8.1 C
Venezia
domenica 28 Novembre 2021

Ordine dei medici di Venezia: lockdown per alcuni? Di questo passo servirà

HomeCovid 19Ordine dei medici di Venezia: lockdown per alcuni? Di questo passo servirà
la notizia dopo la pubblicità

Un lockdown per i non vaccinati limiterebbe la diffusione del Covid senza danneggiare eccessivamente l’economia. Ne è convinto il presidente dell’Ordine dei medici di Venezia, Giovanni Leoni, che parlando alla ‘Dire’ spiega anche che purtroppo qualche iniziativa dovrà essere presa.

“Noi adesso viviamo una fase di aumento del contagio, la si vede, i numeri sono crescenti… La pandemia torna a pesare sull’attività ordinaria degli ospedali, che ha ancora milioni di prestazioni arretrate da recuperare”.
E in questo contesto, “la stragrande maggioranza dei ricoverati sono i non vaccinati, i vaccinati che hanno bisogno dell’ospedale sono una quantità residuale”.

Inoltre, “la diffusione avviene attraverso i no vax”. Al punto in cui siamo, continua Leoni, “sono convinto sia necessaria una stretta”.

Potrebbe essere l’obbligo vaccinale, almeno per alcune categorie; la concessione del green pass solo a fronte del vaccino e non più con un semplice tampone; il lockdown per i soli non vaccinati.
E quest’ultima “è la soluzione meno traumatica dal punto di vista politico, con una certa efficacia dal punto di vista sanitario”. Anche perché “sarebbe poi uno stimolo concreto ad aumentare il tasso di vaccinazione e ridurrebbe l’impatto a livello economico”.

Va infatti tenuto presente che “noi abbiamo l’obbligo di salvaguardare anche l’economia del Paese, non è possibile adesso che ci sono i vaccini tornare un’altra volta a una stretta pre-natalizia, con tutto quello che comporta”. Il green pass ci ha permesso finora di “vivere in uno stato di quasi totale libertà”, e “sarebbe assurdo tornare indietro”. Ma con la stagione fredda evidentemente non basta e “qualcosa, se la diffusione del virus continua con questa velocità, bisognerà per forza considerare”.

Quindi, “capisco sia pesante da un punto di vista politico e sociale, non voglio acuire scontri, ma penso- avverte Leoni- che tutti gli Italiani che si sono vaccinati e rispettano le regole, che sono la maggioranza, abbiano diritto di vivere la loro vita”.

Il paradosso è che per i non vaccinati “si torna alle origini, a Vo’ Euganeo, ai sistemi originari per limitare la pandemia”, ideati “quando non ce n’erano altri”.
Al lockdown, insomma. “Vo’ Euganeo è una testimonianza italiana, la prima, di come l’isolamento sociale limiti la diffusione del virus. È triste dover citare un’altra volta questo tipo di esperienza. Ma siamo tornati a fare una vita sostanzialmente normale… E ora torniamo un’altra volta a chiudere ristoranti, le attività culturali, ricreative? Torniamo un’altra volta a bloccare gli ospedali?”, conclude retorico.

continua a leggere dopo la pubblicità

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

redazione centrale
A cura della redazione centrale. Per inviare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta: una persona ha già commentato

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

spot_img

Studiare a casa? Un orizzonte che ci riguarda. Di Andreina Corso

Quanti bambini, quanti ragazzi sognerebbero di non andare a scuola, di studiare a casa, magari supportati dai genitori, se non devono andare a lavorare, dai nonni, dagli amici, dai vicini, guidati dai loro interessi nella scelta degli argomenti che più li...

Con l’addio alle Suore Imeldine la mia Salizada San Canciano non esiste più

(Seguito dell'articolo "La Venezia perduta. Le Suore Imeldine e la scuola a San Canciano che non esistono più") L’uscita da scuola. La fine delle lezioni, come l’inizio, era un altro rito. Si correva fuori, in un Campo San Canciano affollato di genitori, cercando con...

Venezia? Città invivibile per tutti. Lettere

In risposta a: “L’esodo da Venezia c’è ma è voluto e alcune categorie sono privilegiate”. La città è invivibile per tutti. Molti anziani non possono più muoversi di casa poiché quasi tutti gli appartamenti a Venezia non sono dotati di ascensore, c’è il...

Essere disabile di serie B a Venezia: se non hai la sedia a rotelle non ti credono

Cara Redazione, mi chiamo Maurizio Coluccio, 48 anni, nato a Novara, Assistente della Polizia di Stato in pensione per una malattia autoimmune rara, da esserne l'unico caso al Mondo, incurabile, tanto da dover ricorrere già per ben già due volte a trapianti...

Venezia in asfissia: mai così tanti turisti a fine ottobre

Venezia verso alle 11 ha chiuso i terminal di Piazzale Roma e Tronchetto ma fermarsi prima per usare i mezzi ha creato altra congestione

Venezia da oggi ha il ticket di ingresso. Potrà arrivare a 10 euro

Gli indotti che l'amministrazione potrà incassare riguarderanno verosimilmente i visitatori che arrivano con: grandi navi, autobus gran turismo, lancioni provenienti da altri comuni, treni, auto private, ecc.

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Arrivo a Venezia e subito multato in vaporetto per non aver obliterato, ma non è giusto

"Appena il tempo di sedersi e 2 addetti mi chiedono i biglietti che mostro prontamente. Mi dicono laconicamente che non sono stati validati e siamo in contravvenzione".

Mobbing e lavoro. Quando il mobbing è «illusione». Perché promesse di vari avvocati sono spesso «processualmente» irrealizzabili

Questo breve articolo non ha come scopo quello di citare giurisprudenza complessa o iniziare discorsi astratti e bizantini sul mobbing che non servono ad altro che a tediare il lettore nella migliore delle ipotesi o a creare false aspettative nella peggiore....

I plateatici dei bar di Venezia tornano al loro posto

I plateatici di Venezia torneranno al loro posto originale il 31/12/21 "rientrando" dalle espansioni concesse per compensare il lockdown.

“I veneziani DOC non hanno mai fatto niente: mille sigle, associazioni, solo per blaterare…”. Lettere

In risposta alla lettera: "Limitare il turismo per una ristretta parte di residenti di Venezia? Follia”. Il signor Francesco dimentica che Venezia è il capoluogo ( seppur bistrattato) e, il resto attorno è : centro storico, residenziale, ecc ecc. Spero per i suoi...

Il Natale che non c’è. Invito ai lettori: scriviamo chi sono i dimenticati

Scusino le lettrici e i lettori se scrivo in prima persona questo monologo diario che mi spunta in testa come un abete senza addobbi e confinato in un bosco che la mente ha voluto conservare. Non mi piacciono le luci, i...