COMMENTA QUESTO FATTO
 

Protesta No Grandi Navi a Venezia: migliaia di persone. La manifestazione in diretta

No Grandi Navi a Venezia, è l’ora. Sono le 16 di un bel sabato alle Zattere. Ma soprattutto è la prima protesta contro i giganti del mare che portano le persone in crociera passando davanti a San Marco dopo l’incidente.

Domenica 2 giugno 2019 alle 8.25 circa è cambiata la storia. I comitati, le associazioni, i singoli cittadini che avevano sempre lanciato l’allarme per i pericoli delle Grandi Navi erano sempre stati fatti passare per mitomani, allarmisti, paranoici, catastrofisti e nemici del progresso.

Domenica 2 giugno 2019 alle 8.25 una nave da crociera, la Msc Opera, ha perso il controllo dei comandi ed è salita sulla fondamenta della Marittima fracassandola e fracassando un battello turistico con persone a bordo che se ne stava ormeggiato.

I No Grandi Navi, da quel momento, per l’opinione pubblica, forse potrebbero avere ragione.

Ed eccoli qui ora: alle Zattere sabato 8 giugno alle 16 i vecchi manifestanti storici a cui si è affiancato un nuovo fiume di persone. Un fiume impetuoso che ha capito e lo vuole far sapere.

corteo no grandi navi a venezia 08-06-2019 polizia 640400

Polizia e carabinieri controllano attenti e pronti ad intervenire, ma non vi è alcun pericolo per l’ordine pubblico. Il corteo è pacifico e attento nel manifestare.

corteo no grandi navi a venezia 08-06-2019 carabinieri nostra 640400

La fondamenta delle Zattere è piena di gente tanto che non si riesce a vedere dove cominci il corteo.

Fischietti, slogan e bandiere per una manifestazione pacifica che nessuno si aspettava così affollata. Ci sono intere famiglie, papà con i bambini piccoli sulle spalle, mamme con figli a mano.

“Saranno almeno 5.000 persone…” dicono le prime versioni di chi c’è, ma i più sono convinti che siano presenti almeno 8.000 persone. Migliaia di bandiere bianche con scritto “No Grandi Navi”. In mezzo qualche stendardo rosso con la falce e martello ma anche gonfaloni della Serenissima. Alcuni di essi listati a lutto.

Tommaso Cacciari si ferma su un ponte cercando di improvvisare un comizio. Ricorda che Venezia, città senza auto, è comunque la terza città più inquinata d’Europa. E ripete più volte “Basta!” dopo l’incidente di domenica.

Alle 17 circa il fiume di persone si muove verso l’Accademia. E’ enorme. Forse la città non ha mai avuto così tanta gente a raccolta per una causa.
corteo no grandi navi a venezia 08-06-2019 ponte accademia nostra 640400
Il corteo, coordinato dal comitato ‘No Grandi Navi’, raccoglie un numero eterogeneo di associazioni, politici, privati cittadini indipendenti. Sono oltre una trentina le associazioni che hanno chiesto di aderire alla manifestazione, accompagnata da musica rock a tutto volume.

L’urlo predominante è “Fuori le navi dalla laguna” e fa paura per l’intensità della potenza. Urlo prevalente alternato solo a “Brugnaro, vogliamo le tue dimissioni!”

17.30 circa: tra la gente corre una notizia clamorosa: il corteo marcerà su San Marco. I manifestanti erano intenzionati ad arrivare in Piazza e il prefetto, all’ultimo momento, avrebbe acconsentito. La comunicazione parte dalla testa del corteo e Tommaso Cacciari l’ha confermata. Il prefetto avrebbe acconsentito “Visti i numeri delle persone presenti…”.

La notizia viene comunicata ufficialmente agli organi di stampa. La decisione del prefetto di concedere Piazza San Marco è stata dettata dall’altissima adesione di manifestanti.

Il corteo, secondo fonti delle forze dell’ordine, alla partenza delle Zattere contava quasi cinquemila persona ma dopo poche centinaia di metri è aumentato progressivamente. Ora potrebbero essere 8.000 le persone che sfilano al grido di ‘San Marco, San Marco’.

Piazza San Marco è già cinta da un cordone di uomini delle forze dell’ordine che dirottano i turisti verso calli alternative a quelle seguite dalla scia umana.

Alcuni dei comitati che hanno inscenato la protesta stavano peraltro per attuare una manifestazione non programmata nelle acque davanti a San Marco con la presenza di decine di imbarcazioni a remi.

18.10: all’arrivo in Piazza San Marco la sorpresa: cordone di forze dell’ordine blocca l’accesso. Il corteo ha svoltato per Calle Vallaresso.

corteo no grandi navi a venezia 08-06-2019 no san marco nostra 640400

18.20: altra sorpresa: il corteo è arrivato in Piazza San Marco ma può sostare in un’area limitata. L’accesso alla Piazza è precluso alle colonne del Todaro. Un cordone di forze dell’ordine delimita gli spazi. I manifestanti sono in Piazza, effettivamente, ma bloccati in una fascia esterna, quando invece pensavano già di poter sfilare sotto il campanile.

corteo no grandi navi a venezia 08-06-2019 bloccati san marco nostra 640400

18.25: Il corteo contro le Grandi Navi con un grande applauso è comunque giunto in Piazzetta San Marco, tra le colonne di Marco e Todaro, a pochi passi dal bacino di San Marco. Tra i manifestanti è subentrata per qualche istante una certa delusione perchè non hanno potuto occupare completamente la piazza ma sono stati obbligati a sostare in una porzione. Qualcuno è comunque riuscito a passare di straforo in Piazza ma non rappresenta la volontà collettiva che invece vuole rispettare le regole.

Il tutto si è svolto senza che si siano verificati problemi di ordine pubblico.

corteo no grandi navi a venezia 08-06-2019 piazza san marco nostra 640400

Riproduzione Riservata.

 

Una persona ha commentato

  1. Quattro gatti rossi, con i milioni di papà in tasca, mentre i figli protestano i loro genitori sfrattano dalle loro case i pochi veneziani rimasti, il sig.Tommaso docet, è bello fare il comunista con il sedere degli altri.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here