COMMENTA QUESTO FATTO
 

Raccolta rifiuti porta a porta anche alla Giudecca

E’ partita giovedì alla Giudecca la raccolta dei rifiuti porta a porta.

Dopo Dorsoduro, San Polo, Santa Croce, San Marco, Cannaregio e Castello, il nuovo sistema è arrivato anche in quest’area della città storica con l’esclusione di Sacca Fisola e dell’area Junghans, dove resteranno i cassonetti. Per avere il polso della situazione e verificare direttamente come andassero le prime ore di avvio della nuova modalità di conferimento, l’assessore all’Ambiente Massimiliano De Martin, insieme ai consiglieri Lorenza Lavini, Francesca Rogliani, Maurizio Crovato e Ciro Cotena, ha effettuato questa mattina un sopralluogo alla Giudecca accompagnato dal responsabile per i servizi ambientali di Veritas Federico Adolfo.

Partendo da Fondamenta Sant’Eufemia, assessore e consiglieri hanno attraversato Campiello del Forno, Sotoportego Calle Nicoli, Calle dei Spini, fino ad arrivare in Fondamenta San Giacomo, della Croce e alle Zitelle per seguire il lavoro degli operatori e recepire le impressioni dei cittadini.

“Sappiamo bene che queste prime giornate saranno di assestamento per tutti – ha commentato l’assessore De Martin. Cambieranno le abitudini, cambierà il percorso per andare al lavoro, ci saranno organizzazioni anche di tipo condominiali. Dalle prime battute che abbiamo avuto modo di ascoltare questa mattina, le domande dei cittadini sono di tipo organizzativo: vogliono sapere se possono lasciare la spazzatura anche ai vicini di casa o alle persone anziane. Sono questioni normali che gli altri veneziani che vivono nei sestieri in cui questo modello è stato messo in atto hanno già affrontato. Sono sicuro che con il tempo tutta questa parte di città beneficerà della raccolta differenziata e la fatica sarà ripagata”.

Il modello di raccolta sarà lo stesso avviato negli altri sestieri: i cittadini potranno aspettare direttamente che il netturbino suoni il campanello di casa tra le 8.30 e le 12 circa e ritiri i sacchetti con il rifiuto residuo e la differenziata del giorno, oppure potranno conferirli nei punti di raccolta da lunedì a sabato, dalle 6.30 alle 8.30, secondo il seguente calendario predefinito: lunedì, mercoledì, venerdì cartone e Tetrapak; martedì, giovedì e sabato vetro, plastica, lattine e metalli; dal lunedì al sabato rifiuto residuo. Le barche di Veritas dove i cittadini della Giudecca (tranne Sacca fisola e l’area junghans, dove restano i cassonetti) potranno personalmente portare i rifiuti, stazioneranno, tra le 6.30 e le 8.30, in Fondamenta Convertite (vicino ponte Lagoscuro), Fondamenta Santa Eufemia (vicino ponte Piccolo), Fondamenta San Giacomo (vicino Campo San Giacomo), Fondamenta della Croce (sottoportico del Centro Civico) e alle Zitelle (Calle Michelangelo).

Da giovedì gli operatori e gli ispettori ambientali di Veritas danno informazioni ai cittadini sulle corrette modalità di conferimento dei rifiuti. Dopo un periodo iniziale di tolleranza, scatteranno le multe per chi non rispetta le nuove regole. Le sanzioni partiranno da 167 euro.

L’obiettivo per il prossimo futuro è di portare la raccolta porta a porta anche a Murano e Burano, e di continuare a lavorare per perfezionare il sistema, studiando soluzioni per poter garantire la raccolta differenziata anche in strada e per la gestione dei rifiuti nell’area del Porto.

“Un percorso virtuoso – ha concluso De Martin – che ci ha permesso, grazie alla collaborazione di tutti i cittadini di Venezia e al prezioso lavoro dei netturbini di Veritas, di raggiungere risultati decisamente importanti: le richieste di deratizzazione e la percentuale dei rifiuti abbandonati sono diminuite del 30% e il numero dei gabbiani è sceso addirittura del 60%. Non solo – continua l’assessore -, nei primi 9 mesi del 2018 la media della raccolta differenziata nel Centro storico, Murano e Burano è pari al 30%, con punte che arrivano al 33% dopo l’avvio lo scorso maggio della raccolta porta a porta anche a Castello. Siamo fiduciosi – sottolinea De Martin – che con l’avvio del nuovo sistema alla Giudecca la percentuale salirà ancora di più”.

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here