2.8 C
Venezia
martedì 30 Novembre 2021

Paolo Ruffini al Teatro Toniolo con ‘Up and Down’, quando il teatro incontra la disabilità

HomeTeatroPaolo Ruffini al Teatro Toniolo con 'Up and Down', quando il teatro incontra la disabilità
la notizia dopo la pubblicità
continua a leggere dopo la pubblicità

Domenica 7 novembre (ore 18.00) arriva al Teatro Toniolo di Mestre “UP & Down”, lo spettacolo ideato dall’attore e conduttore televisivo Paolo Ruffini con protagonisti gli attori e le attrici con Sindrome di Down della Compagnia Mayor Von Frinzius, diretta da Lamberto Giannini.

Uno spettacolo ironico, irriverente, che fa ridere e commuovere: Ruffini, sul palco assieme agli attori, affronta il significato della parola “disabilità”, fino a dimostrare che la loro dovrebbe definirsi “Sindrome di UP”! Un viaggio che racconta la bellezza che risiede nella diversità.

Il 5 e 6 novembre, inoltre, la Compagnia Mayor Von Frinzius organizza lezioni aperte al pubblico in cui gli spettatori si trasformano in attori.

Lo spettacolo è sostenuto dal Settore Cultura del Comune di Venezia in collaborazione con DalVivo Eventi per promuovere l’accessibilità e l’inclusione a teatro: le arti performative diventano così uno strumento di intrattenimento, comunicazione ed educazione.

“UP & Down”

È uno spettacolo comico e commovente, che racconta delle relazioni umane. Un’indagine diretta e poetica sulla società: l’ironia e l’irriverenza accompagnano il pubblico in un viaggio che racconta la bellezza che risiede nelle diversità e in cui si indaga sul significato della “normalità”, che probabilmente non esiste.

Protagonisti sulla scena, assieme a Ruffini, attori e attrici della compagnia teatrale livornese Mayor Von Frinzius. Nata nel 1997, collabora con l’associazione Haccompagnami ed è diretta da Lamberto Giannini.
È composta da 97 attori, metà di essi sono persone con disabilità. Allo spettacolo “UP & Down” prendono parte sei attori di questa compagnia: uno di loro è autistico e gli altri cinque hanno la Sindrome di Down.

Lo scheletro dello spettacolo è costruito sull’intenzione di Paolo Ruffini di realizzare uno straordinario One Man Show, con imponenti scenografie ed effetti speciali. Parte però una sequela di boicottaggi e rocambolesche interruzioni in cui gli attori fanno irruzione dimostrando di essere molto più abili di lui.

E facendo inoltre capire che ci sono tante persone che non sono abili alla felicità o all’ascolto, ma che alla fine siamo tutti diversamente abili, diversamente normali e meravigliosamente diversi.

Una rappresentazione dai connotati surreali e dagli sviluppi inaspettati con una forte connotazione di improvvisazione, che interrompe le liturgie teatrali e offre al pubblico una vera e propria esperienza in cui le distanze tra palcoscenico e platea si annullano, e alla fine attori e spettatori si trovano per condividere un gesto rivoluzionario: un grande abbraccio.

Paolo Ruffini porta in scena questo spettacolo assieme ad attori davvero UP con la sindrome di Down, ma saranno proprio loro a contagiare tutti con la “Sindrome di UP”!.

continua a leggere dopo la pubblicità


Lezioni aperte: il pubblico diventa protagonista

Nei giorni precedenti lo spettacolo, il 5 e 6 novembre, sarà invece possibile seguire le lezioni aperte organizzate dalla Compagnia Mayor Von Frinzius. Non si tratta di una semplice dimostrazione del lavoro che registi e attori conducono durante l’anno, ma una vera e propria “esperienza”, da vivere in prima persona, pronti a mettersi in gioco ed emozionarsi.

Priva di una scaletta o di un copione, segue semplicemente il pensiero del regista Lamberto Giannini, che guida attori e pubblico in un continuo susseguirsi di esercizi teatrali volti a fornire pillole fondamentali per la padronanza di un palco, dall’utilizzo della voce al riempimento degli spazi.

A questi si aggiungono coreografie e scene tratte dallo spettacolo “AUGENBLICK – Non ora”. L’impronta eterogenea di questa tipologia di evento permette agli spettatori di vivere un’esperienza multipla, come attori e come pubblico, mai in maniera passiva.

