Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
5.7C
Venezia
domenica 28 Febbraio 2021
HomeCronacaRagionamenti sul terremoto (1a parte)

Ragionamenti sul terremoto (1a parte)

Ragionamenti sul terremoto (prima parte)

Come rendere antisismico il nostro paese e perché nessun governo ha attuato una politica capace di prevenire la devastazione dei terremoti? La domanda, in questo momento retorica allo stato delle cose, mette in evidenza alcuni aspetti che cerchiamo di delimitare, partendo da un semplice e minaccioso interrogativo:”Questo terremoto si poteva evitare?”

Una dichiarazione della Presidente nazionale di Legambiente Rossella Muroni ci informa che gli stessi paesi del centro nord distrutti dal terremoto, avevano già subito la stessa sorte nel 1639 e nel 1703, dopodiché si è costruito ugualmente e di più nelle stesse zone, pur conoscendone il rischio sismico.

Muroni pone la questione edilizia al centro delle cause e insiste affinché il Paese valuti seriamente la condizione del nostro patrimonio edilizio, la tenuta statica degli edifici, partendo proprio dagli ospedali e dalle scuole. Il Piano Nazionale per la prevenzione del rischio sismico, ha previsto, dopo il terremoto dell’Aquila del 2009, 965milioni di euro in 7 anni, l’1% scarso del bisogno reale per un intervento specifico e utile alla causa, che abbisognerebbe, secondo gli esperti, di circa cento miliardi di euro.

Già questo dato spiega il perché delle conseguenze. Inoltre è necessaria una regia capace di mettere insieme competenze, politica, responsabilità e progettazione condivisa fra cittadini, i diversi enti e la comunità scientifica, che tanto ha da dire sugli avvertimenti inascoltati. E obblighi al rispetto e alla prevenzione del rischio.

Pur essendoci un sistema di Protezione civile fra i più avanzati in Europa, non basta in assenza di un serio monitoraggio del territorio e la mancata messa in sicurezza degli edifici. Tenuta statica, si sente ripetere per compensare la speranza e allontanare la paura, mentre su questa negligenza istituzionale hanno perso la vita 240 persone, ha provocato tanti feriti e tante incognite.

Consola quel popolo della solidarietà che sempre si muove e si dà generosamente in queste circostanze, ma la sfida vera e propria la pretende la prevenzione, la ricostruzione responsabile, sperando che nessuno voglia speculare sulle macerie, che siano cacciati gli appaltatori disonesti e che possa partire una volontà riabilitativa di garanzia per i cittadini e per le loro case, che fino ad oggi non si è fatta viva.

(continua: seconda parte)

Andreina Corso | 25/08/2016 | (Photo d’archive) | [cod terremoto]

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, era in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Ciclista trovato morto a bordo strada a Sernaglia, forse investito e non soccorso

Trovato morto ciclista a bordo strada questa mattina. Si tratta di un uomo di 45 anni. Il deceduto è stato scoperto un paio d'ore fa al...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Mose: perito per le cerniere da le dimissioni. “Nel 2019 abbiamo rischiato”

Clamoroso al Mose. La notizia esplode questa mattina in edicola con la Nuova Venezia. L'articolo racconta nel dettaglio una durissima lettera d'accusa inviata al Provveditore...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.