giovedì 27 Gennaio 2022
0.2 C
Venezia

Plastic Tax, si teme per posti di lavoro. Donazzan: “Scenari peggiori del previsto”

HomeCrisiPlastic Tax, si teme per posti di lavoro. Donazzan: "Scenari peggiori del previsto"

Donna beve troppa acqua: rischia di morire
Plastic Tax. L’assessore Elena Donazzan riunisce tavolo intersettoriale in Veneto: “Si rischia dramma occupazionale. Scenari peggiori del previsto. Governo ancora in tempo per cambiare idea”.

“Solo la plastic tax rischia di tramutarsi in un vero e proprio dramma occupazionale che coinvolgerà non meno di 50.000 lavoratori del solo diretto, senza contare l’indotto, e che costerà 5.000 posti in meno nel solo Veneto. Questo balzello va oltre ogni peggior aspettativa per l’impatto negativo sulle imprese, con numeri ancora indefiniti che fanno anche per questo paura, interessando pressoché tutte le imprese, con pesanti ricadute sull’export”.

Lo ha detto oggi l’Assessore al Lavoro della Regione del Veneto, Elena Donazzan, al termine di due intense ore di lavoro del tavolo intersettoriale sulle prospettive e gli effetti della plastic e sugar tax, riunitosi oggi nella sede di Veneto Lavoro.

Con Donazzan erano presenti associazioni datoriali e sindacati: Confindustria Veneto, Confindustria Vicenza, Verona, Veneto Centro, Unionplast nazionale, Confartigianato Veneto, Cisl.

“Nel corso dell’incontro, aperto alla stampa perché vi sia la massima trasparenza – ha riferito l’assessore – è emerso, ad esempio, che la San Benedetto, presente al Tavolo, ha già bloccato investimenti per 28 milioni di euro, e che i tagli agli investimenti della Coca Cola, che ha il suo maggior stabilimento di imbottigliamento italiano a Verona, arrivano a 42 milioni”.

Tutti i partecipanti hanno posto l’accento sullo spettro della riduzione dei posti di lavoro e sul problema conseguente di un massiccio ricorso alla cassa integrazione, a rischio di mancanza di copertura.

“Ieri in un incontro a Roma con il Ministro del Lavoro – ha rivelato la Donazzan – è emerso che la copertura per l’assegno di ricollocazione per i percettori del reddito di cittadinanza sarebbe garantita solo per il 20% in tutta Italia. A questo dato aggiungiamo il costo di chi perderà il lavoro, e io mi chiedo se sia questo il modo di governare una Nazione”.

Gravi conseguenze sono state paventate anche dal punto di vista del mercato, dal quale le aziende italiane potrebbero trovarsi escluse per l’impossibilità di competere sul piano dei costi.

“Non si dimentichi – ha detto Elena Donazzan – quanto grandi possono essere i rischi di chiusure, cessioni di aziende e delocalizzazioni, perché, appena oltre i confini italiani, i prodotti potrebbero arrivare a costare fino a meno della metà”.
assessore elena donazzan regione veneto

Le parti al Tavolo hanno anche lamentato la mancanza di concertazione, di informazione e tanto meno di trattativa sulla questione, evidenziando come le aziende debbano per forza avere una programmazione con tempi medi o lunghi, mentre l’introduzione della nuova tassazione avrà tempi brevissimi. Tutti hanno anche sottolineato come la plastica sia oggi il primo settore per riciclo, in particolare nel Veneto, che detiene in questo il primato nazionale.

“Economia circolare – ha detto la Donazzan – significa riciclo e aiuto agli investimenti green, cosa che le aziende fanno. Questa tassa invece blocca la ricerca, gli investimenti e le assunzioni e causerà un aumento esponenziale della cassa integrazione”.

“E l’inquinamento – ha ammonito Donazzan – invece che calare, aumenterà, perché una bottiglia di vetro pesa dieci volte più di una in plastica e una in alluminio tre volte in più, con un aumento esponenziale dei volumi e di conseguenza con moltissimi più camion sulla strada e le conseguenti emissioni. Si pensi al confronto tra una bottiglia in plastica riciclabile al 100% e contenitori in carta o legno, che significherebbero un aumento dell’abbattimento di alberi. Questo non è etico, né sostenibile!”.

