Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
Gianluca Stival consulenza linguistica
8.8C
Venezia
venerdì 26 Febbraio 2021
HomeSalvaguardia di VeneziaPrevisioni acqua alta a Venezia, il nuovo j'accuse

Previsioni acqua alta a Venezia, il nuovo j’accuse

Quei 12, 15 centimetri non previsti sono importantissimi nell’economia e nelle forze residue dei negozianti, che devono far fronte all’emergenza, alzarsi di notte, se necessario e alzare tutto dal pavimento

Torna l'acqua alta a Venezia: venerdì 110, sabato mattina 130 cm
C’era un tempo non lontano che l’Istituzione Centro Previsioni e Segnalazione Maree, garantiva alla città notizie precise, avvertimenti mirati, sirene pertinenti che annunciavano con puntualità la comparsa dell’alta marea.
Certo, l’acqua poi arrivava e rispondeva più al vento, alla pioggia, che alle previsioni. Anche il famoso “sei ore cala, sei ore scende” giocava con la disubbidienza delle lancette dell’orologio. . . e il vento di scirocco che arrivava con i tempi suoi.

Ora quel Centro è stato derubricato in Ufficio e a rimpiangere l’efficienza di quel sistema è la città nel suo insieme, che poteva contare sulla validità organizzativa del Centro.

E i veneziani da anni dicono, colpa del Mose, delle Grandi Navi, che sconquassano la laguna e rimediano come possono, i negozianti alzano la merce dagli scaffali bassi a quelli alti, in attesa che l’acqua torni al suo posto, poi il lavoro faticoso di lavare tutto, sperando in tempi migliori.

Novembre è il mese complice dell’alta marea, dopo quella storica del ’66, caposcuola delle tante, successive, che ogni anno creano disagio e preoccupazione. Con gli stivali sempre visibili e a portata di mano, i veneziani sanno che l’acqua può toccare i masegni, entrare nelle loro case in ogni mese dell’anno e si arrangiano come possono, mortificati dall’incolpevole resa.

La polemica di questi giorni riguarda le previsioni sbagliate sulla marea (in poche ore è suonata la sirena di primo livello, 110 centimetri, corretta a una massima di 127), provocando danni, smarrimento e apprensione nella popolazione.

Tutta la città, dall’Area Marciana a Dorsoduro, da Castello a Cannaregio ha vissuto amaramente queste giornate: intonaci dei palazzi a rischio, Palazzo Grimani con la cabina elettrica danneggiata provocando la chiusura del museo.

Quei 12, 15 centimetri non previsti sono importantissimi nell’economia e nelle forze residue dei negozianti, che devono far fronte all’emergenza, alzarsi di notte, se necessario e alzare tutto dal pavimento. Innumerevoli e scontate le lamentele del giorno dopo, le critiche e le lamentele.

Singolare il racconto del proprietario di una bancarella a piazzale Roma “ in un attimo sono stato circondato dall’acqua, mi ero tolto già gli stivali, pensando che non arrivasse e non mi è rimasto che salire sopra due scatoloni e aspettare che scendesse.” Anche lui da’ la colpa al Mose, che ha ridotto “la laguna in catino”.

La vulnerabilità di Venezia si accentua con l’alta marea e da troppi anni si fa appello al proseguimento di studi dei fenomeni per consentire un’informazione preventiva, ma per queste e altre azioni, già in essere, grazie alla professionalità di chi lavora ‘in trincea’ all’Ufficio Maree, è necessario fornire le strumentazioni idonee, sempre promesse ma ancora lontane.

Andreina Corso

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

Una persona ha commentato

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Tragedia nel Trevigiano

Strangola il figlio di due anni e si suicida. Una tragedia esplode nel pomeriggio del sabato nella provincia di Treviso. Un padre di 43 anni...

Weekend, anche a Venezia assembramenti: ribellione o disinteresse?

Nonostante le prevedibili reazioni dei commentatori da social ("Fanno bene...", "Siamo stufi...", ecc..) che arriveranno, chi si occupa di cronaca non può tacere quanto...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Trambusto a Piazzale Roma: straniero si denuda in tram e aggredisce tutti

Si denuda a bordo del tram e poi aggredisce il conducente e gli agenti: arrestato dalla Polizia locale a Piazzale Roma. Protagonista uno straniero che...

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E’ la seconda volta in 3 giorni

Fuoco al ristorante cinese di San Marco. E' la seconda volta in 3 giorni che intervengono i vigili del fuoco nel ristorante cinese "Il...

Delfino spiaggiato a Sottomarina. Una rete da pesca nella laringe

Delfino spiaggiato a Sottomarina (Venezia): è il primo caso dell’anno sul litorale veneto. Una rete da pesca ritrovata nella laringe di un tursiope da parte degli esperti dell’Università di Padova.
spot

Coronavirus Venezia, numeri tornano oltre 100 nuovi casi in 24 ore

Coronavirus a Venezia e provincia che si mantiene in una situazione stazionaria nonostante il leggero aumento dei 'nuovi casi' dopo la tendenza positiva degli...

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.