5.7 C
Venezia
venerdì 15 Gennaio 2021

Otto Marzo dedicato – Donne che vivono nelle case di Riposo. Di Andreina Corso

Home società Otto Marzo dedicato - Donne che vivono nelle case di Riposo. Di Andreina Corso
sponsor

Otto  Marzo dedicato - Donne che vivono nelle case di Riposo. Di Andreina Corso

sponsor

Ecco, vi vedo, mi fermo e vi osservo.
Il capo chino, le mani a scaldarsi sotto le ascelle.
Siete là, foglie staccate dal ramo,
finite in quel posto trascinate dal vento.
La luna dell’alto vi guarda e piange.
Chi siete,
qual è il vostro nome smarrito nelle ore senza domani,
perché è sparita la luce dai vostri sguardi
e dove avete nascosto il vostro sorriso di donna?
Il mondo del fuori vi guarda e vi ignora,
rami secchi di gemme consunte i ricordi
annebbiati dalla mente pietosa
accolgono i bianchi capelli nevosi.
È là, in quel posto, in quella cuccia
a scontare la condanna di essere vecchie
che l’umanità si disperde nei passi lontani.

commercial

Andreina Corso

sponsor

TEMI PIU' RICERCATI

sponsor

2 COMMENTS

  1. Egregio signor Alessandro,
    La ringrazio per averci consegnato la voce di una persona anziana che esprime tutto il malessere, l’umiliazione di sentirsi destinata in un luogo che non è la sua casa, che sa di non uscire più da quel ‘posto’, che deve adattarsi a nuove abitudini, a nuovi volti, spesso tristi e piegati, come il suo. La separazione dalla propria famiglia, dagli affetti più cari, spesso distrugge un corpo già indebolito dall’età avanzata e lo sconforto dell’anima è irreversibile. Va detto, per onestà intellettuale che vi sono residenze per anziani che hanno molto a cuore il benessere dei loro ospiti. Curano iniziative culturali, stimolano gli interessi con attività mirate e cercano di restituire un’armonia ferita nell’animo. Lo fanno con convinzione e generosità e sono ammirevoli. Talvolta, nell’incontrare gli anziani durante i nostri appuntamenti di lettura, di reciproco ascolto, mi chiedo:cosa sappiamo in fondo di loro? E di noi? Perché esistono questi luoghi? Cosa è successo alla nostra umanità? Ci sono situazioni davvero difficili da affrontare a casa e si sa che oggi la vita è una corsa ad ostacoli, i familiari spesso raccontano il processo di necessità che li ha portati ad affidare il padre o la madre ad una residenza mirata. Anche loro soffrono nella stragrande maggioranza dei casi, ma che fare, dicono, senza un’assistenza domiciliare sociosanitaria adeguata, come conciliare lavoro e esigenza di cura? Tanti interrogativi, anche inespressi accompagnano l’ultimo atto di una vita confortato dai parenti che li vanno a trovare (c’è anche chi non ha nessuno, purtroppo. . .). Sui comodini accanto al letto ci sono le fotografie dei figli e dei nipoti, talvolta le nascondono fra le coperte sulla carrozzella e poi all’improvviso le mostrano alle amiche, alle volontarie, alle animatrici, lo sguardo si risveglia, sorridono, qualche lacrima di felicità da dividere come il pane tra di noi, che più tardi però usciamo e torniamo a casa.
    Grazie Alessandro

  2. Complimenti alla stimata Andreina. Testo che induce a provvide riflessioni.
    Vorrei qui proporre una lettera molto toccante di qualche tempo fa, scritta da un anziano, che induce alla riflessione ove le parole non servono più per comprendere il loro stato d’animo.

