Non sopporto i parenti, non voglio più stare ai domiciliari. Riportatemi in carcere

ultimo aggiornamento: 29/01/2017 ore 16:50

491

Carabinieri San Donà bloccano pericoloso pluripregiudicato

Sono i giorni delle festività di Natale 2015. Un periodo che ci fa o che ci dovrebbe dar sentire tutti più buoni, ma l’effetto non dev’essere per tutti visto quanto accaduto a Monza. Parenti – sarpenti? Evidentemente, in qualche occasione, il detto è pur vero. Qui sotto l’articolo originale dei primi giorni del 2016.

Un pregiudicato di 46 anni agli arresti domiciliari si è presentato ieri in caserma dai carabinieri chiedendo di essere arrestato.


L’uomo ha chiesto esplicitamente di tornare in carcere, perché non sopportava più i parenti con cui conviveva ai domiciliari.

L’uomo, residente a Cesano Maderno (Monza), per farsi ammanettare ha minacciato di danneggiare le auto parcheggiate fuori dalla caserma pur di aggravare la sua posizione e tornare in galera.

Essendo uscito da casa e di fatto evaso, i carabinieri non hanno potuto fare altro che arrestarlo in flagranza e accompagnarlo in carcere.


TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ Mose e Acqua alta a Venezia
➔ Pensioni, le novità
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Please enter your comment!
Please enter your name here