Biglietto lezioni spettacolo: posto unico 15 euro; in prevendita su Vivaticket e alla biglietteria del Teatro Toniolo; i giorni della lezione, alla biglietteria del Teatro del Parco Bissuola.

Biglietto spettacolo: intero 20 euro, ridotto 15 euro; in prevendita su Vivaticket e alla biglietteria del Teatro Toniolo. Riduzioni previste per i possessori del biglietto per le lezioni spettacolo, per i diversamente abili e loro accompagnatori.

L’accesso agli spazi avverrà secondo protocollo anti-contagio COVID 19 con obbligo di possesso di CERTIFICAZIONE VERDE COVID 19 (GREEN PASS) come da Decreto Legge 23 luglio 2021, n. 105. Sono esonerati dall’obbligo i bambini sotto i 12 anni.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Storia di un albero. Oggi abbattuto in funzione di chissà quali esigenze, San Basilio è meno bella ora

"È stato un uomo, più di settant’anni fa a impiantare quel pioppo su quell’angolo di San Basilio. Quell’uomo era mio padre. Mia madre diceva a noi figlie, quello è l’albero che ha fatto nascere vostro padre e noi ai nostri figli, quello è l’albero che ha impiantato il nonno e i figli ai loro figli, quello è l’albero del bisnonno..."

Plateatici liberi a Venezia, ma mia madre non riesce più a passare. Lettere

Gran parte della città comprende e approva la delibera comunale che recita ”I pubblici esercizi possono occupare suolo pubblico anche in deroga alle limitazioni poste dalle norme vigenti, con il massimo della semplificazione amministrativa possibile, fino al 31 Luglio”. Ma la...

Le sirene esistono? Ecco un video reale di pescatori per farvi riflettere e decidere (video non manipolato)

Le sirene sono personaggi leggendari che hanno sempre accompagnato la mitologia di tutte le culture. In tempi moderni la questione si è ulteriormente arricchita grazie all'avvento di telecamere più economiche, così sono cominciati a circolare sedicenti video che le riprendevano. Le sirene...

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

19enne di Pianiga trovato morto a Padova. La disperazione della famiglia. Di Andreina Corso

Un ragazzo muore a 19 anni a Padova, all’interno di un capannone abbandonato poco distante dal Parco delle Mura, frequentato da chi si trova a vivere in strada, a cercare riparo e rifugio per la notte che sembra coprire con una...

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi in mezzo a barche e vaporetti, arrivano i vigili: diventa violento

Si tuffa dal Ponte degli Scalzi: un comportamento sconsiderato e incosciente che poteva finire in tragedia. Il fatto oggi, martedì mattina. L'uomo si getta nelle acque del Canal Grande dal Ponte degli Scalzi rischiando di schiantarsi sopra un mezzo di trasporto pubblico dell’Actv...

A Venezia turisti come prima della pandemia “Necessari trasporti adeguati”

"Venezia è ai livelli pre-pandemia di turisti: biglietterie, bus, pontili, vaporetti pieni, i lavoratori devono tornare a condizioni normali"

Lettere. Nuova legge sugli alloggi pubblici, Zaia tratta i veneti peggio delle altre regioni leghiste

NUOVA LEGGE ALLOGGI PUBBLICI: TANTA PROPAGANDA SULL’AUTONOMIA, MA PROPRIO IL POPOLO VENETO E’ TRATTATO DALLA REGIONE DI ZAIA PEGGIO DELLA LOMBARDIA! I VENETI “FIGLI DI UN NORD MINORE”?

Due Coca-Cola (per fare pipì) a Venezia? 8 euro (al banco). Lettere

Gentile cronista, premetto che sono di Treviso, non sono di provenienza "locale" e forse questo conta ancora nella vostra città. Lunedì 25 ottobre, mi trovavo con mia figlia, in gita a Venezia con altre famiglie e compagne di mia figlia. Visitando la vostra magica...

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia

Prende il viagra: la moglie chiama la polizia. 82 anni, dopo avere preso la pillolina blu ha tentato di avere un rapporto sessuale con la moglie. Ma la donna, sua coetanea, ha avuto paura "dell'impeto" ed ha chiamato la polizia.  E' inutile descrivere...

Pensioni: cosa vuol dire Quota 102

Pensioni: sembra segnata la strada, e va verso Quota 102. Ma che cos'è "Quota 102" che va a interessare una platea di 50mila persone in 2 anni? Quota 102 (che arriverebbe al posto di Quota 100 che si esaurisce il 31 dicembre) dall'anno...