venerdì 21 Gennaio 2022
1 C
Venezia

Partecipanti al motoraduno scivolati sulla rotaia del tram: partono richieste per i danni

HomeviabilitàPartecipanti al motoraduno scivolati sulla rotaia del tram: partono richieste per i danni

Partecipanti al motoraduno scivolati sulla rotaia del tram: partono richieste per i danni

Devono partecipare al motoraduno del Lido di Venezia, per imbarcarsi sul ferry-boat percorrono il Ponte della Libertà, ma finiscono ruote all’aria sulle rotaie del tram e qualcuno anche in ospedale.

Nei giorni scorsi si sono rivolti a Studio 3A-Valore S.p.A., in modo del tutto autonomo, due centauri, un 39enne di Rubano (Padova), e un 40enne di Parma, accomunati dalla passione per la vespa, dall’aver partecipato, il 19 maggio, al “Venexxia Scooter Rally” – raduno storico organizzato dagli Scooterclub Italiani Riuniti, che festeggiavano il ventennale, dal 16 al 19 maggio al Lido di Venezia – e, soprattutto, dal fare parte di quel gruppo di malcapitati rimasti vittima dell’insidia delle rotaie del siluro rosso.

Complice il maltempo di quei giorni, e, trattandosi di persone arrivate da tutta Italia, la scarsa conoscenza di un pericolo a cui i veneziani hanno dovuto fare il “callo”, sono almeno una ventina gli appassionati che durante il percorso obbligato per raggiungere l’imbarco del ferry boat, ossia il Ponte della Libertà, hanno perso il controllo delle loro vespe attraversando la linea ferrata, a volte danneggiando la loro preziosa due ruote (sono esemplari da collezione) e a volte facendosi anche male.

Il ventinovenne padovano è caduto alle 11.15 di quella domenica sul Ponte in direzione Tronchetto e per fortuna se l’è cavata con ferite lievi e non ha avuto bisogno di cure mediche: ha avuto invece bisogno di una bella “ripassata” dal carrozziere la sua vespa, che ha rimediato parecchie botte e strisciate.

E’ andata peggio al trentenne emiliano, che ha perso l’equilibrio sulle rotaie un paio d’ore prima, alle 9.30, sempre sul Ponte della Libertà in direzione Mestre: oltre alla moto danneggiata, lui ha riportato anche delle brutte contusioni all’anca e al ginocchio sinistro. Ha stretto i denti ma quando è tornato a Parma, persistendo i dolori, ha dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso dell’ospedale cittadino, dove gli hanno dato sette giorni di prognosi e, da assumere, una bella dose di antidolorifici.

Attraverso la consulente personale Alice Righi, i due motociclisti, per essere risarciti dei danni fisici e materiali patiti, si sono affidati a Studio 3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, che ha già seguito diversi casi “sul genere” e ha subito raccolto tutta la documentazione medica e fotografica e le testimonianze che comprovano i fatti esposti dai propri assistiti che non mancavano visto il numero di centauri a cui è toccato quel destino quel giorno.

Studio 3A invierà un’altra, doppia richiesta danni a Veneto Strade, che gestisce il tratto di strada del Ponte della Libertà, e torna, in generale, a sollecitare una soluzione al grave problema per l’incolumità degli utenti delle due ruote costituito dalle rotaie che attraversano le strade, come aveva già fatto in passato invocando, quanto meno nei tratti più trafficati, come il Ponte, una separazione tra circolazione stradale e tranviaria.
Solo il 3,5% delle linee del tram corrono su corsie riservate, il resto è promiscuo.

Un problema ancora più grave sul Ponte della Libertà, unica via su gomma per arrivare a Venezia, con il rettilineo che ha visto altri incidenti, come quello di Chiara Nobile, la donna deceduta l’8 giugno 2016 in seguito ad una caduta dallo scooter condotto dal marito, che rimase a sua volta gravemente ferito.

