Il Parma Calcio “diventa” cinese, si punta alla A

Nel ruolo di vicepresidente ci sarà uno che ha fatto la storia del Parma, Hernan Crespo, un volto del quale i tifosi si fidano e sanno che l’ex attaccante ha in testa solamente il bene della squadra

0
239
fallimento parma calcio ripescaggi

fallimento parma calcio ripescaggi

Lo scorso mercoledì 15 novembre si è concretizzato il passaggio di consegne: l’imprenditore cinese Jiang Lizhang è diventato il nuovo presidente della società Parma Calcio 1913 tramite l’acquisizione del 60% delle quote. Desports Group possiede ora il Parma e si presenta con delle idee chiare ed un ambizioso obiettivo, ovvero quello di riportare i crociati dove gli compete per piazza e storia calcistica, in Serie A, dove manca da troppo tempo. Il Parma è, infatti, in quinta posizione in classifica di Serie B, dopo la promozione dalla Lega Pro nell’ultima stagione.

Nel ruolo di vicepresidente ci sarà uno che ha fatto la storia del Parma, Hernan Crespo, un volto del quale i tifosi si fidano e sanno che l’ex attaccante ha in testa solamente il bene della squadra. Il rimanente 40% delle azioni societarie rimarrà diviso come lo era stato prima della nuova acquisizione: il 30% resterà in possesso di “Nuovo Inizio”, un gruppo di imprenditori di origine emiliana che hanno sostenuto la squadra dopo il fallimento nel 2015. Il 10% invece continuerà ad essere in mano di “Parma Partecipazioni Calcistiche” (azionariato diretto).

Jiang Lizhang è un manager cinese giovane (non ha ancora compito quarant’anni) con un passato già di una certa importanza. Nel 2004, ad esempio, aveva gestito una trattativa per una sponsorizzazione tra Luis Figo ed una nota azienda cinese, Seven Brand, che si occupava di produrre capi d’abbigliamento. Lizhang si era già interessato ad altre squadra prima del Parma, non solo in ambito calcistico: possiede infatti il 5% dei Minnesota Timberwolves militanti in NBA, oltre al Granada recentemente acquisito dalla famiglia Pozzo per la cifra non indifferente di 37 milioni e al Chongqing Lifan, una squadra di calcio cinese di cui ha il 90% delle quote.

Durante la conferenza di presentazione, Lizhang ha dichiarato che non intende rivoluzionare il Parma ma vuole mantenere la sua identità, puntando forte sui valori che hanno contraddistinto la squadra nella sua storia. Si punta molto su centro sportivo e stadio, il Tardini, che, a quanto sostiene il neo presidente, sono stati “ottimamente gestiti”, motivo per cui ci sarà bisogno al massimo di leggeri aggiustamenti. Sono già stati investiti 15 milioni da Lizhang, un inizio da cui costruire pian piano una squadra che possa tornare in A per la gioia dei tifosi, che ne hanno dovute vedere di brutte situazioni negli ultimi anni. Il progetto per la promozione sembra avere un ciclo di due anni, con tutta probabilità uno per assemblare e l’altro per puntare alla A con una squadra rodata ed affiatata.

Federico Baldan


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here