29.8 C
Venezia
domenica 25 Luglio 2021

Pacchi alimentari distribuiti a Venezia, isole e terraferma

HomeCoronavirus VeneziaPacchi alimentari distribuiti a Venezia, isole e terraferma

Distribuiti in centro storico, terraferma, isole in meno di 24 ore un migliaio di kit alimentari per le famiglie in difficoltà. L’assessore Venturini: “Così combattiamo le nuove povertà del territorio. La Città si dimostra solidale”.

Pacchi alimentari distribuiti a Venezia, isole e terraferma

Venezia. Una distribuzione capillare che in poche ore, grazie ai volontari della Protezione civile, ha raggiunto tutto il territorio comunale: è scattata venerdì pomeriggio, 10 aprile, la consegna dei kit alimentari di prima necessità che l’Amministrazione comunale ha acquistato per aiutare i cittadini che si sono ritrovati dall’oggi al domani in difficoltà economica a causa dell’epidemia da Coronavirus.

Verso le 16 di venerdì un bilico con un migliaio di scatoloni con alimenti a lunga conservazione ha raggiunto la sede operativa della Protezione civile di via Mutinelli a Mestre: sono subito iniziate le operazioni di scarico e di divisione dei pacchi, destinati a terraferma, centro storico e isole.

“In ogni scatolone sono conservati alimenti sufficienti per una persona per una settimana – spiega l’assessore alla Coesione sociale Simone Venturini, che ha coordinato le operazioni assieme al capo di gabinetto del sindaco Morris Ceron – Verranno distribuiti ai cittadini grazie alla collaborazione degli empori della solidarietà, delle parrocchie, delle mense caritative e del terzo settore. Questa operazione è una delle azioni principali che l’Amministrazione ha sviluppato per fronteggiare le povertà emergenti a causa del Covid-19, cui si aggiunge la distribuzione, già conclusa con successo per il primo migliaio di famiglie che ne hanno fatto domanda, dei Buoni Spesa spendibili nelle attività commerciali aderenti. Il sindaco Brugnaro ha fortemente voluto che tutto si concretizzasse prima di Pasqua, e per questo non posso che ringraziare di cuore per l’impegno e la passione i volontari della Protezione civile, i dirigenti e i dipendenti comunali e tutti i cittadini e associazioni che hanno fornito il loro apporto”.

I kit alimentari raggiungeranno quindi le case dei veneziani in difficoltà prima della domenica di Pasqua: “Ci saranno anche delle tradizionali colombe e uova di cioccolato donate da una nota azienda del territorio e da alcuni tabaccai – aggiunge Venturini – Una gara di solidarietà che allieterà, per quanto possibile, questi difficili giorni di festa. Quella scattata ieri è solo la prima tranche di consegne, ne seguiranno altre nei prossimi giorni”.

Venerdì i furgoni della Protezione Civile hanno raggiunto le sedi di numerose parrocchie e realtà solidali di Mestre, Marghera e Chirignago, mentre sabato mattina è stata la volta di Venezia, Lido, Pellestrina e isole. Alle operazioni hanno partecipato anche alcuni esponenti dell’Amministrazione comunale tra cui, oltre all’assessore Venturini e al capo di gabinetto Ceron, gli assessori Giorgio D’Este, Paolo Romor e Michele Zuin.


Buoni Spesa
Per quanto riguarda i Buoni Spesa, fino alle ore 12 di martedì 14 aprile sarà possibile farne richiesta attraverso un apposito modulo sulla piattaforma DiMe, dopodiché scatterà la seconda tranche di distribuzione. E’ online anche la convenzione rivolta agli esercenti che intendono partecipare all’iniziativa e l’elenco delle attività che già accettano i buoni.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.