Il fascicolo a carico dell’uomo che guidava lo scooter per omicidio stradale è stato archiviato perché i consulenti tecnici nominati dalla Procura di Venezia conclusero, appunto, che la colpevole era la rotaia: “la sezione trasversale della sede tranviaria, con sopralzo di 5-7 millimetri del fungo della rotaia sul piano di rotolamento delle ruote del tram, determina una condizione di pericolosità per i veicoli a due ruote, soprattutto nei tratti in rettilineo come il Ponte della Libertà, dove il veicolo stradale percorre una traiettoria parallela alla rotaia del tram. Tale pericolosità può essere stata almeno una concausa dell’incidente se non l’elemento principale”.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione
A cura della Redazione di www.lavocedivenezia.it

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Reliquie Santa Lucia da Venezia alla Sicilia con assistenza della Polizia

Santa Lucia da Venezia alla Sicilia Domenica 14 dicembre, la Polizia di Stato accompagnerà “Santa Lucia” nel suo prossimo viaggio in Sicilia. Alle 7:30 del mattino le spoglie della Santa saranno portate, con imbarcazioni della Polizia di Stato, dalla basilica dei Santi Geremia...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Il Mose vince: Venezia “asciutta”. Perché la conferma tarda ad arrivare

L'acqua alta a Venezia non è arrivata: la marea ha toccato a Lido 138 cm. ma le paratie del Mose alle 18.40 di lunedì erano già issate

Venezia conserva l’ultimo “Mussin”, l’imbarcazione settecentesca che apriva la Regata Storica

Venezia: nascosta in uno squero, al sicuro, coperta da un telo che la protegge dalle intemperie e dal passare del tempo. Sola, con se stessa, memore degli splendori del suo passato e lontana dagli sguardi indiscreti di chi potrebbe restare deluso...

Venezia e flussi turistici, Brugnaro: “Contributo d’accesso e prenotazione con app”.

A Venezia si ritorna a parlare di regolamentazione dei flussi turistici. Lo ha fatto oggi il sindaco Luigi Brugnaro, a proposito del "Contributo di accesso" (il ticket per Venezia). Una 'app', in soldoni, darà le chiavi per entrare sulla base dell'affluenza tipica in...

Cinema Santa Margherita: avevamo i pantaloni corti

La Venezia che era. Quella in cui siamo nati e cresciuti. Per molti l'unica vera, intesa come città. La foto risale agli anni 50-60. A quei tempi la città era ricca di sale cinematografiche che attiravano sempre un grande pubblico soprattutto nei...

“Vaporetto da Lido: 7,50 euro e ammassati come animali”

Riceviamo e pubblichiamo. La lettrice prende spunto da una segnalazione precedentemente ricevuta in cui si dice: "Centinaia di persone costrette a stiparsi all’interno di un imbarcadero chiuso nell’attesa di un vaporetto che passa ogni 30 minuti. È stato ridotto il numero di...

Brugnaro in situazione di conflitto di interessi? Interrogazione al governo

I terreni acquistati da Brugnaro all' "entrata" di Venezia oggetto di un conflitto di interessi? Lo chiede SI con un'Interrogazione, "Secondo un'inchiesta del quotidiano 'Il Domani', la giunta del Comune di Venezia, all'interno del piano per la mobilità sostenibile Venezia 2030, ha...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...

5×1000 alla Voce di Venezia: da 16 anni ti siamo fedeli, ci meritiamo una firma?

5x1000 al nostro giornale: da 16 anni ti siamo fedeli, meritiamo una tua firma? Tu che ci leggi conosci già il nostro lavoro. Sicuramente conosci i nostri articoli: le ultime notizie più importanti del giorno da leggere già dalle prime ore del mattino. 365...

Donne sputano la comunione, altre sputano sul Cristo. Nelle chiese si moltiplicano le profanazioni

Oltraggi e profanazioni nelle chiese veneziane pare siano molto più frequenti di quanto si immagini. Altri episodi che, seppur meno gravi, testimoniano della situazione che si vive nelle chiese del centro storico veneziano, affollate da fedeli ma anche da turisti.

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...