Parco San Giuliano, nuovo sequestro dei carabinieri

ultimo aggiornamento: 24/07/2020 ore 14:31

1813

carabinieri bosco mestre favaro
Un nuovo sequestro dei carabinieri nel parco San Giuliano di Mestre.

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Mestre e del locale Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale dei Carabinieri, nell’ambito dell’indagine sulle già rilevate violazioni ambientali connesse alla realizzazione delle opere pubbliche a servizio delle grandi manifestazioni all’interno del Parco San Giuliano del comune di Venezia, hanno proceduto ad operare il sequestro preventivo disposto dal G.I.P. di Venezia, la dottoressa Barbara Lancieri, per violazione del Codice dei beni culturali e del paesaggio, sull’area del medesimo Parco interessata dal predetto progetto edilizio, in parte realizzato ed in parte in corso di realizzazione, posto in opera in assenza della prescritta autorizzazione paesaggistica.

In particolare si tratta della realizzazione, tra l’altro, di ingressi per il pubblico, di un piazzale in cemento ove far insistere eventuali parchi, trasformabile in campi da basket, servizi igienici ed un ponte funzionale al collegamento della zona del cosidetto “tamburello”.

Le opere, realizzate su area del Parco soggetta a vincolo paesaggistico, venivano realizzate non solo in assenza della necessaria autorizzazione della Soprintendenza, ma anche in difformità a parere che la medesima Soprintendenza rilasciava fornendo delle prescrizioni per l’esecuzione dei lavori.

I militari della Forestale hanno inoltre proceduto alla contestazione delle ipotesi di reato previste dal Testo Unico Edilizia a carico dei Direttori lavori che si sono succeduti nel tempo, del Responsabile unico del procedimento e del legale rappresentante della società esecutrice materiale dei lavori, così come accertato dall’Autorità giudiziaria per i fatti di cui sopra.

“In merito al nuovo sequestro relativamente ad alcune zone limitate del Tamburello – fanno sapere dal Comune – ed altre zone puntuali del Parco San Giuliano messo in atto oggi dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Mestre e del locale Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale dei carabinieri, rispetto alle quali l’Autorità Giudiziaria sta svolgendo ulteriori accertamenti in materia paesaggistica a completamento del procedimento avviato nel 2019, l’amministrazione comunale ha rinnovato all’Autorità Giudiziaria piena collaborazione al fine di poter restituire, al più presto, ai cittadini la libera fruizione di dette aree”.

Riproduzione Riservata.

 

TEMI PIU' RICERCATI IN QUESTE ORE:

➔ Coronavirus: tutti gli aggiornamenti
➔ 'Racconti in quarantena': il concorso letterario aperto a tutti
 

⌂ titoli di prima pagina

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here