22.8 C
Venezia
venerdì 30 Luglio 2021

Pfizer chiederà presto autorizzazione per terza dose del vaccino. Ultima ora

HomeVaccini e vaccinazioniPfizer chiederà presto autorizzazione per terza dose del vaccino. Ultima ora

Pfizer chiederà presto autorizzazione per terza dose.
Secondo i primi dati sperimentazione resi noti aumenta il livello degli anticorpi.
Pfizer e BioNTech hanno dunque annunciato che nelle prossime settimane chiederanno alle autorità regolatorie, tra cui la Fda in Usa e l’Ema nella Ue, l’autorizzazione per l’inoculazione della terza dose del vaccino anti Covid.

 

 

La mossa arriva dopo i dati iniziali “incoraggianti” di una sperimentazione clinica, i quali avrebbero mostrato che una terza iniezione aumenta il livello degli anticorpi da 5 a 10 volte contro il ceppo originario e la variante Beta rispetto alle prime due dosi.
Le case farmaceutiche prevedono di pubblicare presto altri dati definitivi.
L’efficacia immunitaria, tra l’altro, andrebbe via via affievolendosi a partire da dopo il sesto mese.

 

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Come tutti sappiamo, oltre che dal senso di responsabilità del singolo, il freno alla pandemia è legato alle vaccinazioni. Io ho scelto di vaccinarmi ma mi chiedo quanto la proposta della terza dose sia forse anche legata agli enormi guadagni che ci sono in gioco per le case farmaceutiche coinvolte. Mi piacerebbe che fossero degli studi scientifici davvero INDIPENDENTI a spiegarcene l’effettiva e comprovata necessità. Ma forse è chiedere troppo.

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie.