mercoledì 19 Gennaio 2022
0.6 C
Venezia

Ferragosto sì ma con divieti, e tornano mascherine all’aperto

Homemascherine per coronavirusFerragosto sì ma con divieti, e tornano mascherine all'aperto

Ferragosto sì, ma con divieti e tornano, purtroppo, le mascherine all’aperto.
Ferragosto di divieti, dunque, controlli e in alcune zona anche con l’obbligo di mascherine.
La festa dell’Assunta anche quest’anno deve fare i conti con il Covid e con i numeri del contagio.
Tante le ordinanze comunali emesse per vietare assembramenti soprattutto in riva al mare: falò, fuochi d’artificio e sagre quest’anno resteranno un miraggio per tanti.
In molte località turistiche non si potranno raggiungere le spiagge per trascorrere la notte simbolo dell’estate.
Ad Ischia i sindaci di cinque comuni hanno firmato provvedimenti che vietano i bivacchi e l’accensione di fuochi sugli arenili liberi.
A Sinnai, in Sardegna, il sindaco dopo avere imposto il distanziamento di 10 metri tra gli ombrelloni, ha vietato fino al 22 agosto (dalle 22 e alle 6) la vendita con asporto e il consumo in spazi all’aperto di bevande alcoliche.
Divieto di sbarco a Panarea, nelle Eolie, e “no” a mini concerti nei bar e nei pub.
Ieri sull’isola su 15 tamponi eseguiti, 14 sono risultati positivi al Coronavirus.
Per quanto riguarda il resto dell’arcipelago saranno possibili piccoli eventi musicali ma senza assembramento e chi partecipa dovrà esibire ai gestori il Green pass.
Una ordinanza, inoltre, obbliga l’uso delle mascherine nelle aree portuali di Lipari, Vulcano e Stromboli.

Per tutto il territorio della Sicilia fino al 16 agosto vige l’obbligo di indossare i dispositivi di protezione individuale nei luoghi turistici particolarmente frequentati.
Un provvedimento che è già operativo in altre zone d’Italia, mete di molti vacanzieri, come San Felice al Circeo e a Ponza.
Proprio sull’isola pontina tre persone sono state denunciate all’Autorità Giudiziaria e 16 esercizi pubblici multati nell’ambito dei controlli del Nas sul rispetto delle norme anti Covid.
Sempre in tema di controlli un locale è stato chiuso a Perugia per le mancate verifiche dei Green pass, ma anche per avere consentito che centinaia di persone ballassero all’interno “in assoluta violazione delle norme di sicurezza a tutela della salute pubblica”.

Quella di Ferragosto si annuncia, quindi, come una domenica di intenso lavoro per le forze dell’ordine: carabinieri, polizia e guardia di finanza lavoreranno per evitare che si creino, soprattutto nelle ore serali, assembramenti nelle zone della movida.
Parte dell’attività sarà affidata anche a personale in borghese in modo da potere svolgere le verifiche in modo non invasivo soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo del certificato verde.
A Roma è previsto l’impiego di circa un migliaio di agenti che verranno dislocati oltre che nel centro storico anche nella zona del litorale, nei parchi (dove verrà impiegato anche personale a cavallo), laghi e altre località della provincia.

Così come nei giorni scorsi anche in questo week end si è registrata una corsa al tampone, forse per ottenere il Green pass e partire per le vacanze.
File si sono registrate nella Capitale e in tanti si sono rivolti ad hub e farmacie per poter effettuare il test.
A Termini attese anche di due ore: molti erano stranieri senza codice fiscale.
Stessa situazione anche ieri all’hub regionale gestito da Croce rossa, Asl Roma 1 e Ferrovie dello stato dove, grazie a un’iniziativa della Cri, da alcune settimane si effettuano tamponi gratuiti e senza prescrizione.


 

A Torino e Firenze, invece, è tornato il popolo del “no” al Green pass.
Nel capoluogo piemontese obiettivo della protesta è stato l’Open day vaccinale per i giovani tra i 12 e i 19 anni.
Alcune centinaia di persone si sono radunate in piazza Castello al grido di “giù le mani dai bambini”.
“Il gelato lo compriamo da soli. Non siamo Hansel e Gretel” e “Dolcetto o scherzetto” gli striscioni comparsi in piazza, chiaro riferimento all’iniziativa della Regione Piemonte di dare ai giovani che oggi sono sono vaccinati un buono per l’acquisto di un gelato.
A Firenze un presidio a pochi metri da piazza della Signoria.
I partecipanti, praticamente tutti senza mascherina, hanno esposto cartelli con scritte che rivendicano la libertà di scelta sui vaccini e la contrarietà all’uso del certificato verde.

