8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Reddito di Cittadinanza: in Veneto 600 denunciati

HomeL'indagineReddito di Cittadinanza: in Veneto 600 denunciati
la notizia dopo la pubblicità

Reddito di Cittadinanza: in Veneto per ora si parla di oltre seicento persone senza titolo, che hanno già ricevuto la lettera che richiama alla restituzione del dovuto e di altre duemila sospettate, da indagare.
Ad oggi, l’importo individuato dai finanzieri, che dovrà essere riconsegnato allo Stato erogatore, si aggira intorno ai tre milioni e mezzo di euro.
L’indagine si è avvalsa di un incrocio di dati rilevati da numerose banche, riguardanti le persone che ricevono l’aiuto economico e una volta individuati si amplifica la ricerca che mira a considerare le reali entrate.

Sulla base delle conoscenze acquisite, i finanzieri hanno valutato che molte persone non avrebbero diritto per vari e differenti motivi, a beneficiare dell’erogazione del Reddito di cittadinanza.
Le situazioni di ambiguità riconosciute, svolte dai militari che hanno diritto ad accedere ai dati bancari hanno elaborato una lista di nomi e cognomi ‘sospetti’.

Diverse e articolate le situazioni delle persone che hanno ricevuto il contributo economico. Dalle famiglie, a quanti nel frattempo hanno aperto una partita Iva, senza comunicarlo, a chi ha lavorato in nero. . .

È evidente che questo comprensibile diritto di ‘fare i conti in tasca’ ai beneficiati dal reddito, nato proprio per far fronte ai problemi indotti dalla povertà, debba tener conto dell’anno e mezzo di pandemia che ha messo in ginocchio tante categorie economiche e si pensa, ancor di più chi non aveva lavoro e non possedeva niente.

Il meccanismo dei controlli su chi percepisce la misura integrativa al reddito è piuttosto complesso e chiama in causa diversi attori, tra l’Agenzia delle Entrate, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, la Guardia di Finanza e le altre autorità di controllo

Sarà compito dei finanzieri in questa indagine, distinguere chi ha davvero approfittato, truffato, cambiato le carte in tavola rispetto la propria condizione economica, da chi stava cercando di ‘sollevarsi’, magari accettando piccoli lavori in qua e in là, per tirare avanti con la famiglia.

Su questa provvisorietà si spiega forse la mancata comunicazione dell’eventuale variazione della condizione occupazionale. Insieme a situazioni odiose che hanno certificato l’arroganza e l’abuso, e chi le ha praticate dovrà rispondere per aver approfittato di un’entrata’ in denaro che spettava a chi veramente si trovava in difficoltà, si dovrà valutarne altre, di reale fatica quotidiana, che forse meritano un ragionamento prima di giudicarle sanzionabili.

continua a leggere dopo la pubblicità

» leggi anche: Reddito di Cittadinanza indebitamente percepito: decine di casi a Mestre

» leggi anche: Reddito di Cittadinanza: a Venezia i beneficiari sono 15.600

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Tornelli a Venezia per gli arrivi: a volte ritornano

Con il turismo che ha ripreso e le folle a Venezia si ripropone il problema del controllo dei flussi. Ritornano i tornelli che non saranno come quelli installati nel 2018 ai piedi dei ponti di Calatrava e degli Scalzi in previsione...

“Si parla tanto di spopolamento di Venezia, ma la città perde meno abitanti di prima”. Lettere

In riposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei 'venezianassi' ". Vedo, purtroppo, che ancora una volta si punta il dito contro questo mostro delle locazioni turistiche senza mai vedere tutto l’insieme. Chiedo al prof. Mozzatto che faccia meglio i compiti prima...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Covid: oggi crescita lenta ma esponenziale. La nuova variante AY.4.2

La nuova variante del Covid "AY.4.2" isolata in Gran Bretagna pare meno aggressiva della "Delta" (ex "Indiana")

“Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”. Lettere

"Venezia diventerà un museo a cielo aperto fatevene una ragione" inizia così il parere di un lettore che poi dà "la colpa" proprio ai residenti

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Incontro cittadino sui plateatici: i tavolini di Venezia al posto originale il 31/12

A fine anno scadono le concessioni che hanno consentito di moltiplicare i plateatici a Venezia, lo ha garantito l'Assessore

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Prepensionamento dipendenti pubblici, cammino difficile

Il ministro Madia ha cominciato a scontrarsi con visioni opposte al suo piano e la strada che porta al prepensionamento dei dipendenti pubblici non è per niente in discesa. Stefania Giannini, ministro per l'Istruzione le risponde: «Un sistema sano non ha bisogno...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...