21.7 C
Venezia
sabato 25 Settembre 2021

Pfas, Benedetti (M5S): “A Palazzo Chigi per Stato di Emergenza”

HomeSalutePfas, Benedetti (M5S): "A Palazzo Chigi per Stato di Emergenza"

M5S scopre nuove sostanze cancerogene nell'acqua che beviamo

“Ancora una volta proveremo a richiamare l’attenzione del Governo affinché intervenga in modo deciso in soccorso della grave situazione che sta vivendo mezzo Veneto colpito dalla contaminazione da Pfas.”
Con queste parole la deputata Silvia Benedetti annuncia l’incontro previsto per domani, mercoledì 22 novembre, a Palazzo Chigi.

“Dopo aver chiesto formalmente e a gran voce con diverse iniziative che l’esecutivo dichiarasse lo stato di emergenza e la quantificazione del danno ambientale -spiega Benedetti- non intendiamo abbandonare questa battaglia che ancora, dopo oltre 4 anni, coinvolge decine di migliaia di veneti. Chiediamo solo che vengano applicate le norme e siamo fiduciosi che il Governo accoglierà le nostre legittime proposte.”

“Abbiamo chiesto questa riunione con l’ufficio di Presidenza del Consiglio per illustrare direttamente il grave stato della contaminazione che subiamo ogni giorno, e per capire che tipo d’impegni il Governo ha intenzione di assumere. Dal canto nostro continuiamo a sostenere la necessità che, con lo stato di emergenza, vengano conferite risorse e poteri straordinari per gestire e iniziare ad affrontare questo disastro senza precedenti in modo definitivo.”

Assieme alla deputata pentastellata giungeranno a Roma due mamme in rappresentanza del comitato “Mamme NoPfas – genitori attivi zona rossa” e il sindaco di Sarego Roberto Castiglion che porteranno le testimonianze dirette di chi sta soffrendo quotidianamente questa situazione e di chi si trova a doverla amministrare.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

  1. Credo che questo invito alle mamme ” non pfas” e a genitori ” zona rossa” ad andare a Roma nei palazzi del potere , non sia la prima volta che viene richiesto e’ ogni volta con accompagnatori di diverso colore politico.
    Tutti ad affannarsi a dichiarare l’importanza delle proprie azioni , ma a fatti attuali, dopo la grande manifestazione del’8 ottobre, non si e’ riusciti nemmeno a fermare la fonte dell’inquinamento cioe’ l’azienda M.
    Anzi qualche giovane di buone speranze tento’ di picchettare l’azienda per non fare entrare i lavoratori a produrre “inquinamento” speranza vana !!!
    E capisco anche i lavoratori e il loro posto di lavoro .
    Ma Voi politici di turno,
    cosa avete fatto, ho state facendo per fare cessare questo scempio.
    Non mi risulta sia la prima volta che delegazioni no “pfas” si siano incontrati sia a Roma che sul treno di Matteo Renzi.
    Risultati!!!….la M. e’ sempre la’.
    L’acqua si dice che e’ migliorata,
    La verdura va bene la carne lo stesso, di cosa dobbiamo ancora preoccuparci, va tutto bene ” madan la marchesa” stiamo sereni e fiduciosi che dal 2013 abbiamo fatto tanti e tanti passi avanti da arrivare persino a Roma e non una sola volta.
    Mentre sul territorio inquinato non siamo neanca riusciti di formare una nostra commissione paritetica da potere controllare, che le varie iniziative che i comuni hanno messo a dispozizione ( come filtri e quantaltro )
    Fossero verificati anche da noi, prima di mandare i risultati subito in stampa, ho alla TV.
    Niente di tutto questo e’ stato proposto meno che meno realizzato, ci potrebbero dire qualsiasi cosa e intanto noi della zona rossa continuiamo ad avvelenarci!!! Con buona pace dei nostri rappresentanti !!!.
    Ci sarebbe molte cose ancora da dire ma meglio fermarsi qui’!!!!!

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

NOTIZIE DELL'ARCHIVIO DEL GIORNALE COMMENTATE DAI LETTORI QUI SOTTO

pubblicità
spot
Advertisements
sponsor