Copyright 2021: www.lavocedivenezia.it .
Tutti i diritti sono riservati.
Duplicazione vietata. Condivisione consentita.

Redazione Venezia
Dalla redazione di Venezia. Per comunicare una segnalazione: [email protected]

La discussione è aperta (nessuna registrazione richiesta)

Please enter your comment!
Please enter your name here

Notizie più seguite dall'archivio

pubblicità

Malore fatale: a Cà savio morto 41enne

Un altro malore fatale. La sventura colpisce di nuovo a Cà Savio. Vittorio Gersich, 41 anni, del posto, è morto venerdì sera forse a causa di un attacco di cuore improvviso. Il 41enne si è accasciato per strada, poco distante dalla sua...

Pipì in calle e bottiglie di vetro vicino a un monumento: multa e daspo per 4 giovani

Multa e daspo per quattro giovani in campo Santa Margherita a Venezia per comportamenti che violavano il Regolamento di Polizia urbana.

Situazione Actv/Avm Venezia: Brugnaro convoca i sindacati

Nonostante a Venezia i flussi turistici siano ripresi, nei primi dieci mesi del 2021 situazione ricavi peggiore di quanto si prevedeva

Venezia. Match tra turiste ubriache per la pantegana. Vince l’animalista per ko tecnico alla 1a ripresa

Il video riporta una scena che si è svolta questa notte a Venezia, nello spiazzo dietro Rialto, di fronte al Fontego. Due ragazze, pare inglesi, sono al culmine di una bella serata, a quanto pare anche ben "allegre". Improvvisamente nasce una discordia....

Quando la città è troppo affollata di visitatori: “Venezia la si vuole piena di turisti”. Lettere

In risposta alla lettera: "A Venezia siamo scortesi? Gravissima protesta di una ragazza arrivata a detestare i veneziani". Venezia la si vuole piena di turisti !!! Questo e’ il business. Dai ragazzi, guardatevi negli occhi. Io a Venezia ci vivo da non Veneziano: le...

“Controlli Actv alle 7 del mattino per chi va in ospedale, ma non avete altri?”. Lettera

Controlli Actv in motoscafo: controllori alle 7 del mattino due fermate prima di quella dell'Ospedale. Ma volete dirmi che non avete proprio altri o altro da controllare? Settimana scorsa - purtroppo - mi sono dovuta recare per qualche mattina consecutiva all'Ospedale Civile...

Mestre, “prego biglietto”, tunisino fa il finimondo. Pugni e sputi: colpito anche infermiere del Suem. In tasca il foglio di Via

Tunisino violento da in escandescenze per i controlli anche dopo l'arrivo dei poliziotti.

Accattoni e abusivi molesti, ora basta: denuncio chi non fa nulla

Ennesimo caso di accattonaggio molesto accorso tra campo san Cassian e Rialto ad opera di clandestini o rifugiati che vengono lasciati liberi di circolare pur essendo ospitati nelle cooperative e nei centri di accoglienza coi noti sussidi pagati dai contribuenti. E'...

Non si è vaccinato: sospeso medico di base di Venezia, Castello

Salvatore Di Prisco, medico di base con ambulatorio a Venezia, nel sestiere di Castello, è stato sospeso dalla professione fino al 31 dicembre dal suo Ordine professionale. Il medico, molto preparato, con 34 anni di anzianità, con specializzazioni in otoiatrica e grande...

“Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”: un sondaggio per conoscersi e un comitato per il sostegno

Tra il serio e il faceto, “Tutta la Città Insieme!” lancia il Comitato FaVeRAT - “Famiglie Veneziane Rovinate dagli Affitti Turistici”. Per aderire, chiede di rispondere ad un sondaggio ed inviare racconti su come si convive con strutture ricettive nel proprio condominio...

Tornelli a Venezia nel 2022 perché quest’anno è invasione di turisti

Venezia quest'anno sta subendo una vera e propria invasione di turisti, tornati in massa come e più del 2019, per questo dal 2022 arriveranno i "tornelli". La misura è stata annunciata dal sindaco, assieme alla prenotazione e ad una 'app'....

Venezia salva la motonave “Concordia”, non sarà smantellata

A Venezia nuova vita per la motonave Concordia. Il Consiglio di Amministrazione di Actv S.p.A. ha deliberato di non procedere alla demolizione della motonave Concordia, ormai fuori servizio dalla fine del 2010 ed attualmente classificata come "galleggiante". La decisione è stata presa a...