26.4 C
Venezia
venerdì 30 Luglio 2021

Chiede all’amica di custodire la pistola: ex guardia giurata nei guai

HomeCarabinieriChiede all'amica di custodire la pistola: ex guardia giurata nei guai

Chiede all’amica di custodire la pistola che deteneva abusivamente con ben 50 proiettili.
I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mestre sono intervenuti in una abitazione privata e hanno denunciato un cittadino tunisino – ex guardia giurata – e una donna mestrina per detenzione abusiva ed omissione di custodia di arma.
Ieri sera, 5 febbraio 2021, una donna tunisina chiama il 112 per segnalare una condotta poco chiara

alla quale aveva assistito.
Il racconto parla di una pistola con tanto di munizioni prelevata da una italiana, che aveva avuto accesso con le chiavi al suo appartamento ed era stata incaricata dal proprio marito, in questo periodo in Tunisia, di prelevare la pistola – regolarmente detenuta dall’uomo – e le munizioni, e portarle con sé.
L’operatore della Centrale Operativa ha attivato immediatamente l’autoradio, al fine di verificare la segnalazione che trattando di armi era doveroso approfondire.
La casa della donna italiana, che si trova poco distante, viene raggiunta

in pochi minuti.
La donna non ha problemi a specificare la natura della sua visita a casa dei tunisini e nemmeno a consegnare l’arma e i proiettili.
I militari non credono a quello che viene detto: all’ “amica” era stato chiesto dall’uomo il favore di recarsi a casa sua e portare con sé l’armamento, lasciato incustodito durante il soggiorno all’estero.

Peccato che tale semplice condotta ha violato più norme penali, suscitando la denuncia sia dell’ex guardia giurata, che della donna.
L’uomo, infatti, non solo è incorso nella violazione della omessa custodia di armi, ma – cosa ancora più grave – nella detenzione abusiva, poiché insieme alla pistola e munizionamento in regolare dotazione, i carabinieri hanno trovato 50 proiettili extra, detenuti irregolarmente.

Nei confronti dell'”amica” è scattata la denuncia per detenzione abusiva di armi, poiché priva di qualsiasi titolo amministrativo di autorizzazione a tenerla in casa.
L’episodio e favorevole per richiamare la cittadinanza tutta al rispetto della specifica normativa che ha limiti molto precisi, facilmente oltrepassabili dalla condotta scellerata ed imprudente descritta.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.