19.8 C
Venezia
mercoledì 28 Luglio 2021

Presidio a palazzo Labia, sede Rai Veneto, a Venezia, per chiedere la riapertura delle discoteche

HomeLa ProtestaPresidio a palazzo Labia, sede Rai Veneto, a Venezia, per chiedere la riapertura delle discoteche

Il presidente Polato: "Il settore è fermo da 17 mesi, ma ora possiamo riaprire con la massima sicurezza".

Domani, martedì 6 luglio, dalle ore 8 alle 10, tutti i presidenti provinciali di Silb-Fipe, Sindacato italiano locali da ballo, di Confcommercio, assieme a vari rappresentanti di categoria, terranno un sit-in a Venezia, nei pressi di palazzo Labia, sede della Rai del Veneto, per chiedere la riapertura delle discoteche.
Com’è noto, ancora non c’è una data per la ripartenza del settore che, giova ricordarlo, fu tra i primissimi a chiudere l’anno scorso allo scoppio della pandemia da covid-19.
“Siamo fermi da 17 mesi – dice il presidente di Silb Venezia, Franco Polato – Di fatto siamo l’unica categoria che ancora non lavora. Così il futuro è drammaticamente incerto, la verità è che ci sono centinaia di famiglie che rischiano di non arrivare a fine mese”.

Già nei giorni scorsi, il presidente Polato aveva lanciato un accorato appello al governo a riaprire le discoteche, anche per arginare e scongiurare eventuali assembramenti illegali, addirittura veri e propri rave-party nottetempo non autorizzati, ma frequentatissimi, che mettono a repentaglio la salute pubblica alzando il rischio di diffusione del contagio.

“Non è questione di indennizzi. Noi ribadiamo che è possibile ripartire in piena sicurezza con gli strumenti che sono a disposizione: il green passa per i vaccinati, i tamponi di screening, l’osservanza di misure di sicurezza e protocolli ben precisi all’interno dei nostri locali – sottolinea Polato – Chi può decidere si metta la mano sulla coscienza e comprenda che cosa sta passando il nostro comparto: obbligare a tenere ancora chiuso, mentre l’estate è scoppiata e le vacanze sono cominciate, rischia di trasformarsi in un boomerang spingendo chi non è troppo ligio a rispettare le regole, a organizzare feste abusive. L’industria dell’intrattenimento, che coinvolge tantissime professionalità, chiede risposte certe e veloci, non si può indugiare oltre”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.