8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Rapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina

Homerapine in villeRapina in villa sul Terraglio pistole in pugno, minacciata bambina
la notizia dopo la pubblicità

Rapina odiosa a Mogliano, domenica sera.
Sono circa le 19 e 30, quando quattro malviventi con passamontagna in faccia, irrompono nella villa sul Terraglio con le pistole in mano.
Immobilizzano il proprietario, il petroliere Giancarlo Miotto di 79 anni, la moglie, e non si preoccupano minimamente della loro figlia di 7 anni che vive con terrore ciò che sta accadendo.

Non c’è tempo per accorgersi che stavano compiendo un crimine nei confronti di una bambina ignorata, il peggior crimine quando si calpesta la vita dei più deboli.
Non c’è tempo né voglia di capire, ormai tutto è ben preordinato.
Minacciano gli ostaggi, sono pronti a tutto. Attraversano il caveau e assaltano le casseforti, pretendono di scardinare tutto e fanno razzia di gioielli, e pietre preziose di grande valore.
Comandano obbedienza e minacciano di morte e di sequestrare la bambina.
Solo un provvidenziale allarme, che scatta all’improvviso, li fa fuggire dal giardino con il loro ricco bottino.

Hanno assistito alla rapina anche le due domestiche della famiglia che raccontano di aver sentito parlare al telefono uno dei quattro ladri, sembrava parlasse moldavo, dicono, e l’impressione è stata che ricevesse indicazioni da qualcuno che evidentemente conosceva la casa.
E assicurano che fuori della villa c’erano dei complici che controllavano tutto quel che si è svolto in poco più di mezz’ora. E anche un’automobile, per la fuga.

Ora i carabinieri della Compagnia di Treviso e del Nucleo investigativo, stanno indagando e controllando le riprese delle telecamere, sperando di trovare qualche elemento di prova e di riconoscimento dei rapinatori, che hanno fatto il ‘colpo grosso’, portandosi via gioielli, orologi e preziosi del valore di oltre un milione di euro.

A giudizio degli investigatori, il piano è stato studiato nei minimi particolari, orientato da chi, si suppone conoscesse la villa, il posto delle casseforti, le abitudini della famiglia.
Indizi e traccia del loro passaggio dovrebbero fornirle le immagini della videosorveglianza comunale e dei lettori delle targhe delle automobili.

La raccolta di testimonianze di chi vive intorno alla villa, potrebbero aiutare i militari che hanno anche sentito il custode che ha raccontato un particolare che forse era a conoscenza dei rapinatori.
Ogni sera, infatti, a fine turno, il custode della villa libera in giardino due pastori maremmani, che dovrebbero fungere da deterrente per i mal intenzionati.
Il fatto che la rapina sia avvenuta alle 19 e 30 fa supporre che i ladri conoscessero questa modalità.

Le supposizioni in questo, come in altri casi analoghi s’indirizzano verso bande specializzate nei colpi in villa e a rapine su commissione.
Forse è la stessa banda che a luglio ma di notte, ha assaltato a Preganziol la villa di Giuseppe Marcello del Mayno e insieme a lui hanno preso in ostaggio la moglie e la figlia. Forse, i carabinieri stanno studiando eventuali, utili collegamenti.

Forse la refurtiva potrà essere recuperata, qualche volta accade, saranno irrecuperabili invece e per sempre quei lunghi minuti che feriscono l’innocenza di una bambina che scopre quanto gli adulti siano cattivi e ignobili.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Andreina Corso
Cittadina 'storica' di Venezia, si occupa della città e della sua cronaca. Cura gli approfondimenti, è giornalista, insegnante, autrice letteraria, poetessa.

2 persone hanno commentato. La discussione è aperta...

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Deve andare a lavorare, entra in pontile dall’uscita causa turisti: pontoniera la fa multare

Una brutta multa e un brutto gesto. Una multa salata ad inizio settimana, come buongiorno. E la rabbia per una multa di 67 euro per essere entrata dalla parte dell’uscita del pontile della linea 1 sul piazzale di Santa Lucia. E’ vero,...

“Far pagare spese sanitarie a chi non si vaccina: proposta oscena”. Lettera

La proposta di far pagare le cure sanitarie a chi si ammala dopo aver rifiutato il vaccino è oscena: "E le altre malattie?"

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Caro capitano Actv ti ringrazio. Lettere al giornale

Caro capitano Actv ti ringrazio. Sono quello che aspettava la corsa del 4.1 al pontile dei Giardini ieri, venerdì mattina alle 7.27. Non è colpa mia se sono una persona anziana. Ho lavorato tutta una vita e adesso ho bisogno di usufruire dei...

Sanzione disciplinare irrogata dal datore di lavoro. L’impugnazione. I principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

La Sanzione Disciplinare irrogata dal datore di lavoro. Vediamo oggi l'impugnazione della sanzione e i principi di immutabilità, specificità, immediatezza e proporzionalità

Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Lettere

In merito alla "lettera al giornale":  “Venezia è destinata a diventare un museo, fatevene una ragione”

Sciopero Actv a Venezia: la gente “assalta” il motoscafo che fa finecorsa [video]

Qualcuno a bordo già lo sospettava: quel motoscafo era "anonimo", cioè senza cartello di linea. In più, ad ogni fermata precedente (Tre Archi, Madonna dell'Orto, ecc..), il marinaio ripeteva diligentemente "Solo Fondamente Nove", quindi assomigliava in tutto e per tutto ad...

Rottweiler libero in spiaggia azzanna una donna, paura a Jesolo

Il rottweiler ha attaccato e affondato i denti al polso della malcapitata che cercava proprio in questo modo di "parare il colpo".

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Rialto, turiste entrano per provarsi vestiti, defecano in camerino e si puliscono con i capi da provare

Rialto (Venezia), lunedì scorso, una giornata normale di flusso turistico nella direttrice Campo San Bartolomeo - San Lio nella prima vera apparizione di caldo estivo. Mai la commessa di un negozio di quella via, una giovane veneziana di 24 anni, avrebbe pensato...

La strana storia della bambina di tre anni in giro da sola di notte a Venezia

La bimba, tre anni non ancora compiuti, ha attraversato a piedi, di notte, da sola, una parte di Venezia, città certamente bella e romantica, ma anche piena di insidie per una bimba così piccola a spasso da sola.

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali i rimedi? L’importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013

Quando il sindacato «vende» il lavoratore in sede di conciliazione. Quali sono i rimedi? L'importanza della sentenza della Suprema Corte di Cassazione n. 24024/2013