reca al Policlinico San Marco di Mestre per un...

Elezioni scolastiche: “Far votare solo con chi ha Green Pass è discriminatorio!”. Lettere

Ci sono cittadini di serie a e di serie z... e poi ci sono i fedelissimi esecutori, che oggi come nel '36 eseguono ordini come autentiche macchinette da regime... ma che poi si pentono amaramente come nel '45. Inutile dire che ...

DEMOCRAZIA? Gnanca su le scoasse! E io pago per l’immondizia tenuta in casa

Sarà l’età con tutti i prò e tutti i contro, sarà che mi giro attorno e vedo andar tutto al rovescio, anche se la buona vista non mi manca ma, da un po’ di tempo sono cambiata, DEVO protestare, perché quello...

Dottoressa di base No Vax sospesa: paese senza medico

La dott.ssa è sospesa come medico di base dall'Ulss di Padova privando la comunità di Cervarese Santa Croce della sua assistenza