20 C
Venezia
martedì 27 Luglio 2021

Omaggio a Dante. Di Andreina Corso

HomeArte e CulturaOmaggio a Dante. Di Andreina Corso

Omaggio a Dante

Ac/qua e poi lu/ce nel/la ter/ra gri/gia Acqua e poi luce nella terra grigia
il/lu/mi/na/no la vol/ta stel/la/re illuminano la volta stellare
tan/to e quan/to pre/te/se l’in/gor/di/gia. 3tanto e quanto pretese l’ingordigia.

Le/ nu/vo/le di/spo/ste spec/chio ma/re Le nuvole disposte specchio mare
dan/za/va/no fe/li/ci sul/le pun/te danzavano felici sulle punte
in sup/pli/ca di pa/ro/le a/ma/re.6 in supplica di parole amare.

Del cam/pa/ni/le er/ge/van rag/giun/te Del campanile ergevan raggiunte
le mu/ra a/bi/ta/te dai gab/bia/ni le mura abitate dai gabbiani
sto/rie di se/co/li di vi/te con/sun/te. 9 storie di secoli di vite consunte.

Venerdì Santo

1Ve/ner/dì san/to: un gior/no lon/ta/no Venerdì santo: un giorno lontano
fi/ni/va la mi/a vi/ta di bim/ba finiva la mia vita di bimba
na/sce/va una don/na nel pan/ta/no. 3 nasceva una donna nel pantano.

2Mi/o pa/dre con la men/te in tom/ba Mio padre con la mente in tomba
sa/pe/va la su/a fu/ga in vo/lo sapeva la sua fuga in volo
cor/sa pri/ma che la vi/ta in/com/ba. 6 corsa prima che la vita incomba.

3Tremò al grido di paura il dolo Tremò al grido di paura il dolo
a sì guardar la morte che si scaglia a sì guardar la morte che si scaglia
nella tristezza di quell’ uomo solo. 9 nella tristezza di quell’uomo solo.

1Pian/ge/va il pe/sco sul/la mu/ra/glia Piangeva il pesco sulla muraglia
per/de/va il so/le la lu/ce del rag/gio perdeva il sole la luce del raggio
get/tan/do/lo a ter/ra sul/la pa/glia . 12 gettandolo a terra sulla paglia.

2Si di/ce fos/se di un fi/ne mag/gio Si dice fosse di un fine maggio
Il ven/to dell’al/ba fi/no a se/ra il vento dell’alba fino a sera
sof/fio sul vol/to smar/ri/to co/rag/gio.15 soffio sul volto smarrito coraggio.

3Mo/ri/van sì la fiam/ma e la ce/ra Morivan sì la fiamma e la cera
su ma/ni in/fi/la/te fra le tem/pie su mani infilate fra le tempie
per o/scu/rar quel/la vi/ta che c’e/ra. 18 per oscurar quella vita che c’era.

1Dor/me la ter/ra fra le co/se am/pie Dorme la terra fra le cose ampie
lu/na già ap/pe/sa a basse vo/ci luna già appesa a basse voci
in/va/de an/co/ra la/gu/ne em/pie. 21 invade ancora lagune empie.

2Bru/cia l’a/bra/sio/ne de/gli au/da/ci Brucia l’abrasione degli audaci
co/stor già san/no il gu/sto del ma/le costor già sanno il gusto del male
sul/la go/la di uo/mi/ni ra/pa/ci. 24 sulla gola di uomini rapaci.

3La pie/tà nel si/len/zio a/bis/sa/le La pietà nel silenzio abissale
nu/tre il vuo/to del ran/co/re na/to nutre il vuoto del rancore nato
dal ter/ro/re che la vi/ta as/sa/le. 27 dal terrore che la vita assale.

1Chie/de/va an/co/ra a Dio a/iu/to Chiedeva ancora a Dio aiuto
Quel/l’uo/mo che mo/ri/va nel/la not/te quell’uomo che moriva nella notte
di quel gior/no sì tan/to com/bat/tu/to. 30 di quel giorno sì tanto combattuto.

2Suo/ni di tra/ver/so a vo/ci rot/te Suoni di traverso a voci rotte
sul ri/go mu/si/ca/le del do/lo/re sul rigo musicale del dolore
un si be/mol/le su no/te cor/rot/te. 33 un si bemolle su note corrotte.

3Pos/sa la vi/ta trar lin/fa mi/glio/re Possa la vita trar linfa migliore
dal vol/to ri/pie/ga/to sul/la spal/la dal volto ripiegato sulla spalla
se/gno a trac/ciar l’e/si/lio del cuo/re. 36 segno a tracciar l’esilio del cuore.

1A/pre il boc/cio/lo la ro/sa gial/la Apre il bocciolo la rosa gialla
sul bian/co e il ne/ro del/la sor/te sul bianco e il nero della sorte
a of/fri/re del/l’or/ro/re la fal/la. 39 a offrire dell’orrore la falla.

2Sen/za fan/fa/re e vo/ci di cor/te Senza fanfare e voci di corte ve/ner/dì già san/to si spe/gne/va: venerdì già santo si spegneva:
per lu/i si sbar/ra/va/no le por/te. 42 per lui si sbarravano le porte.

3La for/za del do/lo/re già co/glie/va La forza del dolore già coglieva
i suo/ni tra/fu/ga/ti dal/la sor/te i suoni trafugati dalla sorte
ch’ el ru/mo/re del bu/io na/scon/de/va.45 ch’el rumore del buio nascondeva.

1 Ven/ne il tem/po di un ven/to for/te Venne il tempo di un vento forte
a strap/pa/re fo/glie dai mu/ti ra/mi a strappare foglie dai muti rami
ra/di/ci am/bra/te di ci/glia stor/te.48 radici ambrate di ciglia storte.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Data prima pubblicazione della notizia:

Condividi la notizia, potrebbe interessare agli altri:

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

altre notizie dall'archivio qui sotto
spot
Advertisements
sponsor

Grazie per aver sfogliato la nostra pagina. La tua considerazione è un'attestazione per il nostro lavoro.
Questo giornale è libero e gratuito per tutti dal 2006.
E' gradito ai lettori perché teniamo le pubblicità in modo meno invasivo possibile anche se questo significa rinunciare a introiti.
Come hai potuto vedere, tutte le righe si leggono perfettamente e non ci sono finestre o video che si aprono contro la tua volontà.
Così come garantiamo la qualità dell'informazione pubblicando solo notizie verificate.
Per tutto questo non chiediamo nulla ma se vuoi sostenerci puoi farlo con il 5x1000. Oppure puoi scorrere le altre news e leggere un'altra notizia in modo da darci un punto in più nelle prossime rilevazioni statistiche. Infine, potresti cliccare il "Mi Piace" sul 'Like Page' di Facebook qui sotto.
Grazie e speriamo che tu possa tornare a trovarci presto, in modo da poterti essere ancora utili con il nostro giornale libero e gratuito.