    “Quanti anni ho? Non lo so più, la mia memoria fa brutti scherzi ormai, qualcuno mi ha detto 88. Da quando sono stato male non riesco più a parlare, ma riesco ancora a pensare e scrivere. Da quando sono stato male i miei figli mi hanno ricoverato in questa struttura che chiamano casa di riposo: chissà perchè poi riposo, il riposo richiama alla serenità, dopo la stanchezza, dopo gli affanni, eppure quella stanchezza, quegli affanni, erano vita e ora c’è solo attesa, un’attesa senza speranze e senza gioia.
    Qui, dove sono, dipendo da delle badanti e dai loro umori e qualcuna si innervosisce perchè deve cambiarmi il pannolone, o urla perchè non voglio bere l’acqua quasi tiepida che mi fanno ingurgitare.
    Dicono che ho la demenza senile perchè non parlo e tengo spesso gli occhi chiusi. Eppure capisco, capisco lo stato di abbandono affettivo in cui versiamo. Siamo diventati improduttivi, anzi lo eravamo già quando siamo andati in pensione e si sa, nella società fondata sul mercato se non produci più sei fuori, fuori da tutto. Tra noi detenuti in case di riposo non ci parliamo, nemmeno quelli che hanno ancora voce. Pensare che un tempo i vecchi erano quelli che parlavano di più, li mettevano a capotavola, con tutta la famiglia riunita e i figli e i nipoti e tutti ascoltavano il grande vecchio quando raccontava loro della sua vita trascorsa, delle esperienze, dei consigli che la vita gli aveva insegnato.
    Noi invece siamo tutti lì, sulle nostre carrozzine, in una saletta a guardare una televisione che parla da sola, senza pubblico e senza attenzione, la mattina in attesa del pranzo, il pomeriggio in attesa della cena e poi di nuovo così, giorno dopo giorno in attesa, in attesa di una fine che tarda a venire, come una liberazione per tutti, meno che per l’istituto che perde un cliente, anche se i clienti certamente non mancano.
    Quando anche quel poco di memoria se ne andrà si spegnerà la luce e rimarranno solo le stanze semivuote e i corridoi bianchi di questa casa che nemmeno il sole riesce più a scaldare”.

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

sponsor

Altri titoli

La morte di Daiana, 28 anni, mentre cammina in Strada Nova, sconvolge Venezia

La morte di Daiana, 28 anni, ha sconvolto la città. Già quando si riferiva di un improvviso malore per la giovane donna, mentre si...

Ospedale Civile: dimessa dal pronto soccorso va a casa a piedi e muore

Ospedale Civile di Civile ancora nelle prime pagine oggi. Una donna, visitata e dimessa dal pronto soccorso, è tornata a casa (con grande fatica) camminando...

Un Campagnolo a Venezia: la venezianità vista da un Millennial boy. Lettere

UN CAMPAGNOLO A VENEZIA: la venezianità vista da un Millennial boy Fin dai primi giorni di scuola superiore nel centro storico veneziano, il biglietto da...

Accoltellamento a Cannaregio, zona ex Umberto primo. Grave un uomo ferito all’addome

È successo oggi, sabato 9 gennaio, verso mezzogiorno. Per due uomini ospiti di un centro di accoglienza a Cannaregio 3143, in zona ex Umberto...

Veneto zona arancione, cosa cambia. Cosa si può fare

Veneto zona arancione. Nella spinosa situazione in cui non ha evidentemente voluto entrare il presidente Zaia, ci entrano i provvedimenti nazionali aggiustando l'Rt, sotto...

Coronavirus Venezia, quasi 10% di ricoveri in più in 3 giorni a Venezia e Mestre

Coronavirus Venezia e provincia che è ormai diventato come tirare i dadi ogni giorno. Al trend segnalato ieri con un leggero rallentamento dei numeri,...
commercial

Il virus torna a scuola: classi che riprendono subito fermate (due a Venezia)

La scuola è ripartita ma nella provincia di Venezia ben otto classi sono state fermate dopo la pausa natalizia. Sono quelle in cui ha...

È morto Ivone Pitteri della Taverna Brenta di Oriago

È scomparso ieri, domenica 10 gennaio, il titolare della Taverna Brenta di Oriago di Mira, Ivone Pitteri, a 60 anni. Era conosciuto e stimato....