L’assessore Donazzan ha riferito ai presenti che sarà sua cura portare gli esiti del Tavolo veneto a conoscenza degli Assessori al Lavoro di tutte le Regioni italiane, con l’invito a convocare altri Tavoli intersettoriali regionali, nella speranza che “si riesca a far cambiare idea al Governo, non con la forza degli schieramenti politici, ma con quella del buon senso”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

“Non mi hanno fatto entrare all’Ospedale di Venezia per accompagnare mia figlia”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. Buongiorno sono una cittadina italiana. Martedì ho accompagnato mia figlia di 10 anni a fare una visita in ospedale di Venezia ma all' ingresso non mi hanno fatto entrare perché non ho il "Green Pass". Ma secondo voi è possibile lasciare...

Identificata baby gang che terrorizza Venezia e Mestre. Brugnaro: “Abbiamo 27 nomi”

Il sindaco di Venezia conferma quanto era nei dubbi e nei timori della gente comune: sono tanti e due-tre, verosimilmente i "capi", sono molto, molto pericolosi. "Sappiamo chi sono. Abbiamo 27 nomi. Due o tre sono particolarmente pericolosi. Mi auguro che qualcuno...

“Lido: ragazzi ubriachi di notte ovunque. Uno saltava sul tetto di un’auto. Ci si preoccupa solo di far arrivare turisti…”. La lettera

Lido, in una laterale del Lungomare all'altezza della zona A, ore 2.00 del lunedì notte. Ormai col caldo si dorme con le finestre aperte, anzi in realtà non si dorme molto perché dalla strada arrivano voci, urli e schiamazzi, non c'è...

Dal 2022 per venire a Venezia si dovrà prenotare

Venezia e overtourism: nel 2022 Venezia potrebbe essere a numero chiuso con tanto di tornelli. Dall'estate 2022 per entrare a Venezia servirà prenotare secondo il progetto. Dopo i rinvii legati anche al Covid, il Comune ha stabilito che il prossimo anno vedrà...

Ecco cosa si prova ad andar via dalla Venezia in cui si è nati. “Le lacrime durante il trasloco”. Lettere

In risposta alla lettera: “Venezia è patrimonio del mondo e non appartiene ai veneziani di adesso”. Di G.A. & D. Pugiotto La marsaria Quela matina del febraro sesantaoto Xe ga Liga la barca del Mario in fondamenta, e col careto del osto, che spussa de...

Legge n. 104, cosa si può e non si può fare. Quali sono le sanzioni in caso di abusi?

Molti lettori si saranno posti il seguente problema: se usufruisco di giorni di permesso retribuito per assistere un familiare con handicap, devo occuparmi di quest’ultimo in quel periodo a «tempo pieno», solo durante il normale orario di lavoro, oppure posso comunque utilizzare quei giorni anche per riposarmi e dedicarmi ad altre attività? Quali sono gli abusi? Quali sanzioni rischio?

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Musei Civici Veneziani, grave attacco a lavoratrici e lavoratori

Nei Musei Civici Veneziani si aggrava l’attacco alle lavoratrici e ai lavoratori dei servizi in appalto, con l’annuncio delle cooperative Coopculture e Socio Culturale della disdetta dei contratti integrativi aziendali. Ancora una volta l'unica strategia che le aziende intendono attuare è quella...

Processo del lavoro e prova per testimoni: la delicata posizione del collega-testimone

In questo articolo analizzeremo la delicata posizione del testimone all'interno del processo del lavoro e come tale problematica stia evolvendo alla luce della crescente precarizzazione della forza-lavoro. Nel rito speciale del lavoro, come più in generale nel processo civile, è ammessa la...

Salvi abitanti delle isole: possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base

"Salvi", si fa per dire, gli abitanti delle isole: è possibile salire sui mezzi di trasporto con Pass-base fino al 10 febbraio. E' tutt'ora considerata un'eccezione, quindi il nuovo documento parla dei soli motivi di salute e di studio, ma è sicuramente...

Corre per prendere il battello: infarto a bordo, non c’è niente da fare

Corre per prendere il battello, poi per l'imperscrutabile evolversi di quell'equilibrio precario che è lo stato di salute di ognuno, ha un attacco e, purtroppo, muore. Luciano Molin, 67 anni, è deceduto ieri a bordo di un battello dell'Actv. Attorno alle 15 l'uomo,...

“Anziani trattati come mentecatti all’aeroporto di Tessera”. Lettere

Buonasera, la presente per segnalare un fatto increscioso e poco carino accaduto ai miei genitori di 74 anni con una patologia grave di diabete che lo ha portato alla cecità di un occhio e a mia madre di 68 anni anche...