martedì 18 Gennaio 2022
12.3 C
Venezia

Quando il doge di Venezia usciva da Palazzo Ducale per andare a San Giorgio era Natale

HomeVenezia storicaQuando il doge di Venezia usciva da Palazzo Ducale per andare a San Giorgio era Natale

La notte di Natale era l’unica notte in cui il doge Serenissimo si faceva vedere pubblicamente fuori dal Palazzo Ducale.
Un’uscita che avveniva per la visita annuale all’antica isola dei cipressi San Giorgio Maggiore.

Era qui che il doge si recava dopo aver partecipato alle sacre funzioni nella Basilica di San Marco: al termine della messa usciva in piazza, accompagnato da un ricco corteo che lo scortava fino al Molo, in un cammino illuminato da torce e candelabri, dove ad aspettarlo c’erano i dorati “peatoni”, imbarcazioni tradizionali veneziane.

La partenza verso l’isola di San Giorgio avveniva allo scoccare delle campane di San Marco e sulle note delle trombe d’argento dogali; il pellegrinaggio natalizio si concludeva davanti alla porta maggiore della chiesa, dove veniva ricevuto dall’abate mitrato di San Giorgio e da tutti i monaci.
Anche qui il doge assisteva a una funzione religiosa, ma di breve durata, dopodiché si spostava in una sfarzosa sala del convento dove veniva servito un piccolo rinfresco a base di dolci fabbricati dai religiosi: si trattava degli “zorzini” (da San Zorzi, Giorgio), “una maravegia golosa” come li definì Gasparre Gozzi che prese parte al corteo del doge Pietro Grimani.
Il ritorno a palazzo Ducale avveniva con lo stesso sfarzo e lo stesso splendore di torce, mentre il popolo – raccolto nelle barche sul Molo – gridava il motto “Viva San Marco” e le campane suonavano sempre a distesa.

Ma a Venezia “Natale” è anche sinonimo di altro. Come racconta Alberto Toso Fei, scrittore veneziano, a Natale il lungo Carnevale veneziano, che da ottobre si protraeva fino al mercoledì delle ceneri, conosceva una breve sosta; così come a Natale si interrompevano le “Guerre dei Pugni”, che iniziavano a settembre e che vedevano contrapposte le due fazioni più antiche e numerose della città, i Nicolotti e i Castellani.

Questi combattimenti, che tradizionalmente avvenivano in alcuni ponti della città, furono aboliti per sempre dopo che il 30 settembre 1705 la lotta iniziata a mani nude finì a coltellate, causando numerose vittime.
La leggenda vuole che fosse la notte di Natale quando Giuliana di Collalto, fondatrice nel 1222 del monastero giudecchino dei Santi Biagio e Cataldo (che stava esattamente dove oggi sorge il Molino Stucky), ottenne con la preghiera che scendesse nel mezzo del coro un angelo, recando tra le mani il Bambin Gesù.
L’angelo, dopo aver annunciato la nascita alle suore, lo ripose nelle braccia “dell’estatica Giuliana, che poté per qualche tempo sfogare gli affetti del suo cuore col divin pargoletto”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Come e’ morta Marilyn Monroe? giallo risolto dopo 51 anni in un libro

La Morte di Marilyn Monroe è uno dei più grandi misteri che costellano la storia americana. Ora, dopo 51 anni, la verità su Come e' morta Marilyn Monroe, venuta a mancare il 4 agosto del 1962, potrebbe essere svelata da un...

“Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Lettere

In risposta alla lettera: "Le colpe dei veneziani e dei ‘venezianassi’. Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai soli veneziani, specialmente quelli di adesso che non l’hanno davvero fondata. Tanto sbraitano contro il turismo /petrolio della città, ma in fondo cos’altro...

Rapinano delle scarpe un 14enne coltello alla gola: sono due minorenni stranieri

Rapinano 14enne armati di coltello e gli portano via le scarpe sneakers. E' successo oggi nei pressi di un centro commerciale a San Pietro di Legnago (Verona). La coppia di minorenni ha rapinato il ragazzo di 14 anni minacciandolo con un coltello. Bottino della...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da visita da parte dei miei nuovi compagni e compagne di classe è stato questo: -“Da dove ti vien,...

Viale San Marco, a Mestre, perde la sua storica pasticceria Corona

La Pasticceria Corona, di Raffaella e Fabio, fino ad oggi a Mestre, in Viale San Marco, si trasferisce a Fossalta di Piave.

Automobilista litiga con ciclisti, fa inversione e li mette sotto come birilli

Litigio tra un gruppo di ciclisti ed un automobilista che li stava superando. L'automobilista fa inversione di marcia con l'automobile, punta dritto gli uomini in bici e li colpisce come birilli. Ne mette sotto due prima di fuggire. Uno degli uomini è...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri

Scavi nella laguna di Venezia: le posizioni contrapposte

Scavi nella laguna di Venezia: posizioni contrapposte fra Ambientalisti e Corila. Ma alla fine della diatriba l’ultima parola l’avrà il VAS (valutazione d’impatto ambientale) che sugli scavi in laguna ha già espresso e motivato il suo giudizio negativo che collima e...

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

C’è chi abusa del nome di Venezia per riempirsi le tasche mentre “schiavi” lavorano per loro. Lettere

Passavo per Campo Santo Stefano attirata dalla bella musica classica sparata a tutto volume. Ho scorto un banchetto addobbato con fiori e circondato da uomini in tuxedo e donne in abiti d'atelier. Dapprima pensai fosse una sorta di celebrazione dell'antistante Istituto...

“Venezia va rispettata, chiediamo ai veneziani il permesso per vederla”. Lettere

"Venezia va rispettata così come i veneziani...". Il senso di chiedere "permesso" segno implicito di rispetto quando si va in casa d'altri