Covid martedì in Veneto: numeri pesantissimi. Prima regione d’Italia per nuovi contagi

Covid oggi in Veneto che si apre con un dato molto pesante. Il numero dei morti per Covid-19 in Veneto registra oggi, martedì, 166 decessi...

Veneto in area Arancione: sospese linee 3 e 6 Actv

Il Veneto, come noto, diventa "zona arancione". Ciò comporta inevitabilmente anche conseguenze alla mobilità. Di pochi minuti fa l'avviso di Actv/Avm con cui si...

Veneto “arancione” oggi, ma a rischio zona rossa domani

Veneto "arancione", come abbiamo visto, ma esiste il rischio di finire addirittura in zona rossa con i numeri attuali per un molto probabile cambio...

Venezia surreale per il covid. La basilica di San Marco diventa “faro”

Di Giorgia Pradolin E' un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l'eco di qualche passo sui masegni,...
sponsor

8 e 9 gennaio, zona gialla e arancione: cosa si può fare oggi e nel week-end. Cosa cambia da lunedì 11

Zona arancione da domani, sabato 9 gennaio 2021. A causa dell'emergenza sanitaria da coronavirus, ancora per oggi i locali, bar e ristoranti, potranno restare...

Quando finisce il Grande Fratello VIP? La conferma di Signorini

Dopo un primo allungamento all'8 febbraio e le successive voci che parlavano di "finale il 15 febbraio", nell'ultima puntata di GF VIP Party Alfonso...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo. Ultima ora

Via libera alle crociere. Così il nuovo Dpcm in arrivo domani. La norma è contenuta nella bozza del nuovo Dpcm. Via libera a crociere navi italiane. Le...

Dati Covid Veneto oggi in calo. Flor “gela” Crisanti

Dati del Covid in Veneto oggi in calo nel bollettino odierno della Regione del Veneto. I nuovi contagi nelle ultime 24 ore sono 1.715,...

Zaia conferma variante inglese ma non solo: “In Veneto 8 mutazioni”

Zaia conferma la variante inglese del virus: "Il virus non è più lo stesso di marzo. Nella mia regione i genetisti dell'Istituto zooprofilattico delle...
commercial

Nuovo Dpcm: altra stretta, ma è scontro con le Regioni

Nuovo Dpcm, in arrivo un'altra stretta. Si andranno a modificare i coefficienti ma il focus sarà anti-movida con un ulteriore stop agli spostamenti. Il nuovo...

“Io non voglio vaccinarmi, cosa posso fare se mi obbligano?”. I consigli dell’avvocato

"Io non voglio vaccinarmi, ma al lavoro me lo impongono, posso essere licenziato?". "Mi hanno informato che dovrò vaccinarmi al lavoro, posso rifiutarmi?". Domande sempre...

Crisanti: “Variante Inglese responsabile in Veneto? Bloccare Regione!”

Andrea Crisanti: "Variante Inglese responsabile in Veneto? Bloccare Regione subito!". Il professore di Microbiologia all'Universita' di Padova "legge" le ultime dichiarazioni del governatore Luca...

Coronavirus Venezia, altri 12 morti in un giorno. Ulss 3 Serenissima vaccina più di tutte

Coronavirus Venezia e provincia: numeri dei nuovi contagiati in calo rispetto alla media giornaliera. Un dato che da speranza nonostante la fisiologica diminuzione di...

Ragazzina tagliata sulla bocca da coetaneo per emulare ghigno di Joker

Ragazzina tagliata sulla bocca da coetaneo, solo leggermente più grande, per farla assomigliare al sorriso-ghigno di Joker, l'antagonista dei film di Batman. Questa la terribile...

Emilio Deboschi – allunno dea terza ellementarre. Tema: I miei cari parenti.

(Riceviamo e pubblichiamo). Emilio Deboschi – allunno dea terza ellementarre. Tema: I miei cari parenti. ...
sponsor
error: Contenuto coperto da Copyright. Ogni trasgressione verrà perseguita a termini di legge. Questo messaggio costituisce informativa, l\'interessato del plagio non potrà quindi invocare la \"buona fede\" ai sensi